di Tommy Maino
- 01 October 2019

Il bagnato

Guidare sul bagnato impone attenzione e sensibilità. Ma bisogna anche scegliere traiettorie diverse da quelle che si impostano sull’asciutto.

Se va tutto come da programmi, difficile da prevedere con questo meteo svalvolato, dovrebbe essere la rubrica più “calda” del 2019. Quindi chiacchieriamo di piste roventi? Niente affatto, per cercare un po’ di refrigerio parliamo della pioggia e di come influisce sulla guida tra i nostri amati cordoli. Argomento che si lega perfettamente allo scorso, infatti, come dicevamo, la trazione integrale trova la sua massima espressione di rendimento proprio in questa difficile condizione. L’acqua presente al suolo, poca o tanta che sia, altera le condizioni di aderenza delle gomme e ci obbliga a ricalcolare le velocità e le distanze. Prima di continuare volevo aprire una piccola parentesi sul mondo degli pneumatici ed in particolare sulla loro declinazione track oriented: se in condizioni dry sono la scelta migliore, in wet – ovviamente – vanno in affanno, in misura proporzionale alla quantità di pioggia che ristagna sull’asfalto.

Il battistrada poco intagliato fatica ad evacuare l’acqua, quindi bisogna prestare particolare attenzione all’aquaplaning. Tornando agli accorgimenti da mettere in pratica alla svelta, dobbiamo rivedere i riferimenti per le staccate, visto che gli spazi di frenata si allungano per il minor grip. Meglio stare “abbottonati” ed acquisire dei margini di sicurezza rispetto al riscontro che avevamo con la pista asciutta, successivamente, giro dopo giro, avanziamo con la frenata ritardandola sempre più, finché troviamo un nuovo convincente riferimento. In questo frangente, come dicevo in una vecchia “pillola”, è di notevole aiuto staccare fuori traiettoria, andando alla ricerca dell’aderenza migliore.

Con la trazione posteriore si deve dosare con attenzione il gas per gestire il sovrasterzo

Ad un occhio poco attento potrebbe sembrare un errore di linea, in realtà è un prezioso accorgimento che i piloti più navigati mettono in pratica per ottimizzare la capacità frenante dell’auto. La traiettoria usuale più gommata diventa sdrucciolevole, quindi, meglio cercare nuovi spazi meno battuti. Altra palese difficoltà, è la scarsa motricità che emerge in fase di accelerazione. In particolare con le marce più basse, è necessario centellinare con cura il gas, onde evitare sgradevoli pattinamenti che possono mutare – se la trazione è affidata alle ruote posteriori ed i controlli sono in off - in goduriosi sovrasterzi di potenza ma, specialmente per i neofiti, non sempre facili da controllare.

Può essere utile, in alcune curve, utilizzare una marcia più alta. Questo accorgimento serve per avere una risposta più “morbida” da parte del motore, a tutto vantaggio della trazione. Un’ulteriore preziosa accortezza, in questa difficile condizione di scarso grip, è la “lettura” della pista. Mi spiego meglio: nei vari circuiti, i ristagni d’acqua, emergono sempre negli stessi punti, dobbiamo solo plasmare le nostre linee per evitarli attendendo che la pista evolva e si asciughi progressivamente. Concludendo, se incappiamo in una giornata in pista funestata dalla pioggia, no panic! Può essere una ghiotta opportunità per allenare le capacità di controllo dell’auto ed elevare la qualità della nostra guida.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Porsche Taycan Turbo S VS McLaren P1: il bene contro il male

Due diverse concezioni, entrambe molto prestazionali, stessa accelerazione sullo 0-100 ma filosofie progettuali totalmente opposte. In uan drag race chi la spunta?

Porsche Taycan Turbo S VS McLaren P1: il bene contro il male

12 September 2020

Porsche Panamera 2020: ancora più performante e divertente

Con un prezzo di 97.800 euro per la versione base a trazione posteriore, la Porsche Panamera restyling è già ordinabile anche in Italia ma le prime consegne sono fissate per ottobre.

Porsche Panamera 2020: ancora più performante e divertente

10 September 2020

La Volkswagen Golf 8 si fa in cinque

A breve saranno disponibili anche tutte le varianti ibride della nuova media di Wolfsburg: si tratta di cinque diverse versioni, tre mild hybrid e due plug-in hybrid.

La Volkswagen Golf 8 si fa in cinque

09 September 2020

Nurburgring: Tesla Model 3 Performance più veloce di Porsche 911 GT3 RS?

Sull’iconico e difficilissimo tracciato denomina Inferno Verde sembra proprio che la berlina vitaminizzata di Palo Alto sia in grado di star dietro se non persino superare una Porsche 911 con gli attributi.

Nurburgring: Tesla Model 3 Performance più veloce di Porsche 911 GT3 RS?

08 September 2020

Garmin Catalyst: il driver coach virtuale per la pista

Una volta montato sul cruscotto raccoglie i vostri dati e vi fornisce in tempo reale indicazioni e suggerimenti anche audio per migliorare le vostre sessioni in pista.

Garmin Catalyst: il driver coach virtuale per la pista

07 September 2020

Tesla Model 3 sconfitta dalla Pikes Peak

Uno spettacolare incidente ma per fortuna senza gravi conseguenze ha definitivamente fermato la vettura di Palo Alto preparata dai ragazzi di Unplugged Performance.

Tesla Model 3 sconfitta dalla Pikes Peak

07 September 2020

Bmw M3 Touring? Presto sarà realtà

Audi RS4 Avant e Mercedes-AMG C63 Wagon sono state avvisate. La Casa dell’Elica metterà per la prima volta in commercio una versione station wagon della sua poderosa M3.

Bmw M3 Touring? Presto sarà realtà

06 September 2020

Ferrari 488 Pista vs Ferrari F40: testa a testa in quel di Maranello

Classica drag race sul quarto di miglio tra cavalline rampanti, rappresentative di epoche molto distanti tra loro. Chi avrà avuto la meglio?

Ferrari 488 Pista vs Ferrari F40: testa a testa in quel di Maranello

05 September 2020

Test dell’Alce indigesto per la Porsche Taycan

Risultato non proprio eccellente quello della sportiva elettrica di Zuffenhausen che nel test del doppio evitamento ostacolo non ha brillato poi più di tanto.

Test dell’Alce indigesto per la Porsche Taycan

04 September 2020

Lamborghini Huracán Evo: il nostro hot lap

Di primo acchito sembrerebbe essersi un po’ troppo “imborghesita” l’ultima evoluzione della supercar del Toro. Invece basta solo un “click” per ritrovare il carattere che la separa dall’Audi R8, con cui condivide parte della meccanica. Nel nuovo numero di evo, l'abbiamo testata. Vi mostriamo il video dell'Hot Lap del nostro pilota ufficiale, Tommy Maino.

Lamborghini Huracán Evo: il nostro hot lap

03 September 2020