di Antony Ingram
- 28 June 2020

Mantas Šliogeris e la sua MAZDA MX-5 Mk2

Il lituano Mantas Šliogeris ha corso le finali 
del campionato Gymkhana Grid del 2019 al volante di un’auto eccezionale: la Mazda MX-5 Mk2 
con cui ha vinto la classe 2 ruote motrici

1/7

Prima di leggere questo articolo, andate su YouTube e cercate ”Gymkhana Grid 2019 final”. In alto nello schermo, troverete il video di circa 25 minuti che vi abbiamo linkato, che mostra una Toyota GT86 blu e una Mazda MX-5 rossa allineate per darsi battaglia. Si tratta dello stesso video che ho guardato prima di decidere se fosse interessante sapere qualcosa di più sulla MX-5 e del suo proprietario lituano, Mantas Šliogeris. Poi ho deciso di incontrare Šliogeris e il suo team, Thunderwood Racing, durante un trackday in un’umida e ventosa giornata a Brands Hatch.

Una grande varietà di auto popola il piccolo circuito, da una Ford Ka completamente standard, alle auto più potenti e grintose in commercio. Tra tutte queste, c’è però una macchina che spicca: una MX-5 Mk2 rossa metallizzata, che indossa un elegante tetto rigido in stile coupé e una carrozzeria bombata ai lati. Per Šliogeris, la scelta della sportiva Mazda per partecipare a una gymkhana – che richiede precisione, e una guida precisa su un circuito molto tecnico e abbastanza lento – era abbastanza ovvia.

Prima usavo una Honda S2000”, spiega, “ma sinceramente non era la miglior auto per questo tipo di gara: la rapportatura del cambio non era adatta allo scopo e il motore aveva poca coppia. La S2000 inizia a spingere a 6.000 giri, e nella gymkhana gran parte del tempo lo passi sotto i 6.000 giri. Era anche un po' troppo pesante. Ho dovuto rifare il motore due volte, spendendo un sacco di soldi tra l’altro. Nel frattempo mio fratello stava pensando a un kit per la carrozzeria della MX-5…”

Senza ombra di dubbio, questa macchina è diversa da qualsiasi altra MX-5. “Infatti è stata disegnata da Vazz Corp – la società di mio fratello. Il problema è che in Lituania molte MX-5 hanno subito gravi incidenti. Alla fine ne ha trovata una in ordine, ha realizzato il kit estetico, ma quando ha provato a installarlo sull’auto, ha scoperto che non andava bene, quindi ha dovuto scannerizzare completamente la macchina e ripartire da capo!”.

Il risultato di tutto ciò è stato un modello computerizzato dell'auto di base, da cui si poteva partire per realizzare uno stampo realizzato in 3D per i pannelli. É stato un lavoro molto impegnativo, ma il risultato finale sembra molto più esotico rispetto allo MX-5 di serie - soprattutto considerando che questa particolare auto indossa un kit ancora allo stadio di prototipo. Lo stile però è molto più ricercato di quello della MX-5. Merito dei parafanghi allargati per accogliere le carreggiate maggiorate e dei cerchi con canale da 9 pollici all’anteriore e da 10,5” al posteriore, accoppiati rispettivamente a pneumatici Toyo R888 di sezione 205 e 225.

L’auto utilizza poi ammortizzatori HSD, gommini delle sospensioni Powerflex, barre antirollio maggiorate e rinforzi nella scocca per supportare una maggiore potenza. La cosa sorprendente, dopo aver visto Šliogeris vincere la classe delle auto a trazione posteriore alle finali della Gymkhana Grid, è che il motore della Mazda di 1,8 litri non è stato poi elaborato profondamente. La modifica più importante riguarda infatti l’adozione di un compressore volumetrico, la diversa mappatura della centralina e alcune modifiche all’aspirazione e ai sistemi di raffreddamento e lubrificazione per garantire la necessaria affidabilità: il risultato finale è una relativamente modesta potenza di 200 Cv a fronte dei 300 Cv abbondanti delle MX-5 turbo.

Comunque sia, 300 Cv sono quasi insignificanti rispetto alla potenza della altre auto che partecipano a questo tipo di gare. Una in particolare: la Supra del famoso Daigo Saito, eroga circa quattro volte la potenza della MX-5. "Sono onorato, a dire la verità”, sostiene modestamente Šliogeris. “Non avrei mai creduto di vincere contro Daigo: sono felice di poter vedere la mia auto nei video accanto alla Supra di Daigo!”.

Che aspettative avevi andando a correre lì?Abbiamo finito l’auto una settimana prima delle qualifiche. Quindi l'abbiamo provata in Lituania solo due giorni prima della gara, sostituendo il differenziale con uno completamente bloccato e siamo andati direttamente in pista. Non pensavamo proprio di vincere nulla, dato che solo 32 dei 60 piloti si qualificano e la gara viene trasmessa su YouTube. Mi sono classificato decimo a sorpresa, poi ho continuato a migliorare”.

C’è da lavorare più nella preparazione dell’auto che quando si arriva lì: “Mi sono allenato al simulatore. Ci hanno inviato il tracciato con un giorno di anticipo, così ho preparato la pista prima del giorno della gara e mi sono esercitato. Arrivi il giorno della gara e sai già dove andare”. I simulatori permettono a Šliogeris di fare più che esercitarsi per le gare: gli consentiranno infatti di testare la prossima evoluzione della sua Mazda - con un V8 di 6 litri e 400 cavalli, e di utilizzare una versione di produzione della carrozzeria realizzata da Vazz Corp.

Ho già impostato la mia V8 nel simulatore”, dichiara. ”Si può provare l'auto prima di costruirla effettivamente – testare diversi cambi e pneumatici più larghi”. Considerando la carenza della vettura attuale in velocità sui rettilinei, i concorrenti per la prossima stagione devono già iniziare a tremare…

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Porsche Taycan Turbo S VS McLaren P1: il bene contro il male

Due diverse concezioni, entrambe molto prestazionali, stessa accelerazione sullo 0-100 ma filosofie progettuali totalmente opposte. In uan drag race chi la spunta?

Porsche Taycan Turbo S VS McLaren P1: il bene contro il male

12 September 2020

Porsche Panamera 2020: ancora più performante e divertente

Con un prezzo di 97.800 euro per la versione base a trazione posteriore, la Porsche Panamera restyling è già ordinabile anche in Italia ma le prime consegne sono fissate per ottobre.

Porsche Panamera 2020: ancora più performante e divertente

10 September 2020

La Volkswagen Golf 8 si fa in cinque

A breve saranno disponibili anche tutte le varianti ibride della nuova media di Wolfsburg: si tratta di cinque diverse versioni, tre mild hybrid e due plug-in hybrid.

La Volkswagen Golf 8 si fa in cinque

09 September 2020

Nurburgring: Tesla Model 3 Performance più veloce di Porsche 911 GT3 RS?

Sull’iconico e difficilissimo tracciato denomina Inferno Verde sembra proprio che la berlina vitaminizzata di Palo Alto sia in grado di star dietro se non persino superare una Porsche 911 con gli attributi.

Nurburgring: Tesla Model 3 Performance più veloce di Porsche 911 GT3 RS?

08 September 2020

Garmin Catalyst: il driver coach virtuale per la pista

Una volta montato sul cruscotto raccoglie i vostri dati e vi fornisce in tempo reale indicazioni e suggerimenti anche audio per migliorare le vostre sessioni in pista.

Garmin Catalyst: il driver coach virtuale per la pista

07 September 2020

Tesla Model 3 sconfitta dalla Pikes Peak

Uno spettacolare incidente ma per fortuna senza gravi conseguenze ha definitivamente fermato la vettura di Palo Alto preparata dai ragazzi di Unplugged Performance.

Tesla Model 3 sconfitta dalla Pikes Peak

07 September 2020

Bmw M3 Touring? Presto sarà realtà

Audi RS4 Avant e Mercedes-AMG C63 Wagon sono state avvisate. La Casa dell’Elica metterà per la prima volta in commercio una versione station wagon della sua poderosa M3.

Bmw M3 Touring? Presto sarà realtà

06 September 2020

Ferrari 488 Pista vs Ferrari F40: testa a testa in quel di Maranello

Classica drag race sul quarto di miglio tra cavalline rampanti, rappresentative di epoche molto distanti tra loro. Chi avrà avuto la meglio?

Ferrari 488 Pista vs Ferrari F40: testa a testa in quel di Maranello

05 September 2020

Test dell’Alce indigesto per la Porsche Taycan

Risultato non proprio eccellente quello della sportiva elettrica di Zuffenhausen che nel test del doppio evitamento ostacolo non ha brillato poi più di tanto.

Test dell’Alce indigesto per la Porsche Taycan

04 September 2020

Lamborghini Huracán Evo: il nostro hot lap

Di primo acchito sembrerebbe essersi un po’ troppo “imborghesita” l’ultima evoluzione della supercar del Toro. Invece basta solo un “click” per ritrovare il carattere che la separa dall’Audi R8, con cui condivide parte della meccanica. Nel nuovo numero di evo, l'abbiamo testata. Vi mostriamo il video dell'Hot Lap del nostro pilota ufficiale, Tommy Maino.

Lamborghini Huracán Evo: il nostro hot lap

03 September 2020