di Tommaso Ferrari - 11 marzo 2019

Svelata la cattivissima McLaren Senna GTR

Estetica e meccanica estreme per oltre una tonnellata di deportanza e prestazioni inavvicinabili in pista
1/8
Fa impressione. Non ci sono molti altri modi per descrivere l’aspetto della nuova McLaren Senna GTR, la versione da competizione della già sbalorditiva Senna capace di dare un nuovo ordine di grandezza alle performance di un’auto ‘stradale’. Senza il bisogno di seguire regole di omologazione il centro design di Woking si è lasciato andare creando qualcosa di brutale e efficacissimo: dati alla mano a 250 km/h la GTR genera ancora più deportanza della Senna, arrivando a 1.000 chili, tutto merito di una carrozzeria ancora più estrema rispetto al concept presentato lo scorso anno. La caratteristica più scenografica è l’alettone posteriore, un’immensa ala che si estende anche in verticale collegando le sue estremità alla fine dei passaruota posteriori della Senna GTR, creando qualcosa di veramente scenografico e ovviamente valanghe di deportanza; il non dover rispettare determinate misure (ad esempio restare entro la carreggiata dell’auto) ha decisamente giovato.
Un’altra sezione esagerata è la presa d’aria sulle fiancate per nutrire il solito 4.0 litri V8 bi turbo che ora arriva a 825 cavalli: è così grande che potrebbe essere il portale di accesso ad un mondo sconosciuto, a scelta fra il regno di Narnia e quello del Mago di Oz. All’anteriore abbiamo invece uno splitter che genera leggeri vortici d’aria in grado di far scorrere in maniera più fluida l’aria sotto e intorno alla GTR, mentre al posteriore un diffusore non bellissimo ma immenso è quasi connesso all’alettone sopracitato che conserva le sue proprietà di aerofreno e appendice aerodinamica mobile. Nonostante ciò la GTR ha lo stesso coefficiente di penetrazione aerodinamica della versione stradale. Lo chassis in fibra di carbonio è la Monocage III-R, versione aggiornata e alleggerita della monoscocca della Senna che porta il peso totale a soli 1.188 chili mossi da 825 cavalli tramite un cambio doppia frizione a sette marce. Perché tutto questo ben di Dio non venga sprecato i cerchi sono in alluminio ultraleggero da 19 pollici avvolti in gomme slick Pirelli da 285 all’anteriore e 325 al posteriore per un grip fenomenale. La Senna GTR verrà prodotta in soli 75 esemplari ad un prezzo di 1,5 milioni di euro, circa 1.500 euro per ogni chilo di deportanza generato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Tesla Autopilot: siamo sicuri che sia davvero affidabile?

Tesla Autopilot: siamo sicuri che sia davvero affidabile?

23 febbraio 2020

Bugatti festeggia la realizzazione della Chiron n° 250

Bugatti festeggia la realizzazione della Chiron n° 250

22 febbraio 2020

Nuove Audi RS 4 Avant, Audi RS 5 Coupé e Audi RS 5 Sportback

Nuove Audi RS 4 Avant, Audi RS 5 Coupé e Audi RS 5 Sportback

22 febbraio 2020

Maserati MC20: la Casa del Tridente ritorna alle corse

Maserati MC20: la Casa del Tridente ritorna alle corse

21 febbraio 2020

Porsche Taycan Turbo S: la supercar elettrica supera le altre

Porsche Taycan Turbo S: la supercar elettrica supera le altre

21 febbraio 2020

Felino CB7R, in arrivo la supercar made in Canada

Felino CB7R, in arrivo la supercar made in Canada

21 febbraio 2020

Un viaggio ideale tra le Gran Turismo più eleganti di Ferrari

Un viaggio ideale tra le Gran Turismo più eleganti di Ferrari

20 febbraio 2020

Nuovo Mercedes-AMG GLE 63 4MATIC+ Coupé. Tutto in uno

Nuovo Mercedes-AMG GLE 63 4MATIC+ Coupé. Tutto in uno

20 febbraio 2020

Pagani presenta Imola. Potenza ed eleganza limitata a 5 esemplari

Pagani presenta Imola. Potenza ed eleganza limitata a 5 esemplari

19 febbraio 2020

Porsche 911 Turbo S: da 0 a 96 km/h in 1,9 secondi

Porsche 911 Turbo S: da 0 a 96 km/h in 1,9 secondi

19 febbraio 2020