a cura della redazione - 05 ottobre 2019

Renault Mégane RS Trophy R

Stesso motore della Trophy, ma con un alleggerimento di 130 kg che ha obbligato a rinunciare alle ruote posteriori sterzanti. Sarà prodotta in soli 500 esemplari

1/4

La casa della losanga si mette in mostra con la versione più estrema della hot hatch francese. La Renault Mégane RS, dopo la variante Trophy, è pronta ad attaccare il mercato con un nuovo e ancor più performante modello. Si chiama Trophy R, sarà limitata a 500 esemplari e avrà un prezzo di partenza di 55.000 euro.

Inoltre, è l’auto di serie a trazione anteriore più veloce al Nürburgring; trazione che viene ottimizzata partendo da una già ottima Mégane RS Trohpy grazie al differenziale Torsen. Potenza e motore sono invariati: l’1.8 turbo 4 cilindri eroga 300 Cv e una coppia massima di 420 Nm, mentre a variare sono il peso totale della vettura, la taratura delle sospensioni e l’aerodinamica.

Si può scegliere tra un cambio automatico a doppia frizione con sette rapporti o un cambio manuale a sei marce. Al posteriore si è rinunciato alle ruote sterzanti per abbattere le masse in gioco: sono stati limati 130 kg grazie anche allo scarico Akrapovic in titanio, il cofano motore in composito e vetroresina, i sedili a guscio monoscocca Sabelt in carbonio, l’eliminazione dei sedili posteriori, dei finestrini elettrici posteriori, a cerchi in carbonio da 19“ e la batteria al litio.

Sono stati eliminati anche i sedili posteriori

L’ago della bilancia si ferma a soli 1.306 kg, inoltre queste soluzioni consentono alla Trophy R di archiviare la pratica dello 0-100 km/h in soli 5,4 secondi e di raggiungere una velocità massima di 262 km/h.

Per tenere a bada tali valori prestazionali la variante, la più pepata delle hatchback d’Oltralpe si affida a geometrie delle sospensioni completamente riviste, con un maggiore camber all’anteriore e rinforzi alla barra di torsione posteriore, ammortizzatori Ohlins regolabili – si possono abbassare le molle di 16 mm per l’uso in pista – pneumatici Bridgestone S007 nella misura 245/35-R19, prese d’aria specifiche per l’impianto frenante e, per il propulsore, un nuovo sottoscocca abbinato a un estrattore posteriore in carbonio totalmente riprogettato.

Per i più esigenti o per i semplici patiti dei track-day la nuova Megane RS Trophy R potrà essere ordinata anche con un ancor più prestazionale impianto frenante carboceramico Brembo con pinze a quattro pistoncini, i dischi anteriori misurano 390 mm mentre al posteriore sono da 290 mm.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Aston Martin DBX: lusso, praticità e sportività per il primo Suv della Casa di Gaydon

Aston Martin DBX: lusso, praticità e sportività per il primo Suv della Casa di Gaydon

28 gennaio 2020

All'asta uno dei 100 esemplari di Huayra Roadster esistenti

All'asta uno dei 100 esemplari di Huayra Roadster esistenti

28 gennaio 2020

Porsche Cayman e Boxster GTS: sotto al loro cofano torna a ruggire il 6 cilindri aspirato

Porsche Cayman e Boxster GTS: sotto al loro cofano torna a ruggire il 6 cilindri aspirato

27 gennaio 2020

Porsche 911... Ancora tu?

Porsche 911... Ancora tu?

26 gennaio 2020

Alpine A110: la versione S migliorerà la già brillante coupè?

Alpine A110: la versione S migliorerà la già brillante coupè?

25 gennaio 2020

Toyota GR Yaris: hot hatch al peperoncino

Toyota GR Yaris: hot hatch al peperoncino

24 gennaio 2020

Supercar da più di 10 milioni? Queste 5 Ferrari ne valgono anche il doppio!

Supercar da più di 10 milioni? Queste 5 Ferrari ne valgono anche il doppio!

24 gennaio 2020

Toyota GR Supra: arriva in Europa il 2.0 litri da 258 CV

Toyota GR Supra: arriva in Europa il 2.0 litri da 258 CV

23 gennaio 2020

Bambino di 6 anni alla guida di una 488 GTB insieme a Charles Leclerc: performance sorprendente!

Bambino di 6 anni alla guida di una 488 GTB insieme a Charles Leclerc: performance sorprendente!

21 gennaio 2020

All'asta la rarissima Gemballa Mirage GT Gold Edition di Eto'o

All'asta la rarissima Gemballa Mirage GT Gold Edition di Eto'o

21 gennaio 2020