Il bagnato

Guidare sul bagnato impone attenzione e sensibilità. Ma bisogna anche scegliere traiettorie diverse da quelle che si impostano sull’asciutto.

Se va tutto come da programmi, difficile da prevedere con questo meteo svalvolato, dovrebbe essere la rubrica più “calda” del 2019. Quindi chiacchieriamo di piste roventi? Niente affatto, per cercare un po’ di refrigerio parliamo della pioggia e di come influisce sulla guida tra i nostri amati cordoli. Argomento che si lega perfettamente allo scorso, infatti, come dicevamo, la trazione integrale trova la sua massima espressione di rendimento proprio in questa difficile condizione. L’acqua presente al suolo, poca o tanta che sia, altera le condizioni di aderenza delle gomme e ci obbliga a ricalcolare le velocità e le distanze. Prima di continuare volevo aprire una piccola parentesi sul mondo degli pneumatici ed in particolare sulla loro declinazione track oriented: se in condizioni dry sono la scelta migliore, in wet – ovviamente – vanno in affanno, in misura proporzionale alla quantità di pioggia che ristagna sull’asfalto.

Il battistrada poco intagliato fatica ad evacuare l’acqua, quindi bisogna prestare particolare attenzione all’aquaplaning. Tornando agli accorgimenti da mettere in pratica alla svelta, dobbiamo rivedere i riferimenti per le staccate, visto che gli spazi di frenata si allungano per il minor grip. Meglio stare “abbottonati” ed acquisire dei margini di sicurezza rispetto al riscontro che avevamo con la pista asciutta, successivamente, giro dopo giro, avanziamo con la frenata ritardandola sempre più, finché troviamo un nuovo convincente riferimento. In questo frangente, come dicevo in una vecchia “pillola”, è di notevole aiuto staccare fuori traiettoria, andando alla ricerca dell’aderenza migliore.

Con la trazione posteriore si deve dosare con attenzione il gas per gestire il sovrasterzo

Ad un occhio poco attento potrebbe sembrare un errore di linea, in realtà è un prezioso accorgimento che i piloti più navigati mettono in pratica per ottimizzare la capacità frenante dell’auto. La traiettoria usuale più gommata diventa sdrucciolevole, quindi, meglio cercare nuovi spazi meno battuti. Altra palese difficoltà, è la scarsa motricità che emerge in fase di accelerazione. In particolare con le marce più basse, è necessario centellinare con cura il gas, onde evitare sgradevoli pattinamenti che possono mutare – se la trazione è affidata alle ruote posteriori ed i controlli sono in off - in goduriosi sovrasterzi di potenza ma, specialmente per i neofiti, non sempre facili da controllare.

Può essere utile, in alcune curve, utilizzare una marcia più alta. Questo accorgimento serve per avere una risposta più “morbida” da parte del motore, a tutto vantaggio della trazione. Un’ulteriore preziosa accortezza, in questa difficile condizione di scarso grip, è la “lettura” della pista. Mi spiego meglio: nei vari circuiti, i ristagni d’acqua, emergono sempre negli stessi punti, dobbiamo solo plasmare le nostre linee per evitarli attendendo che la pista evolva e si asciughi progressivamente. Concludendo, se incappiamo in una giornata in pista funestata dalla pioggia, no panic! Può essere una ghiotta opportunità per allenare le capacità di controllo dell’auto ed elevare la qualità della nostra guida.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Automobili Estrema Fulminea, Nomen omen all' ennesima potenza.

Spinta da 4 motori elettrici da 2040 CV complessivi promette prestazioni esaltanti e 500 km di autonomia.

Automobili Estrema Fulminea, Nomen omen all' ennesima potenza.

17 May 2021

Pagani Zonda Revolucion: all’asta in Giappone uno dei 5 esemplari, prezzi da capogiro

Potrebbe superare i 7 milioni di dollari, è l’unica con il carbonio blu a vista

Pagani Zonda Revolucion: all’asta in Giappone uno dei 5 esemplari, prezzi da capogiro

15 May 2021

Porsche: Macan e Boxster sulla via dell’elettrificazione, attese le varianti elettriche

Grande attenzione alla piattaforma PPE, forse impiegata anche per la Boxster

Porsche: Macan e Boxster sulla via dell’elettrificazione, attese le varianti elettriche

14 May 2021

Officine Fioravanti Testarossa, Miami Vice remastered.

Preparate gli occhiali da sole e la cassetta di Phil Collins, la poster-car più iconica degli anni '80 è tornata.

Officine Fioravanti Testarossa, Miami Vice remastered.

13 May 2021

Nuova Polo GTI 2021, anticipata la prossima generazione della Hot Hatch tedesca

Nuova Polo GTI 2021, anticipata la prossima generazione della Hot Hatch tedesca

12 May 2021

GMA Project Two, la T50 Low Cost

V12, cambio manuale, aereodinamica tradizionale. What else?

GMA Project Two, la T50 Low Cost

12 May 2021

Lotus Elise: addio alla sportiva britannica

Lotus ha fatto sapere che non verrà portato avanti lo sviluppo della mitica Elise, presentata a Francoforte nel lontano 1995.

Lotus Elise: addio alla sportiva britannica

11 May 2021

Suzuki Misano, il ritorno delle Dream Car

Quando di cognome fai Suzuki e porti il nome di uno dei circuiti più iconici del panorama italiano, le aspettative non possono che essere molto alte.


Suzuki Misano, il ritorno delle Dream Car

11 May 2021

Ferrari 812 Competizione: 830 CV per dire addio all’ultimo V12 aspirato di Maranello

La Ferrari 812 Competizione è l’ultima nata tra la versioni speciali del costruttore di Maranello, derivata dalla già sorprendente 812 Superfast.

Ferrari 812 Competizione: 830 CV per dire addio all’ultimo V12 aspirato di Maranello

10 May 2021

Toyota GR 86: 2,4 litri per 235 CV

La coupé realizzata in collaborazione con Subaru si rinnova, mantenendo il motore aspirato, la trazione posteriore e il peso sotto i 1.300 kg

Toyota GR 86: 2,4 litri per 235 CV

21 April 2021