di Tommaso Ferrari - 01 luglio 2019

Dodge presenta la Charger SRT Widebody

Larga? Larghissima, e con novità per migliorare l'handling

1/10

La Dodge Charger SRT Hellcat non sarà la berlina più appariscente del mondo, ma di certo – già per il suo sound – non è una vettura che passa inosservata. Alla Dodge qualcuno la pensava diversamente, così tanto da essersi messo al lavoro su una nuova versione molto più aggressiva e migliore da guidare chiamata ‘Widebody’. Il perché del nome lo capite al primo sguardo: invece di avere un paio di centimetri in più di larghezza la Charger sembra aver rubato i passaruota della Demon e ora è più larga di quasi dieci centimetri (ottantanove millimetri per la precisione) cosa che rende il suo aspetto decisamente più drammatico e aggressivo. Lo spazio avanzato nei passaruota è stato riempito da nuovi cerchi da 20 pollici e gomme Pirelli da 305, ma le modifiche non si sono fermate qua.

All’anteriore abbiamo prese d’aria più grosse per raffreddare il V8 e molle più rigide, poi troviamo quattro nuovi ammortizzatori Bilstein regolabili, freni Brembo a sei pompanti da 391 mm di diametro, barre antirollio più grosse e – anche se questo non migliorerà molto l’handling – un nuovo sistema di infotainment da 8,4 pollici. Altra cosa carina: Dodge ha installato il ‘Race Cooldown’, un sistema che in automatico fa girare la pompa dell’intercooler e la ventola del radiatore anche a vettura spenta per raffreddare il compressore volumetrico, come accade nei turbo. Sotto il cofano della Charger invece non cambia nulla visto che troviamo il solito 6.2 litri V8 sovralimentato da 707 cavalli che porta la Charger fin quasi a 320 km/h con uno 0-100 in 3,7 secondi; gli ordini apriranno a fine anno anche se dubitiamo di vedere la nuova Widebody qua in Italia. Peccato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Volvo: dal 2020 velocità massima limitata a 180 km/h

Volvo: dal 2020 velocità massima limitata a 180 km/h

02 giugno 2020

947 CV su una Lamborghini Urus? Perché no!

947 CV su una Lamborghini Urus? Perché no!

02 giugno 2020

McLaren 765LT: il rasoio di Woking

McLaren 765LT: il rasoio di Woking

01 giugno 2020

Lexus LFA vs Bmw M5 (E60) V10: la sfida è sul pentagramma

Lexus LFA vs Bmw M5 (E60) V10: la sfida è sul pentagramma

01 giugno 2020

Lamborghini Aventador SVJ: il V12 aspirato suona in 8D

Lamborghini Aventador SVJ: il V12 aspirato suona in 8D

31 maggio 2020

Ferrari F40: un nome, una garanzia

Ferrari F40: un nome, una garanzia

30 maggio 2020

Audi RS Q8 Manhart RQ 900: 900 CV e 1.080 Nm

Audi RS Q8 Manhart RQ 900: 900 CV e 1.080 Nm

29 maggio 2020

Porsche: con l’Euro 7 le cilindrate cresceranno

Porsche: con l’Euro 7 le cilindrate cresceranno

29 maggio 2020

Nuova Porsche 911 Targa: questione di stile

Nuova Porsche 911 Targa: questione di stile

28 maggio 2020

Ferrari FXX K: l’ipnotico giro sul Circuito di Monza

Ferrari FXX K: l’ipnotico giro sul Circuito di Monza

28 maggio 2020