Il bagnato

Guidare sul bagnato impone attenzione e sensibilità. Ma bisogna anche scegliere traiettorie diverse da quelle che si impostano sull’asciutto.

Se va tutto come da programmi, difficile da prevedere con questo meteo svalvolato, dovrebbe essere la rubrica più “calda” del 2019. Quindi chiacchieriamo di piste roventi? Niente affatto, per cercare un po’ di refrigerio parliamo della pioggia e di come influisce sulla guida tra i nostri amati cordoli. Argomento che si lega perfettamente allo scorso, infatti, come dicevamo, la trazione integrale trova la sua massima espressione di rendimento proprio in questa difficile condizione. L’acqua presente al suolo, poca o tanta che sia, altera le condizioni di aderenza delle gomme e ci obbliga a ricalcolare le velocità e le distanze. Prima di continuare volevo aprire una piccola parentesi sul mondo degli pneumatici ed in particolare sulla loro declinazione track oriented: se in condizioni dry sono la scelta migliore, in wet – ovviamente – vanno in affanno, in misura proporzionale alla quantità di pioggia che ristagna sull’asfalto.

Il battistrada poco intagliato fatica ad evacuare l’acqua, quindi bisogna prestare particolare attenzione all’aquaplaning. Tornando agli accorgimenti da mettere in pratica alla svelta, dobbiamo rivedere i riferimenti per le staccate, visto che gli spazi di frenata si allungano per il minor grip. Meglio stare “abbottonati” ed acquisire dei margini di sicurezza rispetto al riscontro che avevamo con la pista asciutta, successivamente, giro dopo giro, avanziamo con la frenata ritardandola sempre più, finché troviamo un nuovo convincente riferimento. In questo frangente, come dicevo in una vecchia “pillola”, è di notevole aiuto staccare fuori traiettoria, andando alla ricerca dell’aderenza migliore.

Con la trazione posteriore si deve dosare con attenzione il gas per gestire il sovrasterzo

Ad un occhio poco attento potrebbe sembrare un errore di linea, in realtà è un prezioso accorgimento che i piloti più navigati mettono in pratica per ottimizzare la capacità frenante dell’auto. La traiettoria usuale più gommata diventa sdrucciolevole, quindi, meglio cercare nuovi spazi meno battuti. Altra palese difficoltà, è la scarsa motricità che emerge in fase di accelerazione. In particolare con le marce più basse, è necessario centellinare con cura il gas, onde evitare sgradevoli pattinamenti che possono mutare – se la trazione è affidata alle ruote posteriori ed i controlli sono in off - in goduriosi sovrasterzi di potenza ma, specialmente per i neofiti, non sempre facili da controllare.

Può essere utile, in alcune curve, utilizzare una marcia più alta. Questo accorgimento serve per avere una risposta più “morbida” da parte del motore, a tutto vantaggio della trazione. Un’ulteriore preziosa accortezza, in questa difficile condizione di scarso grip, è la “lettura” della pista. Mi spiego meglio: nei vari circuiti, i ristagni d’acqua, emergono sempre negli stessi punti, dobbiamo solo plasmare le nostre linee per evitarli attendendo che la pista evolva e si asciughi progressivamente. Concludendo, se incappiamo in una giornata in pista funestata dalla pioggia, no panic! Può essere una ghiotta opportunità per allenare le capacità di controllo dell’auto ed elevare la qualità della nostra guida.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

La Supra perfetta in vendita: aperte le scommesse sullo stratosferico prezzo finale

Una A80 completamente originale e in condizioni cliniche è in vendita, aspettiamoci di tutto

La Supra perfetta in vendita: aperte le scommesse sullo stratosferico prezzo finale

23 July 2021

10 milioncini per una folle CLK GTR Strassenversion

L'esemplare numero 9 di 20 della omologata stradale by Mercedes e AMG è in vendita ad una cifra pazzesca... che rispecchia un'auto pazzesca

10 milioncini per una folle CLK GTR Strassenversion

23 July 2021

La Urus raggiunge quota 15.000 esemplari prodotti

L'invasione dei Suv continua, con la Urus che in un solo triennio diventa la Lambo più venduta di sempre

La Urus raggiunge quota 15.000 esemplari prodotti

22 July 2021

ESMotors ha creato una 991 Turbo S con 1.355 cavalli (minimo)

L'azienda turca adora mettere a dura prova i proprietari di Hypercar, con questa 911 che passa da 1.200 pacati cavalli ad anche 1.600

ESMotors ha creato una 991 Turbo S con 1.355 cavalli (minimo)

22 July 2021

Presentata a Monza la Peugeot 9X8 Le Mans che correrà nella categoria Hypercar

Durante la 6 Ore del WEC la casa del Leone ha svelato la sua risposta a Toyota, così siamo andati a dare un'occhiata

Presentata a Monza la Peugeot 9X8 Le Mans che correrà nella categoria Hypercar

21 July 2021

Novitec ha messo le mani anche sulla SF90 Stradale

1.035 cavalli (non un aumento vertiginoso), interni personalizzabili, assetto ribassato e cerchi Vossen da 21''

Novitec ha messo le mani anche sulla SF90 Stradale

21 July 2021

La Jimny tira fuori gli attributi con Liberty Walk

Niente supercar stavolta, l'azienda giapponese si è concentrata sulla tenera Suzuki per renderla cattiva quanto una G-Wagon AMG

La Jimny tira fuori gli attributi con Liberty Walk

20 July 2021

Audi svela le nuove RS3 Sportback e Sedan

Sempre 400 cavalli ma più coppia, carrozzeria più aggressiva, 290 km/h di velocità massima e una simpatia per i traversi

Audi svela le nuove RS3 Sportback e Sedan

20 July 2021

Koenigsegg inizia la produzione della Jesko

La Hypercar dalle prestazioni folli arriverà ad inizio 2022 ridefinendo il concetto di velocità

Koenigsegg inizia la produzione della Jesko

19 July 2021

Everrati ha elettrificato una Ford GT40

Esatto, una delle pietre miliari nella storia delle corse americane è stata sminuita con un motore elettrico al posto del suo V8. E il fatto che sia una replica non ci rende la cosa meno amara...

Everrati ha elettrificato una Ford GT40

19 July 2021