di Tommaso Ferrari - 07 novembre 2018

Salutiamo la 'Hellephant', una Charger del '68 con 1.014 cavalli

Oltre 1.000 cavalli e 1.300 Nm di coppia per il più potente motore acquistabile da Dodge
  • Salva
  • Condividi
  • 1/10

    Badass. In inglese significa letteralmente ‘ca**uto’, e se non è l’aggettivo giusto per definire questa Dodge, non so quale altro possa esserlo. Il Sema show è esagerato, movimentato e interessantissimo, ma spesso non brilla per ‘raffinatezza’, o perlomeno non come la intendiamo qui a Evo; eppure quest’anno la casa americana ha presentato uno dei Restomod più affascinanti e ben riusciti degli ultimi mesi, riuscendo ad infilare un mostruoso motore da oltre mille cavalli dentro una Charger del ’68. Adorabile.

    La vecchia Charger è stata completamente spogliata e ricostruita per ottenere un aspetto classico ma minaccioso, inevitabile quando gomme, telaio, assetto, freni e appendici aerodinamiche devono essere sviluppate in proporzione al motore, denominato ‘Hellephant’, un gioco di parole fra Hell – inferno – e Elephant – elefante, un omaggio alle dimensioni del propulsore da 426 pollici cubi (per noi oltreoceano un 7.0 litri di cilindrata) che nel ’64 si trovava sotto il cofano della versione originale. Ma torniamo ai numeri: il V8 Hemi da 7.0 litri della Hellephant eroga esattamente 1.014 cavalli e 1.300 Nm grazie ad un enorme compressore volumetrico, e visto che nessun cambio automatico in casa FCA poteva reggere la mostruosa coppia, Mopar ha fortunatamente scelto un cambio manuale a sei marce T-06060.

    L’assetto è stato ribassato di 90 mm, i freni sono Brembo a sei pistoncini e i cerchi sono da 20 pollici all’anteriore e 21 al posteriore, per essere sicuri di poter montare gomme esagerate per tenere a bada questa potenza da Bugatti Veyron. Esteticamente la Charger è stata verniciata di un grigio scuro chiamato… ‘De Grigio’ e – tocco di classe – i quattro scarichi (a quanto pare presi dalla Stelvio QV) sono stati messi al posto dei fari posteriori. FCA tra l’altro non ha fatto tutto questo solo per farci piacere, ma per usare la Charger come vetrina: il motore della Hellephant infatti è un ‘crate engine’, ovvero motore in scatola(come il Coyote della Mustang), il che vuol dire che per la prima volta potrete acquistare da Dodge il motore singolo della Hellephant per infilarlo nell’auto che più vi aggrada. E per finire, quanto è bello il logo di quell’elefante?

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultime news

    RennTech crea una familiare da brividi

    RennTech crea una familiare da brividi

    21 gennaio 2019

    Una futura Shelby GT500 con il cambio manuale?

    Una futura Shelby GT500 con il cambio manuale?

    21 gennaio 2019

    La nuova Supra potrebbe girare al 'Ring in 7'40'' min

    La nuova Supra potrebbe girare al 'Ring in 7'40'' min

    21 gennaio 2019

    La Mustang più costosa di sempre

    La Mustang più costosa di sempre

    18 gennaio 2019

    All'asta l'essenza della Supercar anni '90

    All'asta l'essenza della Supercar anni '90

    18 gennaio 2019

    Debutta in Germania la Golf GTI TCR

    Debutta in Germania la Golf GTI TCR

    18 gennaio 2019

    Ecco a voi la McLaren 600 LT Spider

    Ecco a voi la McLaren 600 LT Spider

    17 gennaio 2019

    Un'edizione speciale della Cooper S per i 60 anni Mini

    Un'edizione speciale della Cooper S per i 60 anni Mini

    17 gennaio 2019

    L'asta giapponese dei sogni?

    L'asta giapponese dei sogni?

    17 gennaio 2019

    La Subaru definitiva: presentata la WRX STI S209

    La Subaru definitiva: presentata la WRX STI S209

    16 gennaio 2019