di Tommaso Ferrari - 04 March 2022

La seconda P1 HDK di Lanzante ha un motore preparato da Cosworth

La High Downforce Kit stavolta guadagna un 4.0 litri con oltre 1.000 cavalli e un'aerodinamica cattivissima

Qualcuno lassù ci ha ascoltato. Grazie grazie grazie. Ci lamentavamo nell’ultimo articolo riguardante la Type 132 della scarsa (scarsissima) presenza di modelli nuovi per la quale emozionarsi, ed ecco che sbam, Lanzante butta fuori qualcosa di ordinaria follia. L’azienda inglese è responsabile di belve derivate dalla P1 come la P1 GTR e la P1 LM (la versione stradale della prima) e ora se ne esce con la P1 HDK; d’accordo, non è proprio nuovissima visto che la P1 – pazzesco vero? – a pensarci ha già quasi dieci anni ma sinceramente… chissene. Quello che ha fatto Lanzante è stato riprendere l’idea del pacchetto ‘HDK’ (High Downforce Kit) offerto per la F1 – che la rendeva più efficace e soprattutto da pelle d’oca da vedere – rendendolo disponibile per la P1.

La P1 HDK riesce così a mescolare aspetti aerodinamici della GTR insieme a performance migliorate rispetto alla P1 (notoriamente un chiodo!) e a tocchi interni inediti. Una prima HDK era già stata consegnata, ma la seconda adesso ha il suo 3.8 litri V8 portato a 4.0 litri e elaborato nientemeno che da Cosworth che grazie a svariati interventi ha potuto superare agilmente i 1.000 cavalli. Non manca un tocco retrò con foglie d’oro per il vano motore, pinze dorate, qualche badge rievocativo qua e là, specchietti ripresi dalla GTR e uno scarico ceramico sviluppato appositamente. Gli interni sono una profusione di carbonio con sedili stupendamente Vintage, nuova pedaliera, poggiatesta ricamati HDK e la stessa cura già riservata da McLaren. I prezzi sono top secret, non che ad un proprietario di una P1 potrebbe far freddo un salatissimo conto di Lanzante, specialmente considerato il fenomenale risultato finale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA