10 dicembre 2019

Jaguar F-Type 2020: niente V6 e linea ridisegnata

La seconda generazione della Jaguar F-Type è stata pesantemente rivista in ogni sua caratteristica: dalla linea alla carrozzeria.

1/31

1 di 2

Presentata nel 2013, la Jaguar F-Type è entrata subito nel cuore degli appassionati come una tra le vetture sportive più peculiari di questi tempi, tant’è che la sua linea viene già considerata un evergreen. Dopo un leggero facelift nel 2016, la due posti inglese arriva nella versione 2020 con un importante restyling.

Il “vestito” elegante della due posti inglese non è stravolto, ma diventa più maturo grazie ai gruppi ottici anteriori a LED sviluppati orizzontalmente (anziché verticalmente) posti al di sotto della linea del cofano. La griglia perde il fascione paracolpi, guadagnando così un look più pulito, mentre le due prese d’aria “a branchia” della versione precedente sono rimpiazzate da un nuovo disegno con dimensioni più generose. Più ampi anche gli sfoghi d’aria sul cofano, quest’ultimo invece mantiene le stesse linee muscolose che corrono verso la calandra anteriore. Le fiancate, sinuose ed eleganti, restano praticamente identiche, mentre la zona posteriore presenta la firma luminosa “chicane” più spigolosa, proprio come il paraurti che è anche più pronunciato e sporgente. Ridisegnato anche l’estrattore posteriore, raccordato nelle sue due estremità.

Anche gli interni sono stati rinnovati, ma non rivoluzionati dal punto di vista stilistico. Vengono mantenuti alcuni tratti distintivi quali la maniglia del passeggero posta sul tunnel centrale, il layout dei pulsanti e della leva del cambio, e le bocchette dell’aria centrali “a scomparsa”. Ridisegnati invece i sedili a guscio e il volante, mentre arriva – finalmente – il nuovo sistema di infotainment con cruscotto digitale da 12,3” e schermo centrale più largo.

La nuova F-Type viene aggiornata nelle sospensioni, ora a doppio braccio oscillante in alluminio sia davanti sia dietro, con nuove molle e nuove barre anti rollio associate a un nuovo assetto elettronicamente regolato - Jaguar Adaptive Dynamics - per migliorare il comfort a basse velocità e la sportività quando si alza il ritmo. Il camber è aumentato del 37%, garantendo più contatto tra strada e pneumatici (da 20 pollici, 265/35 all’anteriore e 305/30 al posteriore) nella guida sportiva e, conseguentemente, più grip e più feedback dal volante. Nuovo il servosterzo elettronico EPAS è ricalibrato, così come il cambio automatico SportShift: niente cambio manuale per la F-Type, ma Jaguar promette cambiate più veloci con un conseguente maggior coinvolgimento nella guida sportiva, grazie anche alle palette poste sul volante. Rivisto anche il sistema di torque vectoring IDD, per mitigare il sottosterzo anche nelle curve più veloci, così come il differenziale posteriore elettronico EAD. La trasmissione AWD (disponibile solo per le motorizzazioni V8) è ottimizzata per una miglior distribuzione della coppia tra asse anteriore e posteriore. L’impianto frenante è composto da freni a disco autoventilati da 380 e 376 mm, la F-Type R invece può essere equipaggiata con dischi carboceramici CCM da 398 e 380 mm, con pinze rispettivamente da sei e quattro pistoncini.

La gamma delle motorizzazioni è stata pesantemente rivista. La versione entry level rimane il motore 2.0 turbo quattro cilindri in linea da 300 CV e 400 Nm da 1.500 giri/min, ma il motore V6 da 380 CV abbandona il mercato europeo e inglese a favore di quello Nord Americano, Cinese e del resto del Mondo. Esclusivo invece per il Vecchio Continente è il 5.0 V8 con compressore e valori di potenza pari a 450 CV e 580 Nm disponibili già da 2.800 giri/min. Il top di gamma per la nuova F-Type è il motore della versione R, con il V8 turbocompresso capace di 575 CV e 700 Nm (+25 CV e + 20 Nm rispetto al vecchio modelli) e in grado di portare la coupè britannica da 0 a 100 km/h in 3,5 secondi.

Jaguar inoltre ha inoltre completamente ridisegnato l’impianto di scarico sportivo, optional per la V8 da 450 CV e di serie per la R. Rimangono i tanto apprezzati “scoppiettii in rilascio”, ma per chi vuole “svegliare” il V8 in maniera più silenziosa, ecco la modalità Quiet Function che sfrutta un nuovo sistema di valvole elettroniche e bypass rivisitati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Aston Martin Vantage Roadster: la versione definitiva

Aston Martin Vantage Roadster: la versione definitiva

30 marzo 2020

A scuola con Mr Murray

A scuola con Mr Murray

29 marzo 2020

Pagani Imola: solo 5 esemplari per la massima evoluzione della Casa Emiliana

Pagani Imola: solo 5 esemplari per la massima evoluzione della Casa Emiliana

28 marzo 2020

Gemballa Avalanche 4.2 RS, ritorno a Dakar

Gemballa Avalanche 4.2 RS, ritorno a Dakar

27 marzo 2020

Hyundai i20 N: piccola e aggressiva

Hyundai i20 N: piccola e aggressiva

27 marzo 2020

Honda Acura NSX by Liberty Walk

Honda Acura NSX by Liberty Walk

26 marzo 2020

Alfa Romeo Giulia GTA: questa volta la lettera A ha un senso

Alfa Romeo Giulia GTA: questa volta la lettera A ha un senso

26 marzo 2020

KTM X-Bow GTX: ultraleggera da 600 Cv

KTM X-Bow GTX: ultraleggera da 600 Cv

25 marzo 2020

Toyota GR Yaris, vera auto da rally

Toyota GR Yaris, vera auto da rally

25 marzo 2020

Le auto da corsa omologate più amate da evo

Le auto da corsa omologate più amate da evo

24 marzo 2020