di Tommaso Ferrari - 04 May 2022

All'asta una delle 'Vette più rare di sempre

La ZR2 nacque per chi voleva correre, mossa da un enorme e potente V8, cambio manuale, sospensioni più sportive e uno stupendo Brands Hatch Green

A breve si terrà un’asta di Mecum piena di robetta interessante, in parte americana (perché a ben guardare anche loro hanno prodotto nei decenni dei gran mezzi) e in parte europea, tutte sportive di razza che ci piacerebbe conoscere più a fondo. Uno dei pezzi più interessanti, e di certo rarissimo, è questa Corvette ZR2 Cabrio, tanto sconosciuta quanto rabbiosa. Nacque a inizio anni ’70 per gli sfegatati delle corse con una marea di aggiornamenti rispetto alla ‘Vette standard: il V8 è un ZR2 LS6 da 7.4 (!) litri e circa 430 cavalli, accoppiati ad un cambio manuale a quattro marce M22 ‘Rock Crusher’ ravvicinato. Le sospensioni sono state irrigidite e irrobustite, così come le barre antirollio, i freni a disco hanno una potenza frenante maggiore e il radiatore maggiorato è in alluminio.

Questo pacchetto meccanico con gli attributi è unito ad una carrozzeria bellissima, la sinuosa linea della C3 sottolineata da una verniciatura – originale – in Brands Hatch Green. Chevrolet vendette la ZR2 nel ’71, solo che costava una barca di soldi, e ne piazzò dodici, due delle quali erano convertibili. Questo pare sia l’esemplare migliore al mondo, mai restaurato, chilometraggio bassissimo (14.000 km), interni conservati e intonsi e un fascino unico. Tanto unico che la ZR2 negli anni ha vinto dozzine di premi e che Mecum si aspetta una cifra attorno al milione di dollari, forse anche di più. Nonostante il prezzo questa volta la ZR2 dovrebbe essere più facile da vendere rispetto al ’71… .

© RIPRODUZIONE RISERVATA