a cura della redazione - 10 June 2022

Anche la Porsche 928 guadagna il suo restomod contemporaneo

Sempre V8 ma più cattivo, sei marce con autobloccante, interni vintage e una linea più pulita e aggressiva

I Porschisti non fanno parte di una razza che ama i cambiamenti. All’epoca della prima 911 ci si lamentava che la 356 era più agile e bella da guidare, poi che il raffreddamento a liquido non andava bene, poi ancora che il servosterzo elettrico era meno puro, o che – oddio – non doveva esserci un turbocompressore sulle versioni non fregiate dell’appellativo turbo (ok quest’ultima spiace anche a noi parecchio, ma si sa, mondo moderno, noiose normative moderne). Anche la 928 quando debuttò nel 1977 non fu vista di buon occhio, specialmente come rimpiazzo della 911, così il Management Porsche cambiò in corsa lasciando il ruolo di purosangue alla geniale sportiva boxer delegando alla veloce berlina il compito di GT; e da lì le cose cominciarono a girare.

Theirry Nardone – fondatore della Nardone Automotive – è innamorato della 928 così, seguendo la moda del momento, ha deciso di creare un restomod personale proponendo la propria visione contemporanea della coupé di Stoccarda. Il lato tecnico non cambia molto, più che altro è migliorato: sempre schema transaxle con un grosso V8 rivisto per superare i 400 cavalli, differenziale autobloccante e cambio a sei marce, oltre che una Ecu moderna. Il lato estetico e gli interni al contrario sono un bello stacco dagli anni ’70.

Le linee della quattro posti tedesca sono state ripulite, ogni pannello sapientemente ridisegnato con un look più deciso e aggressivo, specialmente per i passaruota posteriori belli gonfi. Il frontale ha una bocca più squadrata e fari a led (sempre a scomparsa), al retro la luce stop è una linea continua che ricorda la 992 e i cerchi da 18’’ hanno un look vintage ma forte. Dentro la filosofia è simile: stile dell’epoca con più pulizia, radio moderna (di Porsche Heritage con Apple Car Play integrato), volante a tre razze, contagiri centrale e moquette in tinta. Non si sa ancora il numero di esemplari né il prezzo, entrambi ovviamente esclusivi come capita per ogni restomod.

© RIPRODUZIONE RISERVATA