di Tommaso Ferrari - 12 July 2021

Divertitevi a configurare la Lotus Emira

Il configuratore Lotus è un bel passatempo per 'speccare' la vostra Emira preferita, scoprendo che è difficile crearne una brutta

La nuova Emira ci provoca sentimenti contrastanti: da un lato è una tragedia vedere l’ultima vettura esclusivamente a benzina di Lotus, dall’altro lato quella coupé moderna sembra una bomba da guidare, seppur il peso sia troppo ‘Evora’ e meno ‘Elise’. 1.400 chili per una Lotus sono un’enormità, ma anche la Evora paga lo stesso scotto e si guida in maniera incredibile, e inoltre la qualità costruttiva di interni e dettagli sembra su un altro livello. Se state sbavando sulla Emira provate il configuratore messo a disposizione da Lotus: potete scegliere dai colori più sgargianti (tipo l’Hethel Yellow o il Magma Red) a quelli più sobri (come il Nimbus Grey o il Dark Verdant) combinando il tutto con il Black Pack (dettagli e tetto neri) insieme a diversi disegni per i cerchi.

Gli interni molto moderni possono essere ricoperti di Alcantara con cuciture che riprendono il colore della carrozzeria o – per osare di più – di pelle totalmente rossa o ghiaccio; niente pelle gialla ci spiace. Infine la meccanica: di default (grande Lotus) sul configuratore viene già selezionato il V6 da 3.5 litri col volumetrico abbinato al cambio manuale a sei marce con il differenziale autobloccante. Come non volerle bene? P.s.: selezionate il quattro cilindri AMG e appariranno magicamente due paddle al volante. Scelta sbagliata insomma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA