di Tommaso Ferrari - 16 July 2021

Aston Martin presenta la Valhalla definitiva. E la adoriamo

Design incantevole, 950 cavalli, prestazioni balistiche e il record al 'Ring in testa

Fino ad ora la Valhalla non era stata altro che un insieme di immagini ipotetiche, numeri un po’ qua e un po’ là senza tante certezze e con una data di arrivo sconosciuta. Ora sappiamo molto di più di lei e… e ca**o quanto è bella. Rispetto alla concept sono cambiate moltissime linee, in particolare il frontale con una bocca più ampia che circonda la griglia Aston e la fiancata, molto più tormentata dell’originale e sormontata da finissimi specchietti. La combinazione del verde per la carrozzeria e il nero per il tetto e pochi altri dettagli è squisita, al retro vi sono due scarichi che puntano verso il cielo – ormai stanno diventando quasi di moda, e la cosa ci piace un sacco – e il profilo sottile e slanciato rende la Valhalla una delle hypercar più affascinanti in circolazione.

Altra lieta notizia è il motore: Aston ha scartato l’idea del V6 al contrario di quanto previsto, e ha puntato sul pezzo grosso, un V8 4.0 litri da 740 cavalli con albero piatto e 7.200 giri di limitatore; esatto, lo stesso che si trova sulla AMG GT Black Series, solo che a Gaydon l’hanno completamente rivisto per adattarlo al carattere della Valhalla. In aggiunta al V8 ci sono due motori elettrici che portano il totale a 950 cavalli, trasferiti a terra tramite un doppia frizione otto marce by Graziano. Chilometri percorribili solo in elettrico? Non ci interessa. Invece ci interessano gli altri numeri: 0-100 in 2,5 secondi, 350 km/h di velocità massima, 1.550 chili il peso a secco, 600 chili di deportanza e una caccia aperta al record al ‘Ring. Aston dichiara che il loro target è un 6’30’’, 13 secondi più veloce della GT2 RS MR, e viste le premesse pare non stiano solo sbruffonando a caso. Il prezzo della Valhalla – che arriverà nel 2023 – sarà di 600.000 sterline (poco meno di 700.000 euro), un affarone se pensavate di acquistare la Valkyrie e vi siete innamorati di questa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA