di Tommaso Ferrari - 15 April 2019

ABT celebra i 25 anni della RS2

La prima RS di sempre ora eroga 360 cavalli e incontra l'RS4+

ABT ha un legame profondo con Audi visto che è uno dei suoi principali elaboratori, così in occasione dei 25 anni della RS2 l’azienda tedesca ha organizzato un bell’incontro fra la prima vettura marchiata RennSport e la sua discendente più recente, la RS4+. L’RS2 infatti nacque nel 1994 in collaborazione con Porsche che lavorò sul 2.2 litri cinque cilindri turbo estraendone ben 315 cavalli e grazie a nuovo turbo, intercooler, alberi a camme, Ecu etc etc. l’insospettabile station wagon passava da 0 a 100 in circa 5 secondi per fermarsi solo a 262 km/h. I freni derivavano dalla 911, la trazione era integrale e l’Abs era stato sviluppato dalla Bosch; tutte cose utili anche in questo esemplare rosso fiammante visto che ABT (ovviamente) non l’ha lasciato di serie ma è riuscito a modificare il turbocompressore, gli alberi a camme e a montare un nuovo scarico in acciaio inox per un totale di 360 cavalli.

La bisnipote della RS2 riesce a fare ancora di meglio, e con ampio margine visto il trattamento ABT: nuova Ecu e nuovo scarico hanno innalzato la potenza fino a 530 cavalli (dai 450 originali) e ben 690 Nm di coppia, con prestazioni in grado di impensierire buona parte di tutte le 911 in circolazione. Esteticamente sono entrambe rosse e bellissime, anche se la RS2 ha mantenuto la sua linea pulita e classica mentre la RS4+ ha guadagnato cerchi in nero lucido da 20’’ e svariati dettagli in fibra di carbonio. Se doveste caricare bagagli e provviste per un weekend via, quale vorreste poter rubare?

© RIPRODUZIONE RISERVATA