di Tommaso Ferrari - 19 August 2022

Ecco a voi la nuova Urus Performante!

Il Suv Lambo si fregia dell'onorevole sigla mettendo sulla piazza 666 cavalli, vagonate di carbonio, una modalità Rally e 47 chili in meno.

Pochi giorni fa abbiamo scritto due righe riguardo ad una particolare Urus che ha conquistato il nuovo record della categoria alla Pikes Peak 2022. La Corsa alle Nuvole è una sfida bella tosta, 19,9 chilometri che vi portano a 4.300 metri – dove l’ossigeno scarseggia, per voi e per il motore – attraverso 156 curve, e spesso e volentieri le vie di fuga sono burroni. La Urus, con al volante il collaudatore Simone Faggioli, ha stampato un ottimo 10’32’’064, quasi 18 secondi più veloce della Bentley Bentayga. E c’è un motivo ben preciso: quella Urus non era una Urus normale, bensì la nuova Performante, appellativo ripreso dalla Huracan che definisce le versioni più presuntuose del solito.

Per quanto pesante, con un baricentro da ciminiera e ingombrante la Urus sfoggia prestazioni impressionanti e una dinamica leggermente migliore rispetto ad altri pachidermici Suv, e la versione Performante accentua questi aspetti. Il peso scende di 47 chili – da 2.197 a 2.150 – non un granché ma meglio di niente, e il possente V8 biturbo arriva a 666 cavalli, per uno 0-100 in 3,2 secondi, come la nuova GT3 RS! L’estetica si abbellisce con colori inediti e carbonio ovunque per tetto, cofano, specchietti, minigonne e persino per i passaruota; in più appaiono due sottili prese d’aria sulle linee scolpite del cofano e un discreto alettone per abbassare (leggermente) il coefficiente aerodinamico.

Le gomme sono sempre Pirelli P Zero su bellissimi cerchi da 23 (!) pollici mentre gli interni restano lussuosissimi, con la differenza che ora potete selezionare la modalità “Rally” se per caso foste dalle parti del Pikes Peak e vogliate tentare l’assalto alla vetta… . Ha senso una Urus Performante, ancora più distante dal concetto di off road e già di suo inadatta alla pista? Non molto. La venderanno? Come le goleador negli oratori. Secondo noi una versione incattivita era un’evoluzione inevitabile, vuoi per marketing o per spremere ancora più prestazioni dal 4.0 litri, e tutto sommato ci sono Suv ben peggiori della Urus alla guida. Quindi la accettiamo, ma che poi non salti fuori una versione STO!

© RIPRODUZIONE RISERVATA