di Tommy Maino
- 01 October 2019

Il bagnato

Guidare sul bagnato impone attenzione e sensibilità. Ma bisogna anche scegliere traiettorie diverse da quelle che si impostano sull’asciutto.

Se va tutto come da programmi, difficile da prevedere con questo meteo svalvolato, dovrebbe essere la rubrica più “calda” del 2019. Quindi chiacchieriamo di piste roventi? Niente affatto, per cercare un po’ di refrigerio parliamo della pioggia e di come influisce sulla guida tra i nostri amati cordoli. Argomento che si lega perfettamente allo scorso, infatti, come dicevamo, la trazione integrale trova la sua massima espressione di rendimento proprio in questa difficile condizione. L’acqua presente al suolo, poca o tanta che sia, altera le condizioni di aderenza delle gomme e ci obbliga a ricalcolare le velocità e le distanze. Prima di continuare volevo aprire una piccola parentesi sul mondo degli pneumatici ed in particolare sulla loro declinazione track oriented: se in condizioni dry sono la scelta migliore, in wet – ovviamente – vanno in affanno, in misura proporzionale alla quantità di pioggia che ristagna sull’asfalto.

Il battistrada poco intagliato fatica ad evacuare l’acqua, quindi bisogna prestare particolare attenzione all’aquaplaning. Tornando agli accorgimenti da mettere in pratica alla svelta, dobbiamo rivedere i riferimenti per le staccate, visto che gli spazi di frenata si allungano per il minor grip. Meglio stare “abbottonati” ed acquisire dei margini di sicurezza rispetto al riscontro che avevamo con la pista asciutta, successivamente, giro dopo giro, avanziamo con la frenata ritardandola sempre più, finché troviamo un nuovo convincente riferimento. In questo frangente, come dicevo in una vecchia “pillola”, è di notevole aiuto staccare fuori traiettoria, andando alla ricerca dell’aderenza migliore.

Con la trazione posteriore si deve dosare con attenzione il gas per gestire il sovrasterzo

Ad un occhio poco attento potrebbe sembrare un errore di linea, in realtà è un prezioso accorgimento che i piloti più navigati mettono in pratica per ottimizzare la capacità frenante dell’auto. La traiettoria usuale più gommata diventa sdrucciolevole, quindi, meglio cercare nuovi spazi meno battuti. Altra palese difficoltà, è la scarsa motricità che emerge in fase di accelerazione. In particolare con le marce più basse, è necessario centellinare con cura il gas, onde evitare sgradevoli pattinamenti che possono mutare – se la trazione è affidata alle ruote posteriori ed i controlli sono in off - in goduriosi sovrasterzi di potenza ma, specialmente per i neofiti, non sempre facili da controllare.

Può essere utile, in alcune curve, utilizzare una marcia più alta. Questo accorgimento serve per avere una risposta più “morbida” da parte del motore, a tutto vantaggio della trazione. Un’ulteriore preziosa accortezza, in questa difficile condizione di scarso grip, è la “lettura” della pista. Mi spiego meglio: nei vari circuiti, i ristagni d’acqua, emergono sempre negli stessi punti, dobbiamo solo plasmare le nostre linee per evitarli attendendo che la pista evolva e si asciughi progressivamente. Concludendo, se incappiamo in una giornata in pista funestata dalla pioggia, no panic! Può essere una ghiotta opportunità per allenare le capacità di controllo dell’auto ed elevare la qualità della nostra guida.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Lamborghini Huracán STO: dalla pista alla strada

Ecco l’ultima evoluzione in chiave corsaiola della supercar del Toro. Il suo biglietto da visita: stesso V10 da 640 Cv della Performante, 43 kg di peso in meno, trazione posteriore, carreggiate allargate e un’aerodinamica ancora più spinta. Il listino parte da 304.283 euro.

Lamborghini Huracán STO: dalla pista alla strada

27 November 2020

Toyota Yaris GR: il Nurburgring cade ai suoi piedi

Sull’iconico Inferno Verde la Yaris by Gazoo Racing ha fermato il cronometro sotto gli 8 minuti nel time attack sul giro Bridge-to-Gantry.

Toyota Yaris GR: il Nurburgring cade ai suoi piedi

27 November 2020

Nuova Subaru BRZ: perché non è turbo?

Il sistema di sovralimentazione avrebbe alzato il baricentro dell'auto e aumentato il peso del motore, peggiorandone la dinamica di guida.

Nuova Subaru BRZ: perché non è turbo?

26 November 2020

La Ferrari F50 è quanto di più simile a una Formula Uno

A dirlo è stato nientemeno che Tiff Needell dopo aver messo a ferro e fuoco la supercar di Maranello su una strada ricca di curve.

La Ferrari F50 è quanto di più simile a una Formula Uno

26 November 2020

Come suona una Ferrari F40 LM con scarico diretto?

Un suono talmente idilliaco ed esagerato da funzionare meglio di una caraffa di caffè presa la mattina appena sveglio.

Come suona una Ferrari F40 LM con scarico diretto?

25 November 2020

Sull’iconico Inferno Verde è possibile trovare anche un trattore

Spinto dal suo poderoso 6 cilindri da 12,8 litri di cilindrata e 500 Cv, il Claas Xerion 5000 Trac VC ha portato a termine un intero giro del Nürburgring.

Sull’iconico Inferno Verde è possibile trovare anche un trattore

25 November 2020

Ecco come la Koenigsegg Jesko produce tutti quei cavalli e supera le emissioni

Fino a 1.600 CV e 1.500 Nm, un telaio monoscocca in fibra di carbonio e un’aerodinamica particolarmente studiata sono le carte in tavola di una fra le più innovative delle hypercar di ultima generazione.

Ecco come la Koenigsegg Jesko produce tutti quei cavalli e supera le emissioni

24 November 2020

La Bugatti Chiron Pur Sport è l'auto nuova meno efficiente che puoi acquistare

Con un consumo medio secondo l’EPA di 4 chilometri al litro di carburante, la Bugatti Chiron Pur Sport è una vera e propria idrovora di benzina verde.

La Bugatti Chiron Pur Sport è l'auto nuova meno efficiente che puoi acquistare

24 November 2020

La Ford Mustang di Ken Block annichilisce una McLaren Senna

In una classica drag race la vettura dell’iconico stuntman e pilota di rally statunitense ha dato una bella paga alla supercar inglese.

La Ford Mustang di Ken Block annichilisce una McLaren Senna

23 November 2020

La Rimac C_Two: sarà in grado di driftare?

Stando ai progettisti l’hypercar elettrica croata sarà in grado di andare in sovrasterzo senza l’aiuto dell’elettronica.

La Rimac C_Two: sarà in grado di driftare?

23 November 2020