a cura della redazione - 01 December 2020

La Porsche 911 GT1 è ancora la sportiva stradale più estrema di sempre

Per Tiff Needell non è basata su un’auto da corsa ma è un’auto da corsa.

Nel corso degli anni la Casa di Zuffenhausen è stata capace di realizzare alcune sportive stradali davvero estreme. Tra queste possiamo citare la Carrera GT con motore V10, l’inarrestabile GT2 RS e la futuristica 918 Spyde, ottimi esempi di come la Casa tedesca sia stata capace di realizzare non solo modelli sportivi ma vere e proprie icone al peperoncino. Tra tutte queste però l’indiscussa regine è e rimarrà per sempre la Porsche 911 GT1, ancora oggi la sportiva stradale più estrema di sempre.

A dirlo è stato nientemeno che Tiff Needell che ha sottolineato come la 911 GT1 sia l’essenza del coinvolgimento per il pilota. I sedili ti abbracciano perfettamente e lo sterzo è sapientemente regolato per fornire il massimo feedback. Quel motore poi, sebbene non elegante ed emozionale come il V12 della McLaren, è comunque pieno di vita, un vero fiume in piena. Insomma un vero appassionato non potrebbe chiedere di meglio.

Costruita per omologare la vettura da corsa di Porsche per la 24 Ore di Le Mans, la GT1 non era solo un'auto da strada con un gruppo di parti da corsa imbullonate: era un'auto da corsa, resa legale per la strada. La parte anteriore era la 911 standard, ma la metà posteriore era essenzialmente prelevata dal prototipo della 962 con un 3,2 litri 6 cilindri biturbo benzina per un'esperienza estremamente viscerale, completata da un abitacolo estremamente rumoroso, sospensioni rigide e un’altezza da terra ridotta al minimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA