Nuova Porsche 911 Targa: questione di stile

La Casa di Zuffenhausen introduce in gamma anche la versione con montanti fissi e tetto retrattile. Arriverà nei concessionari nei prossimi mesi a un prezzo ancora da comunicare.

1/17

Dopo l’introduzione delle versioni Coupé e Cabrio della nuova Porsche 911 generazione 992, la Casa di Zuffenhausen ha finalmente completato l’opera, introducendo in gamma anche la versione Targa, quella con montanti fissi e tetto retrattile per intenderci, una speciale versione, per qualcuno una vera esclusività di stile, che da sempre mette d’accordo tanto gli amanti delle versioni coupé quanto i cultori delle varianti cabrio.

Non trattandosi, infatti, nè di una coupé col tetto che scompare o può essere tolto ma nemmeno di una cabrio con tetto rigido retrattile, la nuova Porsche 911 (992) Targa appare rispetto alla precedente generazione allargata nelle dimensioni e corredata di passaruota più generosi che la rendono ancora più piantata a terra e ne accentuano la sua presenza su strada.

Dal punto di vista estetico riprende il più possibile dalla sorella Coupé, distinguendosi unicamente nel montante ad arco – di color alluminio come sulla prima 911 Targa – nel grosso lunotto posteriore in vetro e nel tetto in tela che in 19 secondi si chiude o si apre elettricamente.

Le altre novità hanno riguardato poi la meccanica. Si perché la nuova Porsche 911 Targa sarà disponibile nelle versioni 4 e 4S, rispettivamente da 385 e 450 CV con 450 e 530 Nm di coppia, ma sarà opzionabile unicamente con trazione integrale.

Il nuovo motore da 3.0 litri 6 cilindri boxer turbo potrà, infine, essere affiancato o dall’ormai ben noto cambio automatico PDK doppia frizione a 7 rapporti o dal più emozionale cambio manuale sempre a 7 rapporti senza alcun sovrapprezzo finale.

Per tenerla a bada non mancheranno naturalmente il PASM (Porsche Active Suspension Management) e il PTV Plus (Porsche Torque Vectoring) con bloccaggio elettronico del differenziale posteriore (ma solo sulla 4S).

Sempre per la 4S sono disponibili 2 optional come l’asse posteriore sterzante e il PDCC (Porsche Dynamic Chassis Control) con barre antirollio per eliminare l’appoggio in curva. Chiudono il cerchio i dischi freno in acciaio da 330 mm per la 4 e 350 mm per la 4S o l’impianto carboceramico PCCB ma solo come optional.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Alpine: aperti gli ordini della A110 in versione Légende GT e Color Edition 2020

Alpine: aperti gli ordini della A110 in versione Légende GT e Color Edition 2020

10 July 2020

Bentley Flying Spur: il lusso viaggia veloce

Bentley Flying Spur: il lusso viaggia veloce

09 July 2020

Toyota GR Supra: la voglia di sterrato non le manca

Toyota GR Supra: la voglia di sterrato non le manca

08 July 2020

Bmw M5: la Competition sarà superata

Bmw M5: la Competition sarà superata

07 July 2020

Lamborghini Aventador S: il ruggito a 336 km/h

Lamborghini Aventador S: il ruggito a 336 km/h

06 July 2020

Maserati: in arrivo un nuovo 3.0 V6 bi-turbo da 542 CV

Maserati: in arrivo un nuovo 3.0 V6 bi-turbo da 542 CV

05 July 2020

Porsche Taycan: come funziona la frenata rigenerativa?

Porsche Taycan: come funziona la frenata rigenerativa?

04 July 2020

Aerodinamica attiva: la nuova era della dinamica

Aerodinamica attiva: la nuova era della dinamica

03 July 2020

Ferrari V6 ibrida avvistata a Maranello: il video

Ferrari V6 ibrida avvistata a Maranello: il video

02 July 2020

Niente più Saloni dell’Auto per Lamborghini

Niente più Saloni dell’Auto per Lamborghini

01 July 2020