a cura della redazione - 05 August 2022

Lamborghini chiude il miglior semestre di sempre

Vendite e profitti crescono generosamente, e non solo per merito della Urus

Lamborghini celebra il suo miglior semestre di sempre, il più remunerativo e il più florido a livello di vendite. Il merito – come potete supporre – è in larga parte della Urus, ma non in maniera esagerata. Il grosso e feroce Suv Lambo è responsabile del 61% dei risultati ottenuti, mentre il restante 39% è spartito tra la bellissima Huracàn e la Aventador, in procinto di salutare il V12 puramente aspirato. Rispetto allo scorso anno le vendite globali sono state di 5.090 unità, il 4,9% in più dell’anno precedente, mentre i ricavi sono cresciuti addirittura del 69,6%, passando da 251 milioni di euro a 425 milioni. Il CEO Lambo Stephan Winkelmann ha dichiarato: “siamo giunti alla fine di un semestre eccezionale in casa Lamborghini, a dispetto di una situazione mondiale molto complessa.

Tirando le somme il risultato è stato davvero entusiasmante, e in più abbiamo già abbastanza ordini da coprire tutta la produzione del 2023”. I mercati principali Lambo sono quelli attesi: America, Asia e Medio Oriente, terre colme di persone che amano esibire e ostentare, ma anche di appassionati veri che sanno come godersi una Huracàn STO o che magari hanno una Urus per trainare nel lusso il loro giocattolo da pista (ok, questa è un po’ improbabile). I prossimi anni per la casa del Toro saranno cruciali, una lotta tra ibrido, elettrico e piacere di guida, sperando che quest’ultimo non ne esca troppo conciato. Ma siamo fiduciosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA