di Tommaso Ferrari - 06 marzo 2019

Svelata definitivamente la Ginetta Akula V8

Derivata praticamente dalle corse la nuova Akula garantisce un'esperienza di guida unica
1/8

Ginetta non ha certo lacune in fatto di vetture da corsa, e con la Akula ha deciso di trasferire buona parte di queste conoscenze all’interno di una vettura stradale… che di stradale ha ben poco. Anticipata poco prima del Salone di Ginevra la Akula è una spettacolare supercar mossa da un possente 6.0 litri V8 a 90° aspirato con monoblocco in alluminio e pistoni e bielle forgiati, capace di erogare 610 cavalli e una coppia di 701 Nm. Il V8 è montato in posizione anteriore-centrale, ovvero davanti al guidatore ma così arretrato verso l’abitacolo da garantire un equilibrio e una distribuzione dei pesi superiori rispetto al classico schema motore anteriore/trazione posteriore ed è avvolto da un telaio interamente realizzato in fibra di carbonio. Per tener fede a queste credenziali racing la Akula vanta freni carbo-ceramici, sospensioni push-rod, ruote a fissaggio centrale, scarichi laterali e un cambio sequenziale a sei marce con paddles in alluminio.

Poi c’è l’aspetto: personalmente l’anteriore (anche se il nero aiuta) rimane difficile da digerire, ma il retro e i lati sono un capolavoro di cattiveria, con appendici aerodinamiche in carbonio leggerissime e che garantiscono una deportanza di 376 chili (solo il 5% meno rispetto alla versione LMP3) già a 160 km/h. Tutto questo carbonio e gli altri materiali esotici fermano il peso a secco della Ginetta a 1.150 chili… che uniti a un V8 aspirato da oltre 600 cavalli e un telaio praticamente da corsa significano un sacco di problemi. Beh, per la concorrenza perlomeno. In realtà la Ginetta nel panorama automotive è una vettura senza troppe rivali dirette, molto ‘track-focused’ ma omologata per la strada. Non disperate però: il marchio inglese vuole tentarvi con interni in carbonio, alcantara e alluminio, ABS, retrocamera e – non svenite – connessione wireless per lo smartphone. La casa prevede di costruire i primi venti esemplari nel 2020 ad un prezzo di poco inferiore ai 400.000 euro, cifra davvero impegnativa, ma la metà è già stata venduta prima della presentazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Torna il Concorso d'eleganza di Londra

Torna il Concorso d'eleganza di Londra

26 marzo 2019

Wheelsandmore insaporisce la nuova Vantage

Wheelsandmore insaporisce la nuova Vantage

26 marzo 2019

Ferrari P80/C: una sport prototipo Ferrari in chiave moderna

Ferrari P80/C: una sport prototipo Ferrari in chiave moderna

25 marzo 2019

Desiderio Gruppo B: in vendita una Delta S4 Stradale

Desiderio Gruppo B: in vendita una Delta S4 Stradale

25 marzo 2019

Meno tre ore alla presentazione della Ferrari 'Prototipo'

Meno tre ore alla presentazione della Ferrari 'Prototipo'

25 marzo 2019

Rezvani Beast o Tank Military?

Rezvani Beast o Tank Military?

25 marzo 2019

Ottime notizie per i futuri modelli Porsche 911 GT

Ottime notizie per i futuri modelli Porsche 911 GT

23 marzo 2019

PS Mosquito: una nuova rivale per la Senna e la BT62

PS Mosquito: una nuova rivale per la Senna e la BT62

22 marzo 2019

Pagani Huayra Dragon: meglio della BC?

Pagani Huayra Dragon: meglio della BC?

22 marzo 2019

Porsche riprenderà (per pochissimo) la produzione della GT2 RS

Porsche riprenderà (per pochissimo) la produzione della GT2 RS

22 marzo 2019