Charger SRT Hellcat Redeye: la berlina di serie più potente e veloce al mondo

La nuova Charger SRT Hellcat Redeye da 808 Cv svelata negli USA da Dodge è la berlina di serie più potente e veloce al mondo.

1/5

Si presenta come la berlina di serie più potente e veloce al mondo. Stiamo parlando della Charger SRT Hellcat Redeye, svelata ufficialmente da Dodge sul mercato USA a inizio luglio. Sotto il cofano, questa nuova variante ultra prestazionale della Charger monta lo stesso motore Hemi V8 sovralimentato da 6,2 litri che attualmente equipaggia la coupé Challenger SRT Hellcat Redeye, accreditato di 797 hp (808 Cv) di potenza massima e 958 Nm di coppia: si tratta del più prestazionale propulsore 8 cilindri a V installato su una muscle car stradale.

Così equipaggiata, la vettura è in grado di coprire il quarto di miglio in un tempo di 10,6 secondi a una velocità di 207 km/h, di raggiungere una velocità di punta di 326 km/h e di accelerare da 0 a 96 km/h in un tempo di soli 3 secondi.

La nuova Charger SRT Hellcat Redeye sarà disponibile solo con il kit Widebody, comprensivo di passaruota allargati, cerchi in carbonio nero leggero da 20”, pneumatici 305/35 ZR20 e un cofano motore di nuova concezione con prese d’aria maggiorate.

A livello tecnico la Casa automobilistica americana ha utilizzato le specifiche adottate sulla sportiva Challenger in versione Demon sia per il motore sia per il cambio automatico a 8 rapporti: ciò significa l’impiego di un compressore volumetrico più grande, bielle e pistoni più potenti, un nuovo sistema di iniezione del carburante, un sistema di lubrificazione migliorato e un convertitore di coppia potenziato.

La Hellcat Redeye è inoltre equipaggiata con l’SRT Power Chiller, un dispositivo che utilizza il refrigerante del climatizzatore per abbassare le temperature di esercizio del motore e con il Race Cooldown, un sistema che in automatico fa girare la pompa dell’intercooler e la ventola del radiatore anche a vettura spenta per raffreddare il compressore volumetrico. Il guidatore, fra l’altro, può persino monitorare la temperatura del liquido di raffreddamento in tempo reale attraverso il sistema di intrattenimento multimediale.

L’abitacolo propone sedili in pelle o a richiesta in pelle e Alcantara, mentre il quadro strumenti si riconosce per il tachimetro tarato fino a 220 miglia orarie, pari a 352 km/h. L’equipaggiamento di serie include l’assetto con nuovi ammortizzatori Bilstein a controllo elettronico, sospensioni adattive, Launch Control con Launch Assist per evitare gli slittamenti delle ruote nelle partenze lanciate, il sistema Line Lock che blocca i freni anteriori permettendo di far slittare le ruote posteriori con facilità e il Torque Reserve, un dispositivo attivo a partire da 950 giri che assicura riprese fulminee anche se la velocità è molto bassa.

La nuova Dodge Charger SRT Hellcat Redeye sarà ordinabile negli USA a partire da quest’autunno, mentre le prime consegne ai concessionari sono previste per l’inizio del 2021. Per gli appassionati più incontentabili e esigenti, va precisato che della Charger esiste una variante ancora più estrema, realizzata dal preparatore nordamericano Hennessey Performance, in cui il V8 HEMI è stato ulteriormente fino a 1.026 Cv a 6.500 giri/min, con 1.314 Nm di coppia a 4.200 giri/min.

Per quanto riguarda le prestazioni, la Dodge Charger SRT Hellcat Widebody realizzata da Hennessey scatta da 0 a 96 km/h in 2,8 secondi e copre il quarto di miglia in 9,9 secondi raggiungendo i 227 km/h.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Porsche Taycan Turbo S VS McLaren P1: il bene contro il male

Due diverse concezioni, entrambe molto prestazionali, stessa accelerazione sullo 0-100 ma filosofie progettuali totalmente opposte. In uan drag race chi la spunta?

Porsche Taycan Turbo S VS McLaren P1: il bene contro il male

12 September 2020

Porsche Panamera 2020: ancora più performante e divertente

Con un prezzo di 97.800 euro per la versione base a trazione posteriore, la Porsche Panamera restyling è già ordinabile anche in Italia ma le prime consegne sono fissate per ottobre.

Porsche Panamera 2020: ancora più performante e divertente

10 September 2020

La Volkswagen Golf 8 si fa in cinque

A breve saranno disponibili anche tutte le varianti ibride della nuova media di Wolfsburg: si tratta di cinque diverse versioni, tre mild hybrid e due plug-in hybrid.

La Volkswagen Golf 8 si fa in cinque

09 September 2020

Nurburgring: Tesla Model 3 Performance più veloce di Porsche 911 GT3 RS?

Sull’iconico e difficilissimo tracciato denomina Inferno Verde sembra proprio che la berlina vitaminizzata di Palo Alto sia in grado di star dietro se non persino superare una Porsche 911 con gli attributi.

Nurburgring: Tesla Model 3 Performance più veloce di Porsche 911 GT3 RS?

08 September 2020

Garmin Catalyst: il driver coach virtuale per la pista

Una volta montato sul cruscotto raccoglie i vostri dati e vi fornisce in tempo reale indicazioni e suggerimenti anche audio per migliorare le vostre sessioni in pista.

Garmin Catalyst: il driver coach virtuale per la pista

07 September 2020

Tesla Model 3 sconfitta dalla Pikes Peak

Uno spettacolare incidente ma per fortuna senza gravi conseguenze ha definitivamente fermato la vettura di Palo Alto preparata dai ragazzi di Unplugged Performance.

Tesla Model 3 sconfitta dalla Pikes Peak

07 September 2020

Bmw M3 Touring? Presto sarà realtà

Audi RS4 Avant e Mercedes-AMG C63 Wagon sono state avvisate. La Casa dell’Elica metterà per la prima volta in commercio una versione station wagon della sua poderosa M3.

Bmw M3 Touring? Presto sarà realtà

06 September 2020

Ferrari 488 Pista vs Ferrari F40: testa a testa in quel di Maranello

Classica drag race sul quarto di miglio tra cavalline rampanti, rappresentative di epoche molto distanti tra loro. Chi avrà avuto la meglio?

Ferrari 488 Pista vs Ferrari F40: testa a testa in quel di Maranello

05 September 2020

Test dell’Alce indigesto per la Porsche Taycan

Risultato non proprio eccellente quello della sportiva elettrica di Zuffenhausen che nel test del doppio evitamento ostacolo non ha brillato poi più di tanto.

Test dell’Alce indigesto per la Porsche Taycan

04 September 2020

Lamborghini Huracán Evo: il nostro hot lap

Di primo acchito sembrerebbe essersi un po’ troppo “imborghesita” l’ultima evoluzione della supercar del Toro. Invece basta solo un “click” per ritrovare il carattere che la separa dall’Audi R8, con cui condivide parte della meccanica. Nel nuovo numero di evo, l'abbiamo testata. Vi mostriamo il video dell'Hot Lap del nostro pilota ufficiale, Tommy Maino.

Lamborghini Huracán Evo: il nostro hot lap

03 September 2020