11 febbraio 2020

Chevrolet Corvette C8: al Ring va forte come la Porsche 911

Nuovo record sull’iconico Inferno Verde per la supercar americana che ha eguagliato nientemeno che il super sportivo “maggiolone” di Stoccarda.

1/6

Dopo la sua presentazione, dove aveva fatto gridare al miracolo per l’ottimo rapporto offerto dal mix di elevate prestazioni e prezzo tutto sommato contenuto, la Chevrolet Corvette C8 torna a far parlare di se questa volta per lo sbalorditivo tempone fatto segnare al Nurburgring Nordschleife. Avviata la catena di produzione, la supercar americana si è cimentata sull’iconico Inferno Verde staccando un tempo davvero niente male. Il crono segna la bellezza di 7 minuti, 29 secondi e 9 decimi, un tempo ottenuto con una vettura completamente base e immediatamente confermato dalla stessa Chevrolet.

Guidata da Oliver Garvin, tra i piloti ufficiali della Casa e cinque volte vincitore di categoria alla 24 ore di Le Mans, la nuova Chevrolet Corvette C8 ha quindi ottenuto questo fantastico tempo senza avvalersi del pacchetto Performance Z51, un kit di elaborazione del costo di 5.000 dollari che apporta numerose modifiche e migliorie meccaniche come un differenziale a slittamento limitato a controllo elettronico, uno spoiler posteriore, miglioramenti per quanto riguarda lo scarico e il sistema di raffreddamento e gomme Michelin supersportive.

Ma proviamo a capire il perché questo tempo sia così eccezionale. Confrontandola con la miriade di auto che ogni anno tentano di stabilire un nuovo record sul famosissimo Inferno Verde così da dimostrare la propria bontà costruttiva e progettuale, si scopre che la supercar americana, un modello tutto sommato economico visto il suo prezzo di attacco di appena 60.000 dollari, è stata in grado di segnare un tempo praticamente identico (7:30) a quanto fatto registrare dalla Porsche 911 Carrera S (Serie 992), una sportiva europea che però costa più del doppio della supercar americana (circa 142.000 euro).

Proseguendo nella nostra analisi si scopre come la Corvette C8 sia stata in grado di battere anche auto del calibro di Ferrari F12 Berlinetta (7:33) e Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio (7:32), perdendo però la sfida con modelli altrettanto prestazionali come 812 Superfast (7:27,48) e 488 Pista (7:00,03) ma sicuramente molto più costosi. Unica nota negativa, de segnalare per correttezza, è che la Chevrolet Corvette C8 seppur in versione standard si sia fatta battere dalle sue dirette sorelle più anziane C6 ZR1 (7:19,63) e C7 Z06 (7:13,90) entrambe però con pacchetto di elaborazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Aston Martin Vantage Roadster: la versione definitiva

Aston Martin Vantage Roadster: la versione definitiva

30 marzo 2020

A scuola con Mr Murray

A scuola con Mr Murray

29 marzo 2020

Pagani Imola: solo 5 esemplari per la massima evoluzione della Casa Emiliana

Pagani Imola: solo 5 esemplari per la massima evoluzione della Casa Emiliana

28 marzo 2020

Gemballa Avalanche 4.2 RS, ritorno a Dakar

Gemballa Avalanche 4.2 RS, ritorno a Dakar

27 marzo 2020

Hyundai i20 N: piccola e aggressiva

Hyundai i20 N: piccola e aggressiva

27 marzo 2020

Honda Acura NSX by Liberty Walk

Honda Acura NSX by Liberty Walk

26 marzo 2020

Alfa Romeo Giulia GTA: questa volta la lettera A ha un senso

Alfa Romeo Giulia GTA: questa volta la lettera A ha un senso

26 marzo 2020

KTM X-Bow GTX: ultraleggera da 600 Cv

KTM X-Bow GTX: ultraleggera da 600 Cv

25 marzo 2020

Toyota GR Yaris, vera auto da rally

Toyota GR Yaris, vera auto da rally

25 marzo 2020

Le auto da corsa omologate più amate da evo

Le auto da corsa omologate più amate da evo

24 marzo 2020