a cura della redazione - 13 April 2022

Mercedes aggiunge alla gamma la SL43 AMG

Più pacata e rilassata delle sorellone 55 e 63 la 43 offre quasi 400 cavalli e una turbina elettrica in prima assoluta

Mercedes ha deciso pochi anni fa di abbandonare la SLK dopo una gloriosa carriera, ma resta in listino sempre la SL, la sorella maggiore più lussuosa, potente, (pesante) e spaziosa. L’ultima versione ad aggiungersi alla gamma è la SL43 AMG, che va ad affiancare le già presenti SL55 e SL63. Le cifre non indicano da un bel pezzo la cilindrata, e sia la 55 che la 63 montano un 4.0 litri biturbo derivato dalla GT con vagonate di cavalli, persino 585 cavalli nel caso del top di gamma. La SL43 vuole essere una scelta più pacata, più rilassata senza però farvi passare per poveracci.

Potenza e coppia non sono male – rispettivamente 381 cavalli e 480 Nm di coppia – solo che metà dei cilindri è scomparsa. Già, la SL43 è mossa dal quattro cilindri turbo che troviamo sotto il cofano della A45, qui con un turbocompressore elettrico che tenta di azzerare il lag piazzando un minuscolo motore elettrico direttamente collegato alla girante della turbina. E’ la prima volta che questa tecnologia è impiegata in un’auto di produzione e Mercedes dice che i tempi di risposta calano drasticamente.

Il turbo elettrico è supportato da un sistema a 48 V che aziona anche l’ISG, un piccolo generatore che all’occorrenza dà qualche cavallo in più per un totale di 395. Il cambio come le altre due SL è un nove marce automatico ma in questo caso disturba solo le ruote posteriori, rendendo questa l’unica SL a trazione solo posteriore della gamma… e la più leggera. O meglio, la meno pesante dato che il peso a secco tocca i 1.810 chili. Nonostante ciò lo 0-100 si archivia in 4,9 secondi. Per il resto poco cambia, vi è qualche sottile modifica estetica e uno speciale azzurro per la carrozzeria, sempre ispirata all’AMG GT scoperta e molto gradevole seppur pesantuccia visivamente. Gli interni restano lussuosissimi e annegati nella tecnologia, che ovviamente avrà un caro prezzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA