24 March 2020

Le auto da corsa omologate più amate da evo

Ripercorriamo le auto da corsa omologate più amate da evo.

1 di 6

Le auto della Nascar all’inizio erano solo quelle, e una macchina vincente equivaleva di conseguenza a un pilota migliore, anche perché negli anni ’60 l’aerodinamica non era certo l’ideale per affrontare gli ovali di alta velocità.

La risposta della Dodge arrivò però nel 1969 con la Daytona, caratterizzata dal muso disegnato dal vento e da un gigantesco alettone posteriore. Ha vinto nella sua prima gara in assoluto.

Porsche ha realizzato 23 esemplari stradali della 911 GT1 nel corso dei suoi 3 anni di attività sportiva, tutti equipaggiati con una versione depotenziata del 6 cilindri boxer biturbo di 3,2 litri dell’auto da corsa.

Si tratta di un’auto stradale iconica e tattile, mentre con 47 vittorie, si è dimostrata anche una vettura da endurance di grande successo.

Negli anni ’80 il Campionato DTM la faceva da padrone, e poche Case hanno ottenuto il successo di Mercedes nell’edizione tedesca. La prima fu la 190E “Cosworth”, poi arrivò la Evolution nel 1989.

Nel 1990 venne invece presentata la Evolution II, con un vistoso kit aerodinamico, sospensioni regolabili e ruote da 17 pollici.

Poche altre auto incarnano meglio il legame tra il mondo delle auto stradali e quello delle corse come la Lancer Evolution. All’incirca ogni anno è stata presentata una nuova versione nel corso degli anni ’90 per consentire alla Casa di essere sempre competitiva in gara.

I clienti ne hanno tratto vantaggio, con una macchina favolosa da guidare.

Il Gruppo B è stato eliminato prima che la RS200 potesse esprimere tutto il suo potenziale, ma grazie alla sua scocca leggera e alle caratteristiche del suo 4 cilindri turbo montato in posizione centrale, è stata una delle più iconiche Ford ad alte prestazioni.

Gran parte dei 200 esemplari costruiti sono finiti nel rallycross, ma per guidare come si deve il modello stradale servono dei bei muscoli.

Nel linguaggio Ford, RS significa Rallye Sport, ma la Sierra RS500 è nata per correre in pista. Vinse il Campionato Turismo inglese, australiano, giapponese e il Mondiale DTM, oltre alla Bathurst 1000 (per due volte).

Come si evince dal nome, vennero costruiti 500 esemplari stradali, equipaggiate con il 2 litri turbo da 224 Cv.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Porsche Taycan: come funziona la frenata rigenerativa?

Porsche Taycan: come funziona la frenata rigenerativa?

04 July 2020

Aerodinamica attiva: la nuova era della dinamica

Aerodinamica attiva: la nuova era della dinamica

03 July 2020

Ferrari V6 ibrida avvistata a Maranello: il video

Ferrari V6 ibrida avvistata a Maranello: il video

02 July 2020

Niente più Saloni dell’Auto per Lamborghini

Niente più Saloni dell’Auto per Lamborghini

01 July 2020

Ferrari 812 GTO: in attesa del debutto, si sgranchisce le gambe a Fiorano

Ferrari 812 GTO: in attesa del debutto, si sgranchisce le gambe a Fiorano

30 June 2020

Cayman GT4 vs 992 Carrera S: la sfida sul circuito del Lausitzring

Cayman GT4 vs 992 Carrera S: la sfida sul circuito del Lausitzring

30 June 2020

Lotus celebra il 20° anniversario della Exige con una sensazionale Special Edition

Lotus celebra il 20° anniversario della Exige con una sensazionale Special Edition

29 June 2020

Kia Picanto: con il restyling sprigiona 75 CV

Kia Picanto: con il restyling sprigiona 75 CV

29 June 2020

Mantas Šliogeris e la sua MAZDA MX-5 Mk2

Mantas Šliogeris e la sua MAZDA MX-5 Mk2

28 June 2020

I miti del gruppo A

I miti del gruppo A

27 June 2020