a cura della redazione - 12 June 2018

La Porsche Mission E ora ha un vero nome, Taycan

La casa tedesca rivela il nome della rivale della Model S, che celebra il cavallino di Stoccarda
  • Salva
  • Condividi
  • 1/6

    Anche se ‘Mission E’ non era il più brutto nome nella storia dell’auto, Porsche ha ora comunicato quello ufficiale che andrà ad adornare il posteriore della futura berlina sportiva ed elettrica: Taycan. Il significato è traducibile a grandi linee come ‘giovane cavallo energico’ ed è ovviamente un rimando al cavallino con la cresta che adorna il logo di tutti i modelli Porsche. Porsche sottolinea fieramente che ognuna delle sue auto ha un nome scelto appositamente per richiamarne le caratteristiche, ed in questo caso la Taycan rappresenterà la possibilità di guidare un’auto capace di coprire lunghe distanze in totale relax e che incarna la sensazione di libertà; inoltre il richiamo al cavallino di Stoccarda vuol significare che la prima auto elettrica Porsche di serie manterrà l’anima del marchio, senza perdere il lato emozionante per la quale era nota.

    La Porsche Mission E ora ha un vero nome, Taycan

    La Taycan sarà una bella rivale per la Tesla Model S: il telaio è completamente nuovo – non ripreso dalla Panamera né dal gruppo Vw – e le batterie sono sotto il pianale per mantenere il baricentro il più basso possibile, mentre ogni asse avrà un motore elettrico. La potenza totale arriverà a 600 cavalli e permetterà uno scatto da 0 a 100 in meno di 3,5 secondi per una velocità massima intorno ai 250 km/h, il tutto per 500 chilometri di autonomia e 4 minuti di tempo per caricare le batterie a sufficienza per far 100 chilometri. Nonostante il passaggio all’elettrico, il presidente del consiglio esecutivo Porsche AG Oliver Blume spiega che la nuova Taycan non perderà assolutamente la filosofia e l’impronta sportiva delle Porsche più celebri e del carattere che reso noto il marchio tedesco, quindi Tesla farà bene a guardarsi le spalle…

    La Porsche Mission E ora ha un vero nome, Taycan
    © RIPRODUZIONE RISERVATA