di Tommaso Ferrari - 25 marzo 2019

Ferrari P80/C: una sport prototipo Ferrari in chiave moderna

Omologata solo per la pista la nuova creazione di Maranello è una seducente ed estrema one-off
1/9
La divisione Progetti Speciali Ferrari aveva promesso che questo sarebbe stato il progetto più estremo che avessero mai realizzato, e già a giudicare dalle immagini sono stati di parola. Prima di tutto la P80/C non è omologata per la strada ma può girare esclusivamente in pista, anche perché quello è il solo luogo dove potrebbe sfruttare al massimo le su potenzialità, e seconda cosa è proprio basata su un’auto da competizione. La 488 GT3? Indovinato. Flavio Manzoni e il Centro Stile Ferrari hanno preso in carica i desideri di un collezionista di lunghissima data di vetture del cavallino che ambiva ad una reinterpretazione in chiave moderna delle Sport Prototipo di Maranello come la Dino 206 S o le 330 P3/P4, senza dimenticare dettagli che omaggino la Dino stradale e la 250 LM.
I richiami al passato in realtà non sono poi così tanti: l’aspetto generale è di un’aggressività unica con un’ala immensa, splitter regolabile in carbonio, fianchi scolpiti e un solo accenno alla tradizione – come spiega il comunicato stampa Ferrari – nei passaruota gonfi, nelle linee sensuali e nei tratti disegnati fra superfici concave o convesse. La natura da pista della P80/C poi ha spinto i designer e tecnici Ferrari al limite, puntando direttamente al telaio della 488 GT3 da competizione che con il suo passo più lungo di 50 mm rispetto alla versione stradale permette un cofano motore più allungato, maggior stabilità e meno vincoli per l’architettura meccanica. I fari scompaiono diventando fessure, l'elevatissima deportanza è distribuita equamente fra anteriore e posteriore, gli interni sono quanto di più racing possa esistere e il retrotreno lascia a vista in maniera tremendamente sexy l’intera meccanica.
Il cliente ha scelto di donare un doppio aspetto alla P80/C: cerchi monodado da 18’’ con gomme slick e tutte le appendici aerodinamiche per quando vuole prendere i tempi in pista e cerchi da 21’’ senza appendici che nascondano la purezza delle linee per quando vuole semplicemente ‘esibire’ questa one-off. Ferrari non riporta le prestazioni o le specifiche tecniche, ma guardando alla 488 GT3 possiamo presumere che il motore sia il 3.9 litri V8 twin turbo sceso a circa 550 cavalli (a causa delle restrizioni regolamentari) e 700 Nm, con un peso vettura sotto i 1.300 chili, cambio Xtrack e uno 0-100 in 2,9 secondi. Per questo stupefacente progetto ci sono voluti oltre tre anni di lavoro e progettazione ma siamo certi che il fortunato cliente – che ha scelto personalmente il nome – saprà godersi la P80/C fra Spa, il ‘Ring, Imola e tanti altri splendidi circuiti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

BBR Super 220: la Mazda Mx-5 ND che stavamo aspettando

BBR Super 220: la Mazda Mx-5 ND che stavamo aspettando

14 giugno 2019

Scenografica ciliegia: ecco a voi la Jesko Cherry Red edition

Scenografica ciliegia: ecco a voi la Jesko Cherry Red edition

14 giugno 2019

Alpine incattivisce la A110 con la versione S

Alpine incattivisce la A110 con la versione S

14 giugno 2019

ABT porta la Urus sopra i 700 cavalli

ABT porta la Urus sopra i 700 cavalli

14 giugno 2019

Mansory rende la Chiron ancora più costosa e appariscente

Mansory rende la Chiron ancora più costosa e appariscente

13 giugno 2019

EVO Moments: Bmw M2 Competition

EVO Moments: Bmw M2 Competition

13 giugno 2019

Honda ha costruito il più veloce tosaerba al mondo

Honda ha costruito il più veloce tosaerba al mondo

13 giugno 2019

Aston svela la DB4 Zagato Continuation

Aston svela la DB4 Zagato Continuation

12 giugno 2019

Sleeper per eccellenza?

Sleeper per eccellenza?

12 giugno 2019

E' nata una 612 Scaglietti Shooting Brake

E' nata una 612 Scaglietti Shooting Brake

12 giugno 2019