a cura della redazione - 06 December 2017

La Alpine A110 va forte, stai attenta Porsche Cayman...

Spesso più gratificante di una 718 Cayman, la nuova Alpine è anche più leggera e veloce, ma non priva di difetti
  • Salva
  • Condividi
  • 1/56

    Dire che la aspettavamo con ansia è un eufemismo e siamo convinti che valga anche per tanti di voi. Come abbiamo visto, la nuova Alpine A110 è una trazione posteriore dal peso appena superiore ai 1100 kg in ordine di marcia, un peso decisamente inferiore a quello delle concorrenti, vedi Porsche 718 Cayman, Audi TT RS e addirittura Lotus Exige S, proposta ad un prezzo competitivo di circa 55-60.000 Euro.

    Meccanica

    Fa dell'alluminio il suo cavallo di battaglia, materiale che sfrutta praticamente per ogni componente, a partire dal telaio passando per le sospensioni; il motore 1.8 litri quattro cilindri a singolo turbo e iniezione diretta eroga 252 Cv a 6000 giri/min e regala 230 Cv/tonnellata, per non parlare del fatto che si tratta di un entry-level, dato che arriveranno versioni più potenti (si parla di 300 Cv). 0-100 km/h dichiarato pari a 4.5" e velocità massima di 250 km/h.

    Tre le modalità di guida: Normal, Sport e Track, che influiscono su sterzo, motore, voce allo scarico, ESC e differenziale elettronico, ma non sull'assetto, che rimane invariato qualunque sia la modalità di guida selezionata. Alpine ritiene infatti che sia necessario mantenere un certo livello di comfort in ogni condizione e resta conservativa anche dal punto di vista estetico, con un'aerodinamica funzionale ma priva di "orpelli" come un alettone, il cui lavoro viene egregiamente svolto dal diffusore posteriore e da altre intelligenti soluzioni atte a garantire stabilità alle alte velocità. Il differenziale è elettronico e svolge una funzione di torque-vectoring, titillando i freni per garantire la migliore trazione e il miglior ingresso in curva possibili, svolgendo un lavoro equivalente a quello di un differenziale meccanico ma senza appesantire la vettura.

    Al volante

    Peso inferiore significa un rapporto peso/potenza migliore e sulla Alpine si sente, eccome. C'è meno inerzia e maggiore agilità e velocità. E per essere una quattro cilindri fa un gran bel rumore. Inoltre non è striminzita come potrebbe sembrare, accoglie anche gli spilungoni di 1.90 e il suo abitacolo è spazioso e confortevole.

    Alla pressione del tasto di accensione segue un latrato seguito da un minimo gorgogliante; niente cambio manuale, qui, per cui una pressione sul paddle "+" del cambio a doppia frizione, dentro la prima e subito ti accorgi che tutto è al suo posto, tutto è meraviglioso, come succede su tutte le migliori vetture sportive. Si sente la mancanza di inerzia, non solo attraverso il leggero sterzo servoassistito, ma anche attraverso i sedili, attraverso tutto quanto; e quando pesti il gas, l'accelerazione è consistente anche più di quella di una Porsche 718 Cayman. Certo c'è un po' di lag, ma pace; in un certo senso contribuisce ad alimentare l'appeal della A110, perché quando la coppia arriva lo fa come un fiume in piena, con una modalità vecchio stile e hai la sensazione di doverti aggrappare al volante e reggerti con i reni. Il cambio lavora bene ma non eccelle; è veloce, efficiente, ma non sconvolgente, benché le scalate siano ben eseguite e dallo scarico arrivino degli interessanti fuochi d'artificio in Sport e Track.

    E' il telaio il vero protagonista dello show. Con un set-up classico di doppi bracci trasversali e tanto alluminio, le credenziali per un handling come si deve ci sono tutte e infatti il modo in cui corre fluida sull'asfalto "respirando" con la strada come sanno fare solo le migliori auto di Lotus è davvero un piacevole shock. Lo sterzo è delicato e preciso e regala del genuino feedback in tutte le modalità di guida. Puoi piazzare millimetricamente la A110 dove vuoi in tutte le curve che vuoi e avere totale fiducia nel fatto che il frontale risponderà con efficacia e senza eccessi. Anche la coda è splendidamente educata ed equilibrata e in perfetta armonia con l'anteriore. Tutto contribuisce ad un carattere maturo e composto.

    Difetti: spazio per i bagagli e disponibilità

    La questione bagagli è forse uno dei pochi tasti dolenti della Alpine A110. Probabilmente anche il prezzo, ma più che altro perché si tratta, di fatto, di un nuovo brand, che nulla ha a che vedere con la vecchia Alpine.

    E chi vorrà averne una deve aspettare che la produzione venga organizzata: tutte le Alpine A110 Launch Edition, 1955 esemplari, sono già state vendute (e in soli cinque giorni!), a un prezzo di 58.500 Euro. Seguirà il modello "base", che da noi in Europa sarà venduto in 57 punti vendita dedicati.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultime news

    La nuova Porsche 992 è qui*

    La nuova Porsche 992 è qui*

    16 November 2018

    In vendita un'intera collezione di Bmw

    In vendita un'intera collezione di Bmw

    16 November 2018

    La futura RS7 fa sul serio

    La futura RS7 fa sul serio

    15 November 2018

    Hennessey porta la Challenger Redeye oltre i 1.000 cavalli

    Hennessey porta la Challenger Redeye oltre i 1.000 cavalli

    15 November 2018

    In vendita due meravigliose Aston Martin Vantage

    In vendita due meravigliose Aston Martin Vantage

    14 November 2018

    Maserati Gran Cabrio by Pogea Racing

    Maserati Gran Cabrio by Pogea Racing

    13 November 2018

    The White Collection, una collezione tutta da ammirare

    The White Collection, una collezione tutta da ammirare

    13 November 2018

    Jaguar ci entusiasma con una F-Type convertibile da rally

    Jaguar ci entusiasma con una F-Type convertibile da rally

    12 November 2018

    Subaru sta preparando un'edizione molto speciale della WRX

    Subaru sta preparando un'edizione molto speciale della WRX

    09 November 2018

    In vendita una 'E.C. OnlyOne P8', una sorta di F430 ispirata agli anni '60

    In vendita una 'E.C. OnlyOne P8', una sorta di F430 ispirata agli anni '60

    09 November 2018