di Tommaso Ferrari - 05 ottobre 2019

Ferrari 360 Challenge

Una macchina da corsa targata? Non si tratta di un’elaborazione delle immagini con Photoshop, ma di una Ferrari in “carne ed ossa”, che abbiamo avuto il privilegio di guidare in pista e su strada.

Cose proibite

Ferrari 360 Challenge - Il telaio in alluminio: vi aspettereste un carattere nervoso e difficile, e invece riscontrate un comportamento naturalissimo

Esistono cose proibite, illegali, desideri che volenti o nolenti non potrete soddisfare rispettando la legge, che vogliate semplicemente dar da mangiare ai cigni al lago o lanciarvi dalla Tour Eiffel armati solo di un paracadute e tanta follia. I desideri però, si sa, sono sensazioni forti e difficili da reprimere, ecco perché esisterà sempre chi cercherà di esaudirli a qualunque costo, legali o non legali che siano. Fortunatamente il nostro desiderio – anche se ammetto sia difficile da credere – non è sfociato nell’illegale: guidare su strada una Ferrari 360 Challenge.

Provare su un nastro d’asfalto pubblico la vettura da corsa alla quale la Challenge Stradale si è ispirata è un piacere quasi perverso, sapete che una cosa simile non dovrebbe essere permessa eppure eccoci qui, stretti nelle cinture Sabelt a cinque punti che inseriamo la marcia successiva con il paddle del cambio elettroidraulico F1 da corsa, mentre il V8 vi sbraita rabbiosamente nella testa; è un’esperienza inebriante. Il gioiello meccanico che mi ha stregato tanto è una Ferrari 360 Challenge del 2000, numero di telaio 119074 ed ex vettura ufficiale di Jan Storm, che vinse la Coppa Shell a Spa-Francorchamps nel 2002.

L'omologazione

Ferrari 360 Challenge - Vi calate nei sedili OMP e stringete le cinture Sabelt a cinque punti.

In origine la carrozzeria era decorata da una vivida livrea rossa e gialla, molti sponsor e il numero 83, e passò svariati anni a lottare in giro per l’Europa nel campionato Challenge per il team olandese Kroymans. Dopo tutte queste battaglie però Kroymans – che era anche l’importatore ufficiale Ferrari per l’Olanda – decise di concedere alla 360 il meritato riposo in maniera molto particolare: la verniciò di un affascinante nero e, dopo chissà quanti cavilli, burocratici riuscì a darle una targa europea.

Per targare un’auto da corsa vi aspettereste infinite modifiche fra un miglior angolo di sterzo, trasmissione e frizione più civili, silenziatori e finestrini non in lexan etc. e invece no, eccetto il sedile del passeggero aggiuntivo e le gomme Pirelli PZero Asimmetrico, l’anima racing di questa 360 è rimasta intonsa.

Fantastico. Se non bastasse l’unicità della vettura e il fascino della sua storia a mettervi completamente in soggezione, ci penserà la procedura d’accensione: vi calate nei sedili OMP e stringete le cinture Sabelt a cinque punti, spostate il comando “Ignition” su ON e accendete le ventole di raffreddamento (necessarie a vettura ferma), premete il pulsante di avviamento e all’improvviso 40 valvole dietro di voi prendono fuoco ridefinendo il vostro concetto di rumore e cattiveria. Dio, se suona bene questo V8.

Il volante in Alcantara è cristallino e comunicativo come potrebbe essere quello di una Lotus Elise S1

La guida

Ferrari 360 Challenge - Il peso: la Challenge ferma la bilancia a 1.170 chili

Al minimo e ad andatura moderata ha un tono di voce elevatissimo ma ancora accettabile, ma quando cedete ai vostri istinti qualunque tentativo di conversazione è brutalmente mandato in fumo dall’urlo del maleducatissimo 3,6 litri dietro le vostre spalle. Questo motore è configurato per erogare circa 415 cavalli, ma quello che impressiona è il peso: la Challenge ferma la bilancia a 1.170 chili, ma togliendo i fluidi e svuotando il serbatoio da 100 litri, il peso a secco non arriverà a quello di un’Alpine A110 stradale.

A dominare l’esperienza di guida sarà proprio quest'assenza di inerzia, unita al coinvolgimento che solo una vettura da corsa sa offrire: il freno a mano ovviamente non c’è, quindi per partire dovete tenere premuto il freno con il sinistro e modulare l’acceleratore con una delicatezza estrema, quasi come se lì sotto vi fosse una farfalla in via d’estinzione, a causa del cambio F1 a frizione singola che non sopporta chi lo tratta bruscamente in manovra.

Da quel momento in poi spalancherete sempre più la finestra a un mondo fatto di furia, rabbia e emozioni intossicanti, ma capace anche di una trasparenza e di un livello di coinvolgimento incredibili. Nonostante il V8 sia sorprendentemente a suo agio in coda o in città, ha una spinta molto intensa e sembra quasi scontento quando gli imponete di scendere di giri passando alla marcia successiva, come se volesse far capire con presunzione agli altri automobilisti che non stanno ammirando una ‘banale’ Ferrari stradale.

Il cambio, che per molti potrebbe sembrare superato, mi ha conquistato: è scorbutico, fisico, viscerale, e anche se non raggiungerà minimamente i livelli di velocità dei doppia frizione moderni, non ha nemmeno la freddezza di molto di essi.

Il servizio fotografico si è svolto prevalentemente in pista, ma la strada è il posto migliore per godersi un tale oggetto del desiderio

Le sensazioni

Ferrari 360 Challenge in pista

Le cambiate migliorie più pulite le ottenete alzando leggermente il piede fra una marcia e l’altra come se fosse un manuale, ma potete benissimo scegliere di affondare il piede al pavimento per avere dei passaggi di marcia simili a ceffoni verso la linea rossa. Quello che vi farà davvero girare la testa però saranno le curve, e non per la forza G (le Pirelli Asimmetrico sono ottime, progressive ma con un grip comunque stradale) ma per l’esplosione di emozioni pure che ricevete in cambio del vostro impegno: il volante in Alcantara è cristallino e comunicativo come solo una Elise S1 saprebbe fare, le sospensioni sono rigidissime ma seguono perfettamente l’asfalto senza brusche ripercussioni sul corpo vettura (eccetto il posteriore che cede alle crepe più dure) e i freni Brembo flottanti – progettati per le gare di durata – sono fenomenali, sì potenti ma soprattutto modulabili e sensibili come poche altre stradali.

Poi abbiamo il telaio in alluminio: vi aspettereste un carattere nervoso e difficile, e invece riscontrate un comportamento naturalissimo, quasi amichevole, con un rollio inesistente e un posteriore saldo in uscita di curva; anche esagerando avrete un sovrasterzo più immaginario che reale che vi regalerà un’agilità meravigliosa, sia prima che dopo il punto di corda.

Persino il fatto di avere gomme stradali si rivela un vantaggio per percepire l’asfalto e la leggera deriva in percorrenza e, anche avendo sempre rispetto e riverenza della 360 Challenge, la purezza del suo sterzo, l’esuberanza del motore e del cambio, la sensibilità dei freni e la comunicatività del telaio raggiungono livelli talmente alti da farvi venire voglia di esplorarne i limiti, buttandola in curva come se fosse una Mégane R.S. oppure una Clio Williams.

Il servizio fotografico si è svolto prevalentemente in pista, ma sotto sotto dovete sapere che è la strada il posto migliore per godervi un tale oggetto del desiderio: non è solo il piacere proibito di guidare fuori dal circuito una Ferrari da corsa, ma è l’insieme di emozioni viscerali che questa 360 sa regalarvi, dalla rabbia e le melodie del V8 fino al senso di connessione che tutta la vettura riesce a trasmettervi; non credo di essermi mai sentito così parte di un’auto. E’ vero che gli interni sono una fornace, che il raggio di sterzata è quello di una Town Car, che il cambio vi picchia come un bullo e che, inserendo la retromarcia, sentirete lo stesso cicalino di un muletto, ma nessun’altra auto ha invaso i miei sogni come questa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Trackday evo 2019! Trackdays 2019

Trackday evo 2019!

Prossimo appuntamento 14 e 15 dicembre a Livigno! Tutte le info per iscriversi

Le ultime news

La Subaru Wrx Sti decreta la fine del propulsore EJ20

La Subaru Wrx Sti decreta la fine del propulsore EJ20

17 novembre 2019

Jaguar F-Type: in futuro una sportivissima versione con motore centrale

Jaguar F-Type: in futuro una sportivissima versione con motore centrale

16 novembre 2019

Porsche 911 (992): torna in gamma il cambio manuale a 7 rapporti

Porsche 911 (992): torna in gamma il cambio manuale a 7 rapporti

16 novembre 2019

Model 3 Vs Supra. Questione di centesimi!

Model 3 Vs Supra. Questione di centesimi!

15 novembre 2019

Ferrari Roma, nuovo modello dedicato alla dolce vita

Ferrari Roma, nuovo modello dedicato alla dolce vita

14 novembre 2019

Nuova Corvette C8: al banco dinamometrico sprigiona 656CV e 820Nm

Nuova Corvette C8: al banco dinamometrico sprigiona 656CV e 820Nm

14 novembre 2019

McLaren Elva: la nuova roadster della gamma Ultimate Series

McLaren Elva: la nuova roadster della gamma Ultimate Series

13 novembre 2019

Toyota GR Supra: 5 concept al SEMA 2019

Toyota GR Supra: 5 concept al SEMA 2019

12 novembre 2019

Chevrolet Corvette del '67 Vs Supercar moderne. 1-0

Chevrolet Corvette del '67 Vs Supercar moderne. 1-0

11 novembre 2019

5 Pagani Zonda ed una Huayra al Grand Central Terminal di New York

5 Pagani Zonda ed una Huayra al Grand Central Terminal di New York

11 novembre 2019