di Tommaso Ferrari - 12 April 2018

TVR ritorna alle competizioni dopo tredici anni di assenza

Il marchio inglese sigla un fruttuoso accordo con il Team svizzero Rebellion
TVR ritorna alle competizioni dopo tredici anni di assenza

Dopo tredici anni di assenza dal palcoscenico delle competizioni – in particolare a Le Mans, dove l’ultima gara venne disputata con una Tuscan Speed Six GT2 – TVR ha annunciato un ritorno nel Motorsport grazie ad una partnership tecnica con il Team Rebellion. Il Team svizzero, famoso per la sua esperienza nella gare endurance, vinse il campionato squadre a LeMans nel 2011 battendo di un punto il Team Pescarolo e nel corso degli anni ha disputato e vinto decine di gare internazionali in diverse classi. Già alle prime prove ufficiali tenutesi sul circuito del Paul Ricard, il logo TVR ha fatto bella mostra sulla parte anteriore e sulle fiancate dell’incredibile prototipo LMP1 Rebellion R–13, in vista dell’imminente campionato WEC 2018/2019. Fa molto piacere sentire le parole del presidente TVR Les Edgar, che tiene a sottolineare come questo non sia un mero esercizio di marketing: “Quando abbiamo rilevato e fatto risorgere il brand, sapevamo di voler raggiungere un ritorno sui circuiti, e questa partnership con Rebellion ci permetterà di ottenere conoscenze e innovazioni tecnologiche e meccaniche che potremo trasferire sulle nostre auto stradali".

TVR ritorna alle competizioni dopo tredici anni di assenza

"Abbiamo seguito in maniera ravvicinata il team negli ultimi anni e non vediamo l’ora di collaborare con loro, siamo certi che conseguiranno numerose vittorie nell’arco della stagione”. Sarebbe stato fenomenale vedere anche un motore TVR accoppiato al telaio Oreca R–13 della vettura del World Endurance Championship, ma sfortunatamente il team svizzero aveva già siglato un accordo con la Gibson Technology per usare il suo nuovo motore V8 GL458. Derivato dal 4.2 litri usato nella classe LMP2 e portato a 4.5 litri, sarà accreditato di una potenza intorno ai 750 cavalli quando verrà settato per la gara. Potremo vedere il risultato di questi sforzi congiunti già il 5 Maggio, quando si terrà la sei ore di Spa, prima di spostarsi il mese successivo a Le Mans. Con piloti del calibro di Nick Heidfeld, Neel Jani e Bruno Senna siamo certi che non mancheranno le sorprese, visto che già dal prologo del Paul Ricard la vettura è risultata affidabile, veloce e senza un comportamento nervoso. Dopo la presentazione della stupenda TVR Griffith, questo pare proprio il secondo ottimo passo compiuto dalla casa britannica.

TVR ritorna alle competizioni dopo tredici anni di assenza
© RIPRODUZIONE RISERVATA