di Tommaso Ferrari - 19 aprile 2019

E' successo. Ecco l'Aston Martin Rapide E

La casa di Gaydon ha presentato la prima Aston completamente elettrica... ma noi continuiamo ad apprezzare altri modelli
1/5
Doveva capitare e lo sapevamo… ma è un duro colpo ugualmente. Tutti quegli splendidi modelli seducenti, veloci e mossi dai nobili ottani come la Valkyrie, Vulcan, DB4 GT Continuation, Vantage, DB11 etc. e ora… ora una Rapide completamente elettrica. Fa male. Aston ha presentato a Shangai la ‘Rapide E’ una Gran Turismo quattroporte con doppio motore e un sistema di batterie da 800 V, capaci di sviluppare 610 cavalli e 950 Nm di coppia. La Rapide E verrà prodotta in 155 esemplari e rappresenta il primo modello a zero emissioni della casa di Gaydon, la cui strategia è puntare ad un’elettrificazione sempre più invasiva nei prossimi anni; fortunatamente queste parole sono riferite al brand di lusso distaccato ‘Lagonda’ e non a tutte le Aston Martin. Sospiro di sollievo.
Il nuovo modello è basato sulla piattaforma della vecchia Rapide ma migliorata in collaborazione con la Williams Advanced Engineering ottenendo un’aerodinamica più efficiente e funzionale (grazie anche alla griglia anteriore più chiusa visto che serve molto meno raffreddamento) con nuovo fondo piatto e Pirelli PZero con ridotta resistenza al rotolamento: tutto ciò garantisce un’efficienza aerodinamica maggiore dell’8%. L’interno è ricco di carbonio, pelle e materiali di qualità superiore, insieme a uno schermo da 10’’ che ha sostituito i vecchi quadranti per fornire ogni tipo di informazione relativa alle batterie, all’autonomia (che dovrebbe essere di 320 km) e a svariati altri settaggi. Prestazioni? 0-100 in 4 secondi e velocità massima di 250 km/h, con una ripresa da 80 km/h a 110 in 1,5 secondi. La Rapide E dispone delle modalità GT, Sport e Sport + con inoltre sospensioni riviste e differenziale autobloccante per garantire una guida a quanto pare ugualmente coinvolgente. I prezzi sono a richiesta ma se dovessi prendere una GT sportiva e lussuosa Aston non mi butterei su una Rapide elettrica ma sulla DBS Superleggera che è più affascinante, potente, veloce, leggera, entusiasmante e con tanta tanta benzina che vi scorre dentro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Tesla Autopilot: siamo sicuri che sia davvero affidabile?

Tesla Autopilot: siamo sicuri che sia davvero affidabile?

23 febbraio 2020

Bugatti festeggia la realizzazione della Chiron n° 250

Bugatti festeggia la realizzazione della Chiron n° 250

22 febbraio 2020

Nuove Audi RS 4 Avant, Audi RS 5 Coupé e Audi RS 5 Sportback

Nuove Audi RS 4 Avant, Audi RS 5 Coupé e Audi RS 5 Sportback

22 febbraio 2020

Maserati MC20: la Casa del Tridente ritorna alle corse

Maserati MC20: la Casa del Tridente ritorna alle corse

21 febbraio 2020

Porsche Taycan Turbo S: la supercar elettrica supera le altre

Porsche Taycan Turbo S: la supercar elettrica supera le altre

21 febbraio 2020

Felino CB7R, in arrivo la supercar made in Canada

Felino CB7R, in arrivo la supercar made in Canada

21 febbraio 2020

Un viaggio ideale tra le Gran Turismo più eleganti di Ferrari

Un viaggio ideale tra le Gran Turismo più eleganti di Ferrari

20 febbraio 2020

Nuovo Mercedes-AMG GLE 63 4MATIC+ Coupé. Tutto in uno

Nuovo Mercedes-AMG GLE 63 4MATIC+ Coupé. Tutto in uno

20 febbraio 2020

Pagani presenta Imola. Potenza ed eleganza limitata a 5 esemplari

Pagani presenta Imola. Potenza ed eleganza limitata a 5 esemplari

19 febbraio 2020

Porsche 911 Turbo S: da 0 a 96 km/h in 1,9 secondi

Porsche 911 Turbo S: da 0 a 96 km/h in 1,9 secondi

19 febbraio 2020