BMW spiega il perché di un doppio rene così grande sulle nuove M3 e M4

Con un video Bmw ci spiega il raffreddamento dietro le griglie del gigante doppio rene delle nuove sportive bavaresi.

1/10

Molte polemiche hanno accolto le nuove Bmw M3 e M4 fin dalla loro presentazione avvenuta lo scorso anno. Tutte critiche che hanno interessato maggiormente le orribili griglie e le insensate dimensioni dei doppi reni delle due auto sportive bavaresi. Per mettere fine però a tutte queste polemiche la stessa Bmw è intervenuta rilasciando in rete un video che spiega quali siano state le reali motivazioni di una scelta così estrema. Guardando con attenzione il video che vi proponiamo qui sotto si evince come la scelta sia stata dettata da una esigenza puramente meccanica e nello specifico di raffreddamento dei componenti che vi sono all’interno del vano motore. Rimuovendo, infatti, il paraurti e mettendo a nudo gli elementi meccanici che occupano lo sbalzo anteriore, si scopre il perché fosse necessario un doppio rene di queste dimensioni.

Nascosta dietro le griglie del doppio rene c'è la principale area di raffreddamento con radiatori e potenti ventole. Situato dietro al paraurti anteriore vi è un radiatore per il liquido di raffreddamento motore mentre subito sotto si trova un radiatore dell'olio motore. Il video prosegue sottolineando come siano stati aggiunti anche alcuni elementi di protezione di questi sistemi per ripararli durante le intense giornate in pista. E 'presente anche un parasassi posto davanti al radiatore mentre sotto al radiatore è presente un radiatore per l’olio del cambio. Nello stesso tempo anche i condotti di raffreddamento dei freni sono stati modificati e adattati per ricevere il maggior quantitativo di aria possibile mentre nella parte inferiore sono presenti anche una serie di superfici di controllo sotto la carrozzeria per migliorare il raffreddamento e per ricreare una sorta di pressione negativa nell'aria così da migliorare ulteriormente il raffreddamento del radiatore dell’olio. Tutti sistemi ed elementi di raffreddamento necessari per mantenere l'M3 e l'M4 in funzione anche negli scenari più gravosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Automobili Estrema Fulminea, Nomen omen all' ennesima potenza.

Spinta da 4 motori elettrici da 2040 CV complessivi promette prestazioni esaltanti e 500 km di autonomia.

Automobili Estrema Fulminea, Nomen omen all' ennesima potenza.

17 May 2021

Pagani Zonda Revolucion: all’asta in Giappone uno dei 5 esemplari, prezzi da capogiro

Potrebbe superare i 7 milioni di dollari, è l’unica con il carbonio blu a vista

Pagani Zonda Revolucion: all’asta in Giappone uno dei 5 esemplari, prezzi da capogiro

15 May 2021

Porsche: Macan e Boxster sulla via dell’elettrificazione, attese le varianti elettriche

Grande attenzione alla piattaforma PPE, forse impiegata anche per la Boxster

Porsche: Macan e Boxster sulla via dell’elettrificazione, attese le varianti elettriche

14 May 2021

Officine Fioravanti Testarossa, Miami Vice remastered.

Preparate gli occhiali da sole e la cassetta di Phil Collins, la poster-car più iconica degli anni '80 è tornata.

Officine Fioravanti Testarossa, Miami Vice remastered.

13 May 2021

Nuova Polo GTI 2021, anticipata la prossima generazione della Hot Hatch tedesca

Nuova Polo GTI 2021, anticipata la prossima generazione della Hot Hatch tedesca

12 May 2021

GMA Project Two, la T50 Low Cost

V12, cambio manuale, aereodinamica tradizionale. What else?

GMA Project Two, la T50 Low Cost

12 May 2021

Lotus Elise: addio alla sportiva britannica

Lotus ha fatto sapere che non verrà portato avanti lo sviluppo della mitica Elise, presentata a Francoforte nel lontano 1995.

Lotus Elise: addio alla sportiva britannica

11 May 2021

Suzuki Misano, il ritorno delle Dream Car

Quando di cognome fai Suzuki e porti il nome di uno dei circuiti più iconici del panorama italiano, le aspettative non possono che essere molto alte.


Suzuki Misano, il ritorno delle Dream Car

11 May 2021

Ferrari 812 Competizione: 830 CV per dire addio all’ultimo V12 aspirato di Maranello

La Ferrari 812 Competizione è l’ultima nata tra la versioni speciali del costruttore di Maranello, derivata dalla già sorprendente 812 Superfast.

Ferrari 812 Competizione: 830 CV per dire addio all’ultimo V12 aspirato di Maranello

10 May 2021

Toyota GR 86: 2,4 litri per 235 CV

La coupé realizzata in collaborazione con Subaru si rinnova, mantenendo il motore aspirato, la trazione posteriore e il peso sotto i 1.300 kg

Toyota GR 86: 2,4 litri per 235 CV

21 April 2021