a cura della redazione - 05 May 2022

La nuova Huracan GT3 EVO2 riesce a far sembrare sobria la STO

Ancora più performante a livello aerodinamico la EVO2 debutterà ad inizio anno prossimo a Daytona

La Huracan STO è una delle belve più spaventose che possiate trovare in circolazione, specialmente se verniciata di quel verde ‘mimetico’ così aggressivo che la fa sembrare ancora un prototipo in fase di sviluppo. Ma nonostante tutto, le versioni da corsa sono sempre una cosa a sé, perché oltre ad andare forte di motore è necessario avere una carrozzeria in grado di manipolare selvaggiamente l’aria, sia per schiacciare a terra carrozzeria e gomme sia per raffreddare freni e motore. La nuova Huracan GT3 EVO2 è a trazione posteriore come la STO e riprende (di solito accade il contrario!) dalla Super Trofeo Omologata la presa d’aria sul tetto – che sfama direttamente il vorace V10 – e la pinna centrale, oltre ai nuovi supporti per l’enorme ala regolabile.

L’esterno è totalmente ridisegnato e più cattivo che mai: nuovo splitter, diffusore, nuovo fondo in carbonio per aumentare ulteriormente l’effetto suolo, pannelli laterali in carbonio e kevlar e una nuova rollbar. La Squadra Corse ha anche agito sui freni, ancora più “scomponi organi” di prima pur mantenendo un buon compromesso di durata anche nelle gare endurance. Se la GT3 EVO2 sarà capace di donare in pista (non che abbiamo tanti dubbi…) almeno la metà delle emozioni che la STO regala su strada allora sarà una vettura eccezionale… cosa che i clienti potranno scoprire alla 24 Ore di Daytona del prossimo anno, quando è previsto il debutto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA