a cura della redazione - 24 February 2022

La Ford Focus di Colin McRae cerca casa

All'asta lo spettacolare esemplare con la quale McRae lottò per il titolo mondiale del 2001

La regione della Cumbria, in Inghilterra, è un luogo meraviglioso, da lasciarci il cuore. Pieno di montagne, laghi e paesaggi suggestivi ha B-roads – le strade secondarie inglesi – divertentissime e impegnative e… per buona parte dell’anno piove. Unite sfondo stradale viscido e strade impegnative ed ecco che la regione si presta perfettamente a crescere dei leader nei Rally, proprio come la M-Sport, che vi ha sede e da decenni si occupa delle vetture WRC per Ford.

Il loro tocco magico si è posato sull’ultima Puma WRC (con la quale il mostruoso Loeb ha vinto di recente il Montecarlo), così come si posò su questa Ford Focus WRC del 2001 resa bellissima dalla livrea Martini, dai mille dettagli da corsa e da cerchi OZ divenuti iconici nel panorama rallystico. McRae proveniva da una famiglia di piloti coi fiocchi, e subito dimostrò la stessa stoffa vincendo il British rally championship nel '91 e nel ’92, passando poi alla Prodrive e continuando l’ascesa finché non vinse il titolo mondiale con Subaru nel ’95. Nel 2001 McRae continuava ad ammaliare gli spettatori con il suo stile unico da “Full attack mode”, stavolta al volante di una Ford, proprio questa Focus con la quale vinse in Argentina, a Cipro e all’Acropoli con Nicky Grist come co pilota.

Ci furono altri ottimi piazzamenti (come in Nuova Zelanda) così che il titolo del 2001 era una questione tra McRae e Burns, ma purtroppo durante il rally di casa (Inghilterra) il ritmo di Colin fu così elevato da portarlo a ribaltarsi spettacolarmente più volte. Titolo mancato per soli due punti quindi. La Focus venne in seguito risistemata dalla M-Sport e ora è all’asta dotata di tutto quello che potreste desiderare: look da paura, trazione integrale, motore due litri turbo, cambio sequenziale e un passato incredibile. La stima della Silverstone Auctions si aggira intorno ai 400.000 euro, immaginabili vista l’importanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA