05 January 2018

Mazda MX-5 RF vs Toyota GT86

Pro e contro di due economiche trazioni posteriori, con un gran carattere e tanta voglia di divertire
  • Salva
  • Condividi
  • 1/11

    di Antony Ingram

    Due leggere ed economiche trazioni posteriori, con il motore aspirato, il cambio manuale e le gomme piccole: Toyota GT86 e Mazda MX-5 RF. Questa RF è davvero carina, non così essenziale come la controparte roadster, ma dall'aspetto meno giocattoloso. La GT86 ha ottime proporzioni, migliori di quelle della Mazda, ma i dettagli non sono altrettanto accattivanti. La Mazda ha un abitacolo minimalista, ma non a discapito dell'ergonomia, con un semplice infotainment e altrettanto semplici comandi per il clima, tutti controlli ravvicinati e raggiungibili con un rapido movimento del braccio. Sulla Toyota siedi davvero in basso e la posizione di guida è migliore, l'abitacolo è più spazioso e la pedaliera è spaziata meglio. Peccato per la plasticaccia che compare qua e là.

    Toyota GT-86: la pratica porta alla perfezione

    Mazda MX-5 RF vs Toyota GT86

    Toyota insiste nel montare le discutibili Michelin Primacy e, benché io sia per le auto che si muovono parecchio, in questo caso puoi trovarla troppo nervosa anche senza spingere particolarmente, con le ruote posteriori che partono facilmente lungo le curve più veloci e il muso che allarga davvero troppo presto in quelle più lente. Ci vuole un po' per capirla; alla fine il grip c'è ed è proprio quando ti impegni che tutto inizia ad avere senso. Lo sterzo inizia a mostrare feedback – non è come quello di una Elise, intendiamoci – benché al feedback non corrisponda un aumento di peso e consistenza.

    Una volta che hai preso confidenza con l'anteriore, entra in gioco il posteriore: la GT86 rolla meno della Mazda, cosicché accade tutto non appena hai caricato il telaio. C'è un pelo di sottosterzo, ma, una volta che l'hai identificato con la punta delle dita, devo solo rilassarti e giocare con l'equilibrio; a questo punto, con ruote anteriori e posteriori che si dividono un carico equivalente, puoi dare gas e stringere la traiettoria con le ruote posteriori. Succederà praticamente lungo ogni curva e, benché questa mancanza di grip significa che una hot hatch media ti starà sempre davanti di qualche curva, è estremamente gratificante inanellarne una sequenza in questa maniera.

    Mazda MX-5 RF: (un po') più veloce ma più impegnativa

    Mazda MX-5 RF vs Toyota GT86

    L'approccio della Mazda è diverso: le gomme sono più strette (205/45R17 vs 215/45R17), ma le Bridgestone Potenza S001 generano decisamente più grip delle Primacy. Danno l'impressione di aggrapparsi all'asfalto, cosicché puoi caricare meglio l'anteriore e andare prima sul gas in uscita. E' di fatto più veloce della Toyota lungo ogni genere di curva. Ma... Con la RF devi sempre lottare contro un certo grado di imprecisione e morbidezza. Lo sterzo è diretto quanto quello della Toyota, ma il punto morto iniziale non ispira altrettanta fiducia e, almeno finché non hai dato un ottavo di giro, arrivano poche informazioni su quanto stanno facendo le ruote anteriori. In questa fase, l'auto inizia anche a rollare, cosicché devi aspettare un secondo per scoprire quanto stanno lavorando le gomme; il telaio riesce certamente a darti l'impressione di spingere anche quando in realtà non lo stai facendo, ma, quando davvero lo fai, la RF non appare mai così veloce e composta o immediata come la Toyota.

    Questa morbidezza significa anche che la Mazda deve lottare quando aggiungi ondulazioni e sconnessioni nell'ingresso in curva; dove la Toyota le assorbe, muovendosi giusto una volta e riguadagnando compostezza, la Mazda tende a saltellare e scartare. C'è anche un certo tremolìo lungo la carrozzeria, anche con il tetto chiuso, qualcosa che l'aplomb della Toyota non conosce. In totale, la RF sembra gradire un'andatura leggermente più rilassata, il che, data la capacità della Mazda di lasciarsi alle spalle la GT86 in rettilineo (davvero!), suona come un'occasione mancata.

    Tiriamo le somme

    Mazda MX-5 RF vs Toyota GT86

    Come fa ad essere più veloce della GT86, dite? Bé, le mancheranno anche 40 Cv rispetto alla GT86 e ha anche meno coppia, ma tutto arriva a un regime inferiore (in particolare la coppia) e gli intermbinabili sforzi di Mazda per eliminare peso superfluo la rendono più leggera della Toyota di ben 200 kg. Per non parlare del fatto che il 2.0 litri Mazda gira molto più entusiasta del boxer Toyota.

    Quel boxer suonerà "strano" ma in fondo è anch'esso brillante e divertente, così come il cambio, fantastico e preciso. Ma il problema è che, a meno di non restare nella parte alta del contagiri – cosa che su strada pubblica accade meno spesso di quanto si vorrebbe – l'erogazione e la trazione della Mazda risultano di fatto più efficaci. La Toyota guadagna qualcosa in ingresso di curva, anche grazie al fantastico feeling del pedale del freno e alla maggiore fiducia che il suo avantreno è in grado di dare.

    Perciò, a conti fatti, la Toyota è quella che regala il maggior numero di sorrisi. Spesso grazie proprio a quegli pneumatici di teflon. E' più immediata della Mazda nel comunicare e con la Mazda è più difficile far entrare in gioco l'asse posteriore, oltre al fatto che il maggior rollio aggiunge una quantità di inerzia sufficiente a richiedere più prontezza nell'impartire gli ordini al volante. La GT86 non tiene sempre il passo, ma non è un'auto lenta e il piacere che ne ricavi è maggiore. E' anche un prodotto meglio realizzato, più propenso ad alzare la posta in gioco, più accondiscendente.

    Mazda MX-5 RF vs Toyota GT86

    © RIPRODUZIONE RISERVATA