di Tommy Maino - 01 aprile 2016

Prima di accelerare, si impara a frenare: la staccata perfetta

Continuiamo con le nostre pillole di guida, questa volta tocca alla frenata. ABS ed altri sistemi aiutano molto ma è l’esperienza che diventa determinante

Prima di accelerare, si impara a frenare: la staccata perfetta

Frenare correttamente un’auto nel corso degli anni è diventato sempre più semplice, in primo luogo perché gli impianti frenanti sono sempre più spesso sovradimensionati rispetto alle prestazioni della macchina su cui sono montati, in secondo luogo perché quasi tutte le automobili sono dotate dell’ABS. Il sistema antibloccaggio Antilock Braking System, evita che le ruote si blocchino durante le frenate più intense garantendo la guidabilità dell’auto. Ad accompagnare l’ABS troviamo il ripartitore di frenata elettronico che massimizza la capacità frenante distribuendo la forza tra un asse e l’altro, riuscendo così a sfruttare tutta l’aderenza generata dai pneumatici.Anche nel Motorsport, ed in particolare sulle GT, si è diffuso l’utilizzo dell’ABS che facilità il compito del pilota. Tutte le auto di classe GT3 e molte Cup dispongono di tale sistema, che mette al riparo da sgradevoli “spiattellate” ed allunga la vita delle gomme, fattore di non poco conto soprattutto nelle gare di durata.

 

FRENARE: DOVE E QUANTO?

Per eseguire una corretta frenata in pista con l’auto stradale, così come con quella da competizione, è necessario trovare un giusto riferimento per ognuna delle staccate del circuito. Di notevole aiuto sono i cartelli decrescenti che ricordano quanti metri mancano alla curva, sono sempre ben visibili e di facile lettura. Nei primi giri è meglio prendere un riferimento con ampio margine sulla distanza della curva per essere sicuri di non arrivare “lunghi”, successivamente giro dopo giro si può perfezionare la staccata spostando il riscontro sempre più avanti. L’approccio con il pedale del freno in pista non deve essere timido, sin dall’inizio della frenata è importante spingere forte caricando tanti kg al resto ci pensa l’ABS.

 

NON TUTTI GLI ABS SONO UGUALI

Su molte auto ad alte prestazioni il funzionamento di tale sistema è improntato, oltre che alla sicurezza di marcia, all’ottimizzazione della frenata in veste sportiva, nel senso che durante il suo intervento si sentono dei micro bloccaggi proprio perché sfrutta al massimo il grip delle gomme. In pista è possibile eseguire questi esercizi senza rischi, perché sempre più spesso le nuove vie di fuga di molti circuiti sono in asfalto e quindi non si corre nemmeno più il rischio di finire in ghiaia nel caso di un “lungo”.

 

Buona staccata!

 

PER PROPORRE AL NOSTRO TRACK TESTER I VOSTRI DUBBI O QUESITI SULLA GUIDA CLICCATE QUI

 

TUTTE LE PILLOLE DI TECNICA DI GUIDA LE TROVATE QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Aston Martin Vantage Roadster: la versione definitiva

Aston Martin Vantage Roadster: la versione definitiva

30 marzo 2020

A scuola con Mr Murray

A scuola con Mr Murray

29 marzo 2020

Pagani Imola: solo 5 esemplari per la massima evoluzione della Casa Emiliana

Pagani Imola: solo 5 esemplari per la massima evoluzione della Casa Emiliana

28 marzo 2020

Gemballa Avalanche 4.2 RS, ritorno a Dakar

Gemballa Avalanche 4.2 RS, ritorno a Dakar

27 marzo 2020

Hyundai i20 N: piccola e aggressiva

Hyundai i20 N: piccola e aggressiva

27 marzo 2020

Honda Acura NSX by Liberty Walk

Honda Acura NSX by Liberty Walk

26 marzo 2020

Alfa Romeo Giulia GTA: questa volta la lettera A ha un senso

Alfa Romeo Giulia GTA: questa volta la lettera A ha un senso

26 marzo 2020

KTM X-Bow GTX: ultraleggera da 600 Cv

KTM X-Bow GTX: ultraleggera da 600 Cv

25 marzo 2020

Toyota GR Yaris, vera auto da rally

Toyota GR Yaris, vera auto da rally

25 marzo 2020

Le auto da corsa omologate più amate da evo

Le auto da corsa omologate più amate da evo

24 marzo 2020