di Tommaso Ferrari - 21 June 2022

La GT40 elettrica di Everrati è pronta

800 cavalli e 800 Nm, sound finto e un cambio manuale anche lui finto. Prestazioni incredibili, ma dubitiamo si avvicini all'originale come emozioni

Quando sentiamo parlare di Everrati ci vengono già i brividi di sudore, e non per l’eccitazione, ma per lo shock e il terrore che qualche altra sportiva classica sia caduta preda delle sue modifiche. Everrati è un’azienda inglese che fa cose tanto brutte, illegali fosse per noi: prende icone classiche e ci piazza uno stupido motore elettrico, rendendole più pesanti e togliendo ogni singolo aspetto che rendeva queste sportive d’epoca emozionanti e coinvolgenti; è successo con delle 911, delle Pagoda, Land Rover, e persino con un’Aston Martin DB4. Ora il brand ha scelto qualcosa di sacro, una Ford GT40. Vi tranquillizziamo (parzialmente) subito, non è una GT40 originale – altrimenti avrebbero dovuto fronteggiare una sommossa popolare – ma una replica, della quale comunque capiamo poco il senso. Non serve dire che il vigoroso cambio manuale della supercar americana non sia pervenuto, così come il suo brutale V8, però – attenzione – queste emozioni uniche cercano di essere replicate.

Everrati ha messo un propulsore elettrico da 800 cavalli e 800 Nm che sa riprodurre il sound del V8 da corsa, tra l’altro insieme ad un finto cambio manuale. Quando la leva è in Race Mode funge da vera leva del cambio come un sequenziale, mentre dalle casse scaturisce il rombo dell’otto cilindri sincronizzato a seconda delle cambiate. Oook. L’unica cosa interessante è che il motore elettrico sia messo in posizione centrale come nell’originale e che il peso totale della GT40 si fermi a 1.320 chili, molto pochi per una vettura elettrica. C’è un piccolo problema però: la GT40 di Everrati costerà una barca di soldi, e a dispetto di questi giochetti non trasmetterà neanche lontanamente le vere sensazioni di quella fenomenale vettura. Quindi fatevi un favore: risparmiate tanti soldi e compratevi una replica ben fatta (sì costosa ma non così tanto) che sappia davvero regalarvi un’esperienza simile ad una vera GT40.

© RIPRODUZIONE RISERVATA