di Rachele Somaschini - 28 settembre 2019

Hyundai i30 Fastback N

Dopo la hatchback, ecco la i30 N Fastback, con lo stesso 2 litri turbo da 275 Cv e 280 Nm di coppia.

1/8

Hyundai i30 Fastback N - Lo sterzo è diretto e particolarmente preciso anche in modalità Normal.

1 di 3

Benvenuti a bordo della Hyundai i30 nella versione Fastback con pacchetto Performance: 275 Cv e quasi 380 Nm di coppia con overboost con la quale mi divertirò nei prossimi giorni. La prima tappa in programma è la visita alla nuova struttura Hyundai Rally Team Italia che ha sede alle porte di Verona, potrò quindi assaporarla in città, in autostrada ed anche sulle stradine di campagna. Nel Dna della Casa coreana c’è anche il motorsport ai massimi livelli ed in diverse specialità, a partire dal TCR, fino al WRC che è il campionato del Mondo Rally. Hyundai investe molto nel motorsport coinvolgendo migliaia di appassionati di motori ed affiancando l’intera gamma N (divisione dedicata ai modelli ad alte prestazioni) ai programmi di Hyundai Motorsport, riscuotendo Hyundai i30 Fastback N.

Dopo la hatchback, ecco la i30 N Fastback, con lo stesso 2 litri turbo da 275 Cv e 280 Nm di coppia grande visibilità e prestigio per la totalità del brand. Tutto questo ci permette di accostarci con il dovuto rispetto alla i30 Fastback N Performance. La prima cosa che apprezzo appena salgo in macchina, è il cambio manuale, mi piace in certe situazioni rinunciare al comfort e ritrovare certe tradizioni, soprattutto per l’intensità e la precisione di questo cambio dovuto alla leva corta.

In pochi minuti riesco a regolare il sedile perfettamente, infatti, grazie alle regolazioni elettriche posso farlo aderire a me ed abbassarlo a sufficienza per poter apprezzare meglio tutte le particolarità. L’abitacolo è davvero confortevole e dotato di ogni optional. Come anticipato, il motore è sicuramente un punto di forza: 2,0 litri, 4 cilindri in linea, turbo, sufficiente per staccare un tempo di 6,1” nell’accelerazione 0-100 km/h. Davvero accattivanti le note che fuoriescono dai tubi di scarico: sia in accelerazione sia nel rilascio con tanto di scoppiettii da brividi anche con il cambio marcia. Insomma, ha tutte quelle caratteristiche sportive e dinamiche che rendono un’auto davvero divertente.

Lo sterzo mi regala una sensibilità di guida ottimale, che è una delle cose che apprezzo maggiormente

evo Vs il Col de Turini con la Hyundai I30N Fastback

Mentre l’autostrada scorre veloce, in sicurezza, inizio a “smanettare” tra le varie funzioni di guida, posso regolare a piacimento diversi parametri della vettura, tramite le modalità Eco, Normal, Sport, N e N Custom… Ben 5 modalità diverse! Lo sterzo è diretto e particolarmente preciso anche in modalità Normal ma si amplifica notevolmente nella modalità Sport ed N, regalandomi una sensibilità di guida ottimale che è una delle cose che apprezzo maggiormente. Anche in questa prima fase, con la modalità Normal, il motore spinge già da 1.300 giri e riprende velocemente, rivelandosi sempre fruibile anche ai bassi.

L’assetto è nettamente rigido e si percepiscono le asperità del fondo stradale ma senza penalizzare eccessivamente il comfort. Sicuramente questa sensazione di essere incollati all’asfalto è dettata proprio dalla rigidità strutturale del telaio, con 29 nuovi punti di rinforzo che lo rendono più rigido rispetto a quello della hatchback, tanto da consentirti di fidarti subito, anche nei curvoni di percorrenza. Per mera curiosità innesco la modalità Eco, anche per una rapida sbirciata ai consumi, che la rende simile ad una comune i30; silenziosa, maneggevole e discreta.

Passando invece alla modalità Sport, si riesce a godere della spinta vigorosa del propulsore che prende giri con una certa esuberanza. Il cockpit dotato di Led progressivi: dal bianco, al giallo, al rosso appena sopra il cruscotto, che sono proprio la ciliegina sulla torta per cambiate perfette e regolari nel suo picco di coppia. Ogni modalità permette di variare la risposta di motore, lo scarico e l’assetto, grazie ai suoi ammortizzatori a controllo elettronico. Infine la modalità più potente è la N, che attiva anche una maschera dedicata sullo schermo del cockpit con le principali funzioni racing o addirittura la N Custom che ti permette di regolare ogni aspetto.

Questa prima tappa del mio viaggio, che mi ha portato a visitare il Team Hyundai impegnato nei Rally nei Campionati Italiani, mi ha permesso di vivere appieno lo spirito racing della Casa coreana che ha sviluppato la nuova generazione di vetture R5 sulla base della i20. In questi chilometri urbani ed extraurbani percorsi, mi sono resa conto che il traffico cittadino rende un po’ sofferente l’utilizzo della frizione, nel complesso un po’ pesantuccia e brusca nello stacco.

Proseguo il mio itinerario e raggiungo l’entroterra ligure, dove per tutto il week end potrò davvero sfruttare al meglio questa divertente compagna di viaggio. E’ in cima al Monte Beigua che posso finalmente assaporare la libertà di guida e godere dell’ottima percorrenza di curva che questa vettura regala, nonostante una normalissima trazione anteriore. L’assetto è davvero impressionante per la sua efficienza anche su fondi sconnessi ed asperità: le molle sull’anteriore sono più morbide del 5% mentre sul posteriore vi è un’inedita asta di controllo del camber.

Riesco anche a notare il funzionamento del differenziale a slittamento limitato ’N carving differential’ che regala una trazione invidiabile a tutte le velocità, in curva. E’ il giusto contesto dove apprezzare al meglio l’impianto frenante maggiorato, molto efficiente e quasi instancabile. Ottimo direi, anche il feeling in frenata, il pedale è immediatamente reattivo sin dalla prima fase di pressione.

Cerchi da 19’ di serie con gomme Pirelli PZero appositamente sviluppate. Forse, una dolente nota sono i consumi: discreti quando si viaggia tranquilli, mentre il serbatoio si svuota visibilmente non appena ci si diverte col gas.

Che dire? Un’auto veloce, semplice e davvero divertente. Provare per credere!

Motore: 4 cilindri, turbo, 1.998 cc

Potenza: 275 Cv @ 6.000 giri

Coppia: 353 Nm @ 1.400-4.700 giri

Peso: 1.584 kg (5,8 kg/Cv)

0-100 km/h: 6,1 sec

Velocità massima: 250 km/h (dichiarato)

Prezzo: 38.850 euro

+ Sterzo, assetto, freni, trazione

- Consumi

evo rating: ◆◆◆◆◇

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Trackday evo 2019! Trackdays 2019

Trackday evo 2019!

Prossimo appuntamento 14 e 15 dicembre a Livigno! Tutte le info per iscriversi

Le ultime news

La Subaru Wrx Sti decreta la fine del propulsore EJ20

La Subaru Wrx Sti decreta la fine del propulsore EJ20

17 novembre 2019

Jaguar F-Type: in futuro una sportivissima versione con motore centrale

Jaguar F-Type: in futuro una sportivissima versione con motore centrale

16 novembre 2019

Porsche 911 (992): torna in gamma il cambio manuale a 7 rapporti

Porsche 911 (992): torna in gamma il cambio manuale a 7 rapporti

16 novembre 2019

Model 3 Vs Supra. Questione di centesimi!

Model 3 Vs Supra. Questione di centesimi!

15 novembre 2019

Ferrari Roma, nuovo modello dedicato alla dolce vita

Ferrari Roma, nuovo modello dedicato alla dolce vita

14 novembre 2019

Nuova Corvette C8: al banco dinamometrico sprigiona 656CV e 820Nm

Nuova Corvette C8: al banco dinamometrico sprigiona 656CV e 820Nm

14 novembre 2019

McLaren Elva: la nuova roadster della gamma Ultimate Series

McLaren Elva: la nuova roadster della gamma Ultimate Series

13 novembre 2019

Toyota GR Supra: 5 concept al SEMA 2019

Toyota GR Supra: 5 concept al SEMA 2019

12 novembre 2019

Chevrolet Corvette del '67 Vs Supercar moderne. 1-0

Chevrolet Corvette del '67 Vs Supercar moderne. 1-0

11 novembre 2019

5 Pagani Zonda ed una Huayra al Grand Central Terminal di New York

5 Pagani Zonda ed una Huayra al Grand Central Terminal di New York

11 novembre 2019