a cura della redazione - 21 December 2020

Tutte le high performance a batteria disponibili

Spinte si da un powertrain a elettroni, sono però capaci di regalare anche elevate prestazioni e piacevoli emozioni quando le si guida.

Parliamoci chiaro, le auto elettriche sono nate con un unico scopo: salvaguardare l’ambiente e abbattere quanto più possibile le sostanze inquinanti rilasciate nell’ambiente dai motori endotermici, svincolandosi al contempo dalla dipendenza dal petrolio e dai combustibili fossili. Tutto questo spirito “green” non ha però impedito ad alcuni costruttori di progettare e costruire anche modelli si a batteria ma dalle elevate prestazioni, versioni high performance in grado di deliziare pure gli automobilisti più esigenti.

E non è servito molto tempo prima che questi modelli arrivassero ad equiparare se non superare per lo meno sul dritto le prestazioni delle più moderne super e hypercar con motore endotermico a oggi in commercio. Certo manca sempre il rombo del motore - che per la maggior parte dei puristi della guida è una componente essenziale del coinvolgimento e del piacere di guida – e va un attimo reinterpretato l’approccio di guida con questi modelli a batteria, vista la loro enorme coppia fin dai regimi più bassi, la completa assenza di un vero e proprio cambio tanto manuale quanto automatico, l’erogazione lineare e continua e però le maggiori masse in gioco, sicuramente non trascurabili dal punto di vista dinamico.

Rispetto però alle sportive e supersportive con motore a scoppio, le super e hypercar a batteria si fregiano anche di alcuni vantaggi dal punto di vista burocratico e fiscale. In primis non va dimenticata l’esenzione del bollo per almeno i primi 5 anni dopo l’acquisto; in secondo luogo e forse non tutti lo sanno a libretto queste vetture riportano il valore di potenza massima omologato, cioè quello erogato in media nell’arco di 30 minuti, e non quello di picco, riducendo di molto la spesa per la tassa di possesso semmai un giorno si dovesse arrivare a pagarla. Non dimentichiamo poi le agevolazioni come i posteggi blu gratis, gli accessi gratuiti alle ZTL, all’Area C di Milano e così via dicendo.

Ma quali sono queste auto a zero emissioni ma dalle prestazioni sbalorditive? La Porsche Taycan Turbo S adotta un powertrain da 761 CV e 1.050 Nm di coppia, è dotata di accumulatori da 93,4 kWh e riesce a segnare un tempo di 2,8 secondi nell’accelerazione da 0 a 100 km/h. La Tesla Model S Plaid adotta un powertrain a tre motori da oltre 1.100 CV di potenza che consentirà alla vettura di scattare da 0 a 96 km/h in meno di due secondi e di toccare una velocità massima di 320 km/h. La Rimac C_Two è dotata di quattro motori elettrici in grado di erogare oltre 2.000 CV e 2.300 Nm. L’accelerazione da 0 a 100 km/h richiederà meno di due secondi, mentre saranno meno di 12 quelli necessari per passare da 0 a 300 km/h. L’Audi RS e-tron GT adotterà di serie due unità propulsive, una per ogni asse, per una potenza massima di 646 CV e una coppia massima di 830 Nm. Tali numeri dovrebbero garantire uno scatto da 0 a 100 km/h in meno di 3,5 secondi, mentre la velocità massima sarà di 250 km/h. La Lotus Evija vanterà un powertrain composto da quattro motori elettrici, due per ogni asse, che avrà una potenza massima di 2.000 CV e uno scatto che, secondo la Casa, dovrebbe assicurarle un tempo inferiore a nove secondi per passare da 0 a 300 km/h. Pininfarina Battista vanterà un powertrain in grado di erogare la bellezza di 1.900 CV e 2.300 Nm di coppia per uno scatto da 0 a 100 km/h in meno di due secondi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA