di Tommaso Ferrari - 07 April 2022

Mercedes presenta una nuova Maybach in collaborazione con Virgil Abloh

La casa tedesca l'anno scorso ha terminato un progetto ancor più lussuoso con il defunto stilista

Di recente ho fatto un salto a Praga. Città incantevole, ricca di fascino, storia, architettura e scorci suggestivi. Ma mi ha lasciato basito la quantità di supercar e sportive che giravano per il centro, sarò capitato nella giornata giusta fatto sta che ogni dieci-venti secondi passava qualcosa come McLaren 600 LT, 765 LT Spider, M4, Ferrari, Porsche, Lamborghini, Camaro ZL1 1LE, Mustang Bullit, AMG di qualunque genere, Aston Martin, e… Maybach. Era da un po’ che non ne vedevo una e il balenottero bianco fuori dall’Hotel della quale non ricordo il nome faceva la sua sporca figura come limousine per i clienti. E per coincidenza è stata appena presentata una nuova Maybach, un’edizione limitata bicolore in soli 150 esemplari creata con l’aiuto dell’ormai scomparso Virgil Abloh, designer, stilista e direttore artistico.

Mercedes-Maybach ha collaborato con l’artista per realizzare questo incrociatore di lusso verniciato di oro e nero (Obsidian Black) e cerchi anch’essi dorati. Anche gli interni sono bicolore con il cielo, i montanti e parte dei pannelli porta scuri e i sedili infusi di pelle Nappa color sabbia. Il logo di Abloh spicca sui cuscini (sì, ci sono dei cuscini), sui poggiatesta, sui battitacco e sulla console centrale e giusto per non far mancare l’esclusività gli acquirenti riceveranno un piccolo scrigno di legno contenente un modello 1:18 della Maybach e una cover con i loghi della casa e del designer. Tutto il resto è al suo posto: la mole esagerata, il lusso imbarazzante, il 6.0 litri V12 da oltre 620 cavalli, il tablet oled con funzione 3d, l’impianto audio da concerto… tutto per farvi sentire in prima classe. Gli acquirenti non guideranno mai la Maybach lasciando fare al loro autista, ma fossimo in loro qualche sparo con una limousine costosissima non ce lo faremmo mancare… .

© RIPRODUZIONE RISERVATA