di Tommaso Ferrari - 13 marzo 2019

La Datsun 240Z perfetta?

Questo swap non esagerato unisce l'elegante linea della Z alla giusta dose di prestazioni e cattiveria
1/13
All’epoca della sua presentazione, nel lontano 1970, la Datsun 240Z era una vettura da apprezzare per svariati motivi: la linea (ispirata addirittura a Ferrari 250 GTO e Jaguar E-Type) era fluida, elegante e piuttosto sportiva, il motore era un 2.4 litri sei cilindri in linea da 150 cavalli con singolo albero a camme in testa e un gran bel sound e le prestazioni erano di tutto rispetto per quasi cinquant’anni fa, con uno 0-100 in 8,2 secondi e oltre 200 km/h di velocità massima. L’affascinante linea della Z però viene spesso migliorata e associata a un RB26DETT da 600 cavalli infilato sotto al cofano grazie a ciò che viene definito ‘swap’, un laborioso quanto efficace scambio di motore. Questa 240Z del’73 blu ha subito la stessa sorte, ma in maniera molto raffinata e ‘Evo’, cosa che peraltro sembra averla salvata da una brutta brutta fine.
Come si vede dall'immagine qui sopra la Z non versava in condizioni entusiasmanti: il motore non c’era più ma in compenso c’era un sacco di ruggine sotto al pianale e buona parte degli interni e dell’anteriore erano spariti chissà dove. Fortunatamente la JDM Legends l’ha trovata, l’ha amata e l’ha trasformata: la carrozzeria è stata ovviamente sabbiata, riparata, ricucita e riverniciata di un bellissimo blu marino con l’aggiunta di passaruota rivettati, spoiler posteriore in tinta e stupendi cerchi Minilite bruniti.
Riguardo al motore è stato preso un 2.8 litri Nissan sei in linea portato a 3.2 litri grazie a corsa e alesaggio incrementati, nuova testata, carburatori Weber e collettori di scarico artigianali, per un totale di 320 cavalli e ben 380 Nm di coppia inviati alle ruote posteriori attraverso un differenziale autobloccante Quaife. Tutto questo lavoro sulle performance è andato di pari passo con quello riguardante le sospensioni (che ora sono della Techno Toy Tuning), i freni – tutti e quattro a disco della Wilwood adesso – e degli interni, completamente restaurati. Il risultato è una classica 240Z dall’aspetto ancora più gradevole (e decisamente più aggressivo) e un piacere di guida che punta solo a farvi sentire coinvolti, come dovrebbe essere sempre.
Credits: JDM Legends
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Tesla Autopilot: siamo sicuri che sia davvero affidabile?

Tesla Autopilot: siamo sicuri che sia davvero affidabile?

23 febbraio 2020

Bugatti festeggia la realizzazione della Chiron n° 250

Bugatti festeggia la realizzazione della Chiron n° 250

22 febbraio 2020

Nuove Audi RS 4 Avant, Audi RS 5 Coupé e Audi RS 5 Sportback

Nuove Audi RS 4 Avant, Audi RS 5 Coupé e Audi RS 5 Sportback

22 febbraio 2020

Maserati MC20: la Casa del Tridente ritorna alle corse

Maserati MC20: la Casa del Tridente ritorna alle corse

21 febbraio 2020

Porsche Taycan Turbo S: la supercar elettrica supera le altre

Porsche Taycan Turbo S: la supercar elettrica supera le altre

21 febbraio 2020

Felino CB7R, in arrivo la supercar made in Canada

Felino CB7R, in arrivo la supercar made in Canada

21 febbraio 2020

Un viaggio ideale tra le Gran Turismo più eleganti di Ferrari

Un viaggio ideale tra le Gran Turismo più eleganti di Ferrari

20 febbraio 2020

Nuovo Mercedes-AMG GLE 63 4MATIC+ Coupé. Tutto in uno

Nuovo Mercedes-AMG GLE 63 4MATIC+ Coupé. Tutto in uno

20 febbraio 2020

Pagani presenta Imola. Potenza ed eleganza limitata a 5 esemplari

Pagani presenta Imola. Potenza ed eleganza limitata a 5 esemplari

19 febbraio 2020

Porsche 911 Turbo S: da 0 a 96 km/h in 1,9 secondi

Porsche 911 Turbo S: da 0 a 96 km/h in 1,9 secondi

19 febbraio 2020