a cura della redazione - 21 December 2020

Ferrari Purosangue: avvistata durante i test su strada

Alcune foto spia, apparse in rete, hanno immortalato il primo Suv del Cavallino Rampante alle prese con i consueti collaudi di routine questa volta su strade aperte al pubblico.

Avanti tutta con il vento in poppa per lo sviluppo e i test di collaudo della Ferrari Purosangue, il primo Suv della Casa di Maranello. Il primo modello a ruote alte del Cavallino è stato, infatti, immortalato da Simone Masetti che ne ha subito diffuso le immagini sul suo profilo Instagram. Guardando con attenzione le foto spia, trapelate in rete, si apprende di come stia proseguendo anche su strade aperte al pubblico lo sviluppo di questo nuovo e iconico modello ma di come dal punto di vista estetico ancora poco sappiamo e continueremo a sapere. Il modello, immortalato nelle foto, era, infatti, come di consueto ben camuffato così da impedire che potesse trapelare qualsiasi indiscrezione sulla reale linea futura.

Attesa per l’inizio del 2022, la prima Sport Utility di Maranello sancirà l’ingresso del prestigioso Marchio italiano in un segmento completamente nuovo, stravolgendo non poco le regole del gioco e portandosi dietro non poche discussioni in merito e critiche da parte dei più “fondamentalisti”. Per sapere quindi di più del suo aspetto fisico ci toccherà attendere ancora un po’ oppure cercare di trarre qualche conclusione della immagini che Simone Masetti ha diffuso in rete. Guardandole con attenzione è, infatti, difficile non notare i richiami agli Suv di Casa Maserati e di Casa Alfa Romeo. Anche se alcune importanti differenze cifanno pensare che non sarà un semplice copia e incolla e che sotto pelle troveremo un powertrain molto più succulento e un forse un pianale inedito.

Le carreggiate allargate, il doppio terminale di scarico, l’assetto più basso, il diffusore posteriore, il cofano motore lungo e l’aspetto più aggressivo in generale dovrebbero essere le ciliegine sulla torta di una silhouette sicuramente più particolare e di effetto. La nuova Sport Utility sarà, inoltre, una Ferrari a tutti gli effetti che adotterà molto probabilmente una inedita piattaforma modulare, la stessa della Ferrari Roma ma riadattata, capace di coniugare il piacere di guida tipico delle vetture di Maranello con un elevato comfort e un buon spazio a bordo tipici di vetture del segmento Suv.

L’avanzata e inedita piattaforma consentirà l’adozione di un motore in posizione anteriore-centrale, propulsore che con molta probabilità potrebbe essere una inedita unità V6 turbo ibrida plug-in al quale la Casa di Maranello sta lavorando in gran segreto. Permettendo però la stessa piattaforma di poter installare tanto unità V6, V8 e V12 e pure powertrain ibridi, potremmo trovare sotto il cofano anche la stessa unità che equipaggia la SF90 Stradale oppure un classico V12, motore nobile per la Casa italiana, con l’ausilio di una unità elettrica a formare un powertrain ibrido di ultimissima generazione. Qualsiasi sia la soluzione con molta probabilità il motore sarà affiancato da un cambio automatico a doppia frizione e da una trazione posteriore o integrale con velleità sportive.

Foto: screenshot via IG Simone Masetti

© RIPRODUZIONE RISERVATA