di Tommaso Ferrari - 16 February 2022

Spettacolo su ruote: una Toyota 2000 GT SCCA

Preparata da Shelby per il campionato americano la 2000 GT è una delle più belle auto del Motorsport di sempre

Buttare giù al volo una breve lista di alcune delle più belle auto da corsa di sempre non è difficile: Jaguar E-Type Low Drag GT, Aston DB4 GT Zagato, Ferrari 250 GTO, McLaren F1, Porsche 917 K, Mercedes 300 SLR… e via dicendo. Inclusa una Toyota. Non una qualsiasi – starete mica pensando ad una Camry da Nascar? – ma un esempio squisito di eleganza e proporzioni, una giapponese capace di far seriamente preoccupare le europee a fine anni ’60. Infatti l’esemplare di 2000 GT messo all’asta dalla Gooding & Company è talmente bello da mozzare il fiato. Il qui presente numero di telaio MF10-10001 è il primo dei soli tre – su richiesta della casa – ad essere stato preparato da Carroll Shelby per partecipare al campionato SCCA, classe C, e una delle vetture utilizzate per presentare la 2000 GT all’intera America.

Non è bella, è dolorosamente bella: le proporzioni impeccabili, la linea bassa e filante, la seduta quasi da supercar e la meccanica sviluppata insieme a Yamaha, senza contare i dettagli da corsa come i doppi scarichi alti, il tappo del rifornimento rapido, cinture a 5 punti e l’iconica livrea bianca e blu. Esatto, come quella in Gran Turismo. La 2000 GT partecipò al campionato SCCA del 1968, e anche se chiuse ‘solo’ quarta battuta da Porsche e Triumph non mancò di centrare diversi primi, secondi e terzi posti, oltre a guadagnare il rispetto dei piloti che la descrivevano come fenomenale da guidare, nonostante i cavalli in difetto rispetto alla concorrenza. Ho avuto la fortuna di guidarne una stradale (150 cavalli contro i circa 200 della versione da corsa) ed è stata un’esperienza meravigliosa, molto simile al mix di delicatezza e aggressività che trovate in una Lotus. La casa d’aste presenterà questo capolavoro ad Amelia Island, il 4 Marzo, con una cifra attesa intorno ai tre milioni di dollari. Doloroso anche il prezzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA