02 August 2020

Audi e-tron S ed S Sportback: le elettriche divertenti

Dotate di tre motori e di una trazione integrale high tech con torque vectoring elettrico, le nuove Suv a batteria di Ingolstadt introducono il divertimento e il piacere di guida tra i modelli con presa di ricarica.

1/6

Nell’anno del quarantesimo compleanno dell’iconica trazione integrale Quattro la Casa di Ingolstadt evolve ulteriormente il concetto di quattro ruote motrici, sfruttando a pieno le doti intrinseche dei motori elettrici. Una evoluzione tecnologica che ritroviamo a bordo delle nuove Audi e-tron S sia in variante di carrozzeria “normale” che nell’inedita versione Sportback.

In Germania, le versioni S saranno proposte rispettivamente a partire da 93.800 e 96.050 euro, circa 15.000 euro in più rispetto alle e-tron 55 quattro corrispondenti. Non sappiamo ancora se tale divario sarà mantenuto anche sul mercato italiano, dove la e-tron 55 quattro è proposta a partire da 85.100 euro mentre la e-tron Sportback 55 quattro ha un prezzo d'attacco pari a 87.400 euro.

Le due nuove Suv della Casa dei Quattro Anelli, figlie delle già prestazionali Audi e-tron 50 quattro e 55 quattro, si avvalgono sempre di un powertrain interamente elettrico ma, invece di sfruttare solamente due motori elettrici asincroni, in questo caso ne adottano ben tre: due dislocati al posteriore e uno installato all’anteriore.

Se all’anteriore la scelta è ricaduta su un unico motore elettrico con relativo differenziale aperto - la stessa unità che fino ad oggi era installata al posteriore della e-tron 55 quattro - capace di erogare 169 CV (124 kW) che diventano 204 CV (150 kW) con l'overboost, al posteriore si è optato per una soluzione a due motori elettrici privi di differenziale e che trasmettono quindi potenza e coppia direttamente alle ruote posteriori.

Queste due unità, capaci di sprigionare 133 CV (98 kW) di potenza ciascuno che diventano 179 CV (132 kW) con l'overboost, prendono il posto quindi dell’unico motore elettrico con relativo differenziale che equipaggiava la e-tron 55 quattro, un’unità capace di erogare fino a 169 CV (124 kW). L’insieme si traduce così in un powertrain elettrico in grado di garantire fino a 435 CV (320 kW) e 808 Nm in modalità normale e fino a 503 CV (370 kW) e 973 Nm di coppia massima in modalità sportiva.

L’intero sistema viene alimentato dalla stessa batteria della e-tron 55 quattro - un accumulatore agli ioni di litio da 95 kWh di capacità massima, formato da 36 moduli e 12 celle, dislocato nel pianale tra i due assi e con un voltaggio 397 Volt e una potenza di picco di 430 kW - che rispetto a prima può essere utilizzata fino al 91% (86,5 kWh) così da offrire una maggiore autonomia, compresa tra i 360 e i 365 chilometri nel ciclo Wltp.

Il generoso accumulatore agli ioni di litio può essere ricaricato a casa alla comune presa domestica (230 V) oppure alle colonnine da 11 kW in corrente alternata (AC) o ancora alle colonnine trifase da 150 kW e 400 V in corrente continua (DC) che le permettono di ricaricare dal 5 al 80% della batteria in circa mezz’ora.

La velocità massima è di 210 km/h, mentre i 100 km/h da fermo vengono raggiunti in 4,5 secondi. L'assetto pneumatico prevede poi regolazioni specifiche e cerchi da 20" di serie (21 e 22" opzionali), inoltre il pacchetto aerodinamico è specifico della versione S e sono previsti parafanghi allargati di 46 mm. Infine, l'impianto frenante è stato potenziato (sempre con gestione by wire per ottimizzare il recupero d'energia) con pinze anteriori a sei pompanti, dischi da 400 mm e canalizzazioni attive per il raffreddamento.

La scelta di dotare le nuove Audi e-tron S di ben tre motori elettrici ha permesso ai tecnici di Ingolstadt di progettare un sistema di trazione integrale che di base indirizza la coppia motrice solo al retrotreno. In caso di perdita di aderenza di anche solo una delle due ruote posteriori o in caso in cui si dovesse richiedere il massimo delle prestazioni, allora il sistema farà intervenire anche l’avantreno, ripartendo continuamente in modo puntuale e preciso la coppia su ogni singola ruota.

Il pregio poi di avere due distinti motori elettrici sull’assale posteriore permette di ottenere un vero e proprio torque vectoring elettrico che ripartisce in modo continuamente variabile la coppia tra ruota interna ed esterna alla curva (fino anche a 220 Nm in più sulla ruota esterna rispetto a quella interna).

Lo stesso effetto viene poi simulato anche all’anteriore grazie all’elettronica che agisce direttamente sull’impianto frenante, frenando la singola ruota.

Curiosità: i freni ringraziano

Gli stessi motori elettrici offrono poi un avanzato e consistente freno motore, capace di recuperare fino a 270 kW di potenza. Talmente potente che le nuove Audi e-tron S per tutte quelle decelerazioni fino a 0,3g sfruttano unicamente questo sistema, lasciando ai classici freni idraulici o a una combinazione di entrambi i sistemi la gestione di tutte quelle decelerazioni superiori agli 0,3g.

A chiudere il cerchio di un pacchetto tecnico meccanico davvero all’avanguardia troviamo, infine, sospensioni a quadrilatero alto all’anteriore, Multilink a 5 leve al posteriore e ammortizzatori pneumatici a controllo elettronico capaci di variare l’altezza da terra di ben 76 millimetri, adattandosi ai parametri dinamici e al fondo su cui si viaggia.

Alla guida: l’elettrico diventa divertente

Guidate in configurazione preserie e ancora parzialmente camuffata sulla pista dell’Audi Center di Neuburg (Ingolstadt), le nuove Audi e-tron S si sono dimostrate fin da subito particolarmente prestazionali e molto più divertenti e piacevoli della precedente Audi e-tron.

L’insieme della trazione integrale con tre motori elettrici, del torque vectoring elettronico e di una elettronica di gestione particolarmente avanzata permette alle nuove Audi e-tron S di camuffare a dovere tanto le generose dimensioni quanto le non trascurabili masse in gioco. Selezionando la modalità di guida “Comfort” trapela una guida agile e veloce tra le curve che va a prediligere la sicurezza, la trazione e il comfort di guida.

Optando, invece, per le modalità “Sport” e “Dynamic” tutte le carte in tavola vengono scoperte con l’erogazione delle massime performance e l’esibizione di spettacolari derapate e traversi, talmente facili da essere alla portata anche dei meno spigliati alla guida. Anche se spinte al limite continuano a stupire l’agilità, l’elevata trazione e la capacità di chiudere la traiettoria con un leggero colpo di sterzo e del pedale del gas.

Una volta all’interno curva l’elettronica sa, infatti, gestire il flusso di coppia tanto tra anteriore e posteriore quanto e soprattutto tra le due singole ruote posteriori, rendendo le due Suv tedesche a batteria ancora più divertenti e piacevoli da guidare. Che il binomio elettriche e noiose sia giunto al capolinea? Da un certo punto di vista ce lo auguriamo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Porsche Taycan Turbo S VS McLaren P1: il bene contro il male

Due diverse concezioni, entrambe molto prestazionali, stessa accelerazione sullo 0-100 ma filosofie progettuali totalmente opposte. In uan drag race chi la spunta?

Porsche Taycan Turbo S VS McLaren P1: il bene contro il male

12 September 2020

Porsche Panamera 2020: ancora più performante e divertente

Con un prezzo di 97.800 euro per la versione base a trazione posteriore, la Porsche Panamera restyling è già ordinabile anche in Italia ma le prime consegne sono fissate per ottobre.

Porsche Panamera 2020: ancora più performante e divertente

10 September 2020

La Volkswagen Golf 8 si fa in cinque

A breve saranno disponibili anche tutte le varianti ibride della nuova media di Wolfsburg: si tratta di cinque diverse versioni, tre mild hybrid e due plug-in hybrid.

La Volkswagen Golf 8 si fa in cinque

09 September 2020

Nurburgring: Tesla Model 3 Performance più veloce di Porsche 911 GT3 RS?

Sull’iconico e difficilissimo tracciato denomina Inferno Verde sembra proprio che la berlina vitaminizzata di Palo Alto sia in grado di star dietro se non persino superare una Porsche 911 con gli attributi.

Nurburgring: Tesla Model 3 Performance più veloce di Porsche 911 GT3 RS?

08 September 2020

Garmin Catalyst: il driver coach virtuale per la pista

Una volta montato sul cruscotto raccoglie i vostri dati e vi fornisce in tempo reale indicazioni e suggerimenti anche audio per migliorare le vostre sessioni in pista.

Garmin Catalyst: il driver coach virtuale per la pista

07 September 2020

Tesla Model 3 sconfitta dalla Pikes Peak

Uno spettacolare incidente ma per fortuna senza gravi conseguenze ha definitivamente fermato la vettura di Palo Alto preparata dai ragazzi di Unplugged Performance.

Tesla Model 3 sconfitta dalla Pikes Peak

07 September 2020

Bmw M3 Touring? Presto sarà realtà

Audi RS4 Avant e Mercedes-AMG C63 Wagon sono state avvisate. La Casa dell’Elica metterà per la prima volta in commercio una versione station wagon della sua poderosa M3.

Bmw M3 Touring? Presto sarà realtà

06 September 2020

Ferrari 488 Pista vs Ferrari F40: testa a testa in quel di Maranello

Classica drag race sul quarto di miglio tra cavalline rampanti, rappresentative di epoche molto distanti tra loro. Chi avrà avuto la meglio?

Ferrari 488 Pista vs Ferrari F40: testa a testa in quel di Maranello

05 September 2020

Test dell’Alce indigesto per la Porsche Taycan

Risultato non proprio eccellente quello della sportiva elettrica di Zuffenhausen che nel test del doppio evitamento ostacolo non ha brillato poi più di tanto.

Test dell’Alce indigesto per la Porsche Taycan

04 September 2020

Lamborghini Huracán Evo: il nostro hot lap

Di primo acchito sembrerebbe essersi un po’ troppo “imborghesita” l’ultima evoluzione della supercar del Toro. Invece basta solo un “click” per ritrovare il carattere che la separa dall’Audi R8, con cui condivide parte della meccanica. Nel nuovo numero di evo, l'abbiamo testata. Vi mostriamo il video dell'Hot Lap del nostro pilota ufficiale, Tommy Maino.

Lamborghini Huracán Evo: il nostro hot lap

03 September 2020