di Matteo di Lallo - 19 maggio 2020

SSC Tuatara: prestazioni assolute

La diretta rivale di Koenigsegg e Bugatti si mette in mostra in un video confermando le sue straordinarie doti di accelerazione.

1/18

Nata dalla matita di Jason Castriotaex designer Pininfarina e Bertone e responsabile, fra le altre, delle Ferrari P4/5 e Maserati Birdcage 75th Concept – la SSC Tuatara è uscita dalla catena di montaggio a Richland, nello Stato di Washington, USA.

Stiamo parlando della hypercar americana vecchio stile, che è equipaggiata con un semplice ma altrettanto prestazionale motore termico e che si appresta a diventare la diretta rivale di Bugatti Chiron, Hennessey Venom F5 da 1.600 Cv e Koenigsseg Jesko Absolut con i suoi 532 km/h (330 mph) dichiarati.

A renderla così unica e allo stesso tempo particolarmente potente ci pensa un contenuto tecnico e meccanico di tutto rispetto. Sotto pelle giace, infatti, in posizione centrale un V8 di 5.9 litri con albero motore piatto, messo a punto e costruito insieme alla Nelson Racing Engines.

Sebbene sia stato ridotto dagli originali 7.0 litri di cilindrata, questo poderoso propulsore è comunque in grado di frullare fino alla bellezza di 8800 giri/min e di raggiungere il picco di potenza massima di ben 1350 Cv se alimentato a benzina (91 ottani) oppure di 1750 CV se alimentato con miscela E85 (un carburante composto da etanolo all'85% con 105 ottani).

Abbinato a un cambio robotizzato a sette velocità della CIMA, capace di effettuare cambi marcia in 1 decimo di secondo, questo motore è in grado di spingere la Tuatara fino alla vertiginosa velocità massima di 483 km/h, un risultato leggermente migliore di quanto fatto segnare dalla Koenigsegg Agera RS (447,2 km/h) ma in teoria non ancora in grado di battere i 490,48 km/h fatti segnare dalla Bugatti.

Come se non bastasse la SSC Tuatara si avvale di una carrozzeria in fibra di carbonio che poggia su cerchi anch’essi in fibra di carbonio e di un’aerodinamica particolarmente curata (Cx di soli 0,279) per migliorare ulteriormente la downforce e il coefficiente di penetrazione dell’aria, senza trascurare naturalmente il raffreddamento del potente propulsore.

Le sospensioni sono regolabili, i freni sono carboceramici da 16 pollici all’anteriore e 15 pollici al posteriore e gli pneumatici sono Michelin Pilot Sport Cup nelle misure misura 245/35-R20 e 345/25-R20. Il tutto per un peso massimo complessivo di soli 1247 kg.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Ferrari Purosangue: arriverà ma a tempo debito

Ferrari Purosangue: arriverà ma a tempo debito

24 maggio 2020

Fiat Fire 8 valvole: canto del cigno per il motore leggendario

Fiat Fire 8 valvole: canto del cigno per il motore leggendario

23 maggio 2020

Bimbo di 5 anni guida un SUV per andare ad acquistare una Lamborghini

Bimbo di 5 anni guida un SUV per andare ad acquistare una Lamborghini

22 maggio 2020

Ferrari riparte da una Ferrari F8 Tributo, una 812 GTS ed una SP2 Monza

Ferrari riparte da una Ferrari F8 Tributo, una 812 GTS ed una SP2 Monza

22 maggio 2020

Ibrahimovic multato a bordo della sua Ferrari Monza SP2

Ibrahimovic multato a bordo della sua Ferrari Monza SP2

21 maggio 2020

Ken Block e la nuova Mustang da Gymkhana

Ken Block e la nuova Mustang da Gymkhana

20 maggio 2020

Tesla Model S: la modalità "Cheetah" è dietro l’angolo

Tesla Model S: la modalità

20 maggio 2020

Ferrari 812 Superfast Novitec: il V12 fa tremare la galleria

Ferrari 812 Superfast Novitec: il V12 fa tremare la galleria

19 maggio 2020

SSC Tuatara: prestazioni assolute

SSC Tuatara: prestazioni assolute

19 maggio 2020

Mini spiega la nuova John Cooper Works GP

Mini spiega la nuova John Cooper Works GP

18 maggio 2020