di Tommaso Ferrari - 19 febbraio 2019

It's back! Ecco la nuova Ford Focus ST 2019

Più leggera, potente e curata la nuova hot hatch Ford torna a infastidire le concorrenti
1/9

Ecco arrivata fra noi la nuova rivale per Golf GTI, Peugeot 308 GTI, Megàne R.S., i30 N e persino per la efficacissima Honda Civic Type R. Buone notizie: la Focus ST sarà disponibile con due diversi tipi di trasmissione, due diversi propulsori, in versione compatta o station wagon, sarà più bassa e più larga del precedente modello ma soprattutto sarà più leggera. Ignorando la versione diesel (ok ok, ha un 2.0 litri da 190 cavalli e 400 Nm di coppia) passiamo a ciò che ci interessa davvero, ovvero la versione a benzina della Focus ST: il nuovo modello non avrà più un 2.0 litri turbocompresso, ma lo stesso 2.3 litri Ecoboost che troviamo nella Mustang e nella cattivissima Focus RS; qui però eroga 280 cavalli e 420 Nm di coppia, un buon salto rispetto ai valori precedenti.

Altra ottima notizia è che Ford si sia impegnata molto sull’erogazione del 2.3 litri che vanta un nuovo sistema di anti-lag (anche dopo aver rilasciato il piede dall’acceleratore il turbo twin scroll resta in pressione mantenendo la girante del compressore in velocità), una valvola wastegate a controllo elettronico e un impianto di scarico a bassa pressione per aiutare la fuoriuscita dei gas in maniera più fluida. Un’altra novità importante è che per la prima volta all’anteriore abbiamo un E-Diff, un differenziale elettronico che distribuisce la coppia fra le due ruote senza reagire ad uno slittamento di esse, ma agendo in anticipo sulla base di dati raccolti da numerosi sensori.

Per quanto riguarda la trasmissione a scelta abbiamo un automatico sette marce con convertitore di coppia e – molto più interessante – un manuale a sei marce con Rev-Matching, anche se come al solito preferiamo il ‘nostro’ punta tacco. A concludere il pacchetto di novità ci pensano freni più grandi, launch control, uno sterzo più diretto del 15%, pneumatici Michelin Pilot Sport 4 S e cerchi opzionali da 19’’. Gli interni sono più sportivi con i classici sedili Recaro belli imbottiti e confortevoli ma contenitivi, mentre l’esterno ha ripreso lo stile affilato della sorella minore: linee più taglienti, prese d’aria più grandi, nuovo scarico a doppia uscita anziché centrale e un aspetto che in generale risulta meno pesante. Visto il successo della Fiesta e il lavoro svolto ci aspettiamo grandi cose dalla nuova Focus, che arriverà sul mercato ad inizio estate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Torna il Concorso d'eleganza di Londra

Torna il Concorso d'eleganza di Londra

26 marzo 2019

Wheelsandmore insaporisce la nuova Vantage

Wheelsandmore insaporisce la nuova Vantage

26 marzo 2019

Ferrari P80/C: una sport prototipo Ferrari in chiave moderna

Ferrari P80/C: una sport prototipo Ferrari in chiave moderna

25 marzo 2019

Desiderio Gruppo B: in vendita una Delta S4 Stradale

Desiderio Gruppo B: in vendita una Delta S4 Stradale

25 marzo 2019

Meno tre ore alla presentazione della Ferrari 'Prototipo'

Meno tre ore alla presentazione della Ferrari 'Prototipo'

25 marzo 2019

Rezvani Beast o Tank Military?

Rezvani Beast o Tank Military?

25 marzo 2019

Ottime notizie per i futuri modelli Porsche 911 GT

Ottime notizie per i futuri modelli Porsche 911 GT

23 marzo 2019

PS Mosquito: una nuova rivale per la Senna e la BT62

PS Mosquito: una nuova rivale per la Senna e la BT62

22 marzo 2019

Pagani Huayra Dragon: meglio della BC?

Pagani Huayra Dragon: meglio della BC?

22 marzo 2019

Porsche riprenderà (per pochissimo) la produzione della GT2 RS

Porsche riprenderà (per pochissimo) la produzione della GT2 RS

22 marzo 2019