di Davide Saporiti
- 29 January 2018

Lotus, due nuovi modelli dal 2020 (ma nuovi davvero!)

Jean-Marc Gales comincia a sbottonarsi un po’ e le notizie non sono malaccio
Finalmente tornata in attivo e con la sicurezza di un enorme gruppo come la cinese Geely alle spalle, Lotus può mettere al lavoro gli ingegneri su qualcosa che non sia l’ennesimo “modello speciale”.

Quando non è occupato a farsi bacchettare dalla Polizia, il CEO Jean-Marc Gales parla con i giornalisti e talvolta si lascia andare a qualche dichiarazione interessante sul futuro dell’azienda, come accaduto di recente con i colleghi di CAR. Ebbene, stando a quanto ha dichiarato, pare che le voci fossero fondate: dal 2020 vedremo due nuovi modelli Lotus. E non parliamo del SUV – quello è previsto per il 2022, sempre che vi interessi, ma di modelli sportivi. Gales non ha ovviamente spifferato tutto, ma ha concesso alcuni indizi: la prima, dice, sarà l’erede di un modello esistente, mentre la seconda andrà a posizionarsi al di sopra della Evora, un’auto pensata per la pista e dalla produzione limitata.

Telaio vecchio e telaio nuovo

E’ presto per trarre conclusioni, ma una caratteristica è già stata svelata: Gales afferma che la prima sfrutterà il solito telaio in alluminio che conosciamo dal 1993. Non sarebbe ora di cambiarlo? Secondo Lotus no: “E’ ancora un riferimento quando a longevità, resistenza e leggerezza” dice Gales. Quanto alla vettura esclusiva che assumerà il ruolo di top di gamma e di sostituta della 3-Eleven, si parla di un telaio in carbonio nuovo di zecca e di una vettura un filo meno estrema a livello di carrozzeria. Perciò, probabilmente non si parlerà più di barchetta, ma di coupé. Ma “Non parliamo della nuova Esprit” afferma Gales.

Gales dice poi che le nuove vetture saranno un po’ più comode di quelle esistenti, “un po’ più pratiche nel salire e scendere”, ma “senza rinunciare alle tradizioni”. Quelli di CAR ritengono che la nuova vettura con il vecchio telaio sarà l’erede dell’Evora o della Exige, ma non vediamo perché non dovremmo poter includere l’Elise fra le potenziali candidate; anche perché per inaugurare degnamente il nuovo corso sembra più logico partire dal modello più importante, quello che ha dato vita alla Lotus come la conosciamo oggi. Ma la risposta potrebbe stare nelle dichiarazioni di Gales: “Costruire sportive significa numeri bassi e spese elevate e la tendenza odierna è di un mercato più oneroso, per cui devi scegliere bene come muoverti”. Motivo per cui partono le joint-venture come quella di BMW-Toyota o lo sfruttamento di componenti esistenti come fa Alpine. In altre parole, è difficile che la nuova Lotus Elise resti la (relativamente) economica e sbarazzina vettura sportiva che conosciamo oggi. E lo diciamo provando un brivido lungo la schiena… Ma Gales non esclude che possa continuare ad esistere così come la conosciamo: “Come fa Caterham, la fanno da 60 anni”.

Ibrido? Escluso, pesa troppo

Avendo Gales fatto l’esempio di joint-venture esistenti, viene da pensare – e sarebbe logico – che Geely abbia intenzione di sfruttare il know-how e i componenti Volvo per Lotus, a partire dai motori. Ma un V6 come quello attuale manca, motivo per cui potrebbe darsi che si rimanga sull’attuale Toyota, almeno per quanto riguarda i modelli più sportivi. L’ibrido? Per ora sembra escluso: “Due powertrain significa troppo peso, non è efficiente” dice Gales, “per le sportive penso sempre al solo motore a combustione o al 100% elettrico”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Porsche Taycan Turbo S VS McLaren P1: il bene contro il male

Due diverse concezioni, entrambe molto prestazionali, stessa accelerazione sullo 0-100 ma filosofie progettuali totalmente opposte. In uan drag race chi la spunta?

Porsche Taycan Turbo S VS McLaren P1: il bene contro il male

12 September 2020

Porsche Panamera 2020: ancora più performante e divertente

Con un prezzo di 97.800 euro per la versione base a trazione posteriore, la Porsche Panamera restyling è già ordinabile anche in Italia ma le prime consegne sono fissate per ottobre.

Porsche Panamera 2020: ancora più performante e divertente

10 September 2020

La Volkswagen Golf 8 si fa in cinque

A breve saranno disponibili anche tutte le varianti ibride della nuova media di Wolfsburg: si tratta di cinque diverse versioni, tre mild hybrid e due plug-in hybrid.

La Volkswagen Golf 8 si fa in cinque

09 September 2020

Nurburgring: Tesla Model 3 Performance più veloce di Porsche 911 GT3 RS?

Sull’iconico e difficilissimo tracciato denomina Inferno Verde sembra proprio che la berlina vitaminizzata di Palo Alto sia in grado di star dietro se non persino superare una Porsche 911 con gli attributi.

Nurburgring: Tesla Model 3 Performance più veloce di Porsche 911 GT3 RS?

08 September 2020

Garmin Catalyst: il driver coach virtuale per la pista

Una volta montato sul cruscotto raccoglie i vostri dati e vi fornisce in tempo reale indicazioni e suggerimenti anche audio per migliorare le vostre sessioni in pista.

Garmin Catalyst: il driver coach virtuale per la pista

07 September 2020

Tesla Model 3 sconfitta dalla Pikes Peak

Uno spettacolare incidente ma per fortuna senza gravi conseguenze ha definitivamente fermato la vettura di Palo Alto preparata dai ragazzi di Unplugged Performance.

Tesla Model 3 sconfitta dalla Pikes Peak

07 September 2020

Bmw M3 Touring? Presto sarà realtà

Audi RS4 Avant e Mercedes-AMG C63 Wagon sono state avvisate. La Casa dell’Elica metterà per la prima volta in commercio una versione station wagon della sua poderosa M3.

Bmw M3 Touring? Presto sarà realtà

06 September 2020

Ferrari 488 Pista vs Ferrari F40: testa a testa in quel di Maranello

Classica drag race sul quarto di miglio tra cavalline rampanti, rappresentative di epoche molto distanti tra loro. Chi avrà avuto la meglio?

Ferrari 488 Pista vs Ferrari F40: testa a testa in quel di Maranello

05 September 2020

Test dell’Alce indigesto per la Porsche Taycan

Risultato non proprio eccellente quello della sportiva elettrica di Zuffenhausen che nel test del doppio evitamento ostacolo non ha brillato poi più di tanto.

Test dell’Alce indigesto per la Porsche Taycan

04 September 2020

Lamborghini Huracán Evo: il nostro hot lap

Di primo acchito sembrerebbe essersi un po’ troppo “imborghesita” l’ultima evoluzione della supercar del Toro. Invece basta solo un “click” per ritrovare il carattere che la separa dall’Audi R8, con cui condivide parte della meccanica. Nel nuovo numero di evo, l'abbiamo testata. Vi mostriamo il video dell'Hot Lap del nostro pilota ufficiale, Tommy Maino.

Lamborghini Huracán Evo: il nostro hot lap

03 September 2020