di Tommaso Ferrari - 17 March 2022

La Prodrive sta realizzando una versione stradale della BRX Hunter!

Il mostro della Dakar arriva su strada, con 600 cavalli, sospensioni esagerate e un aspetto micidiale

Anche i multimilionari possono annoiarsi. Avete magari una immensa villa pagata milioni, con un immenso parco annesso a piscine e jacuzi, e un immenso garage con dieci o venti delle supercar e hypercar più folli della storia. Che brutta vita. Che noia. Non preoccupatevi, c’è qualcosa che vi tirerà su di morale, tanto 1,5 milioni di sterline per un multimiliardario sono noccioline. La Prodrive ha – sul serio – realizzato una versione omologata su strada della allucinante BRX Hunter T1 usata da Loeb nella Dakar. Solo che la versione stradale ha ancora più cavalli. Questa belva da 19 quintali e trazione integrale monta un 3.6 litri Ecoboost V6 biturbo, imparentato con quello della Ford GT (!) e capace di 600 cavalli. Il telaio è in acciaio – uguale a quello da corsa – avvolto da una carrozzeria di carbonio, le gomme sono da 37 pollici, le sospensioni potrebbero reggere l’atterraggio di un Boeing 737 e ci sono persino porte diedrali.

Essendo omologato su strada il BRX Hunter monta frecce, sedili più comodi, un serbatoio da qualche milione di litri, ha prese d’aria ai fianchi invece che ruote di scorta e un’aerodinamica meno estrema. Il design invece è di Ian Callum, ex-Jaguar, chiaramente visibile dalle luci posteriori. La sopracitata cifra è giusta, 1,5 milioni di sterline (circa 1,8 milioni di euro) per qualcosa di spaventosamente brutale e unico e… poco utilizzabile nelle vie del centro. Gli acquirenti dei nemmeno 20 esemplari previsti saranno quasi certamente riccastri di Dubai che hanno il deserto dietro casa, o ricchi abitanti della campagna scozzese proprietari di ettari e ettari di boschi ecolline. Beh, li invidiamo. Strapazzare questabelva sfruttandone tutto il potenziale deve essere completamente diverso da una hypercar, ma ugualmente eccitante, non abbiamo dubbi.

Pics by Top Gear

© RIPRODUZIONE RISERVATA