27 August 2020

Una Tesla Model 3 si beve una Porsche GT3 RS

Grazie alle amorevoli cure dei ragazzi di Unplugged Performance e un assegnino di circa 35.000 dollari, cifra necessaria per questa speciale elaborazione, l’elettrica di Palo Alto vola alla Pikes Peak.

Oramai le elaborazioni delle auto elettriche non sono più una novità e sempre più di frequente si trovano in commercio kit di elaborazione o preparatori in grado di far letteralmente volare queste auto a batteria. Naturalmente la maggior parte di questi tuner si è specializzato sulle Tesla perché più diffuse e perché di base già molto prestazionali.

Una usanza oramai talmente diffusa da aver spinto persino il loro creatore, Elon Musk, ad affermare di non disdegnare queste elaborazioni anzi di condividerle e di voler lui stesso mettere in commercio una variante vitaminizzata delle sue creature a elettroni.

Bene, detto questo, non possiamo non citare una delle ultime trasformazioni che ha visto coinvolta una Tesla Model 3 che ha ricevuto le amorevoli cure dei ragazzi della Unplugged Performance, preparatori americani specializzati proprio sulle auto della Casa californiana. Preparata a dovere con un kit che è regolarmente in vendita Oltreoceano a 35.000 dollari e che è persino regolarmente omologato per la circolazione su strada, i ragazzi i Unplugged Performance sono riusciti a trasformare una semplice Model 3 in una vera e propria auto da corsa. Modificata nel powertrain, nell’assetto e nell’aerodinamica, la Tesla Model 3 vitaminizzata è scesa poi in pista per dimostrare di che pasta sia fatta.

Sul circuito di Buttonwillow, in California, è stata persino capace di siglare il record sul giro (1’54”266), mettendosi dietro di ben 3 secondi vetture del calibro di Porsche 911 GT3 RS. Non più quindi semplici gare di accelerazione ma vere e proprie dimostrazioni di potenza con annesso record sull’intero giro di pista.

Terminata questa fase di test in pista i ragazzi di Unplugged Performance hanno pensato bene di puntare a un obiettivo leggermente più ambizioso: correre la tanto affascinante quanto difficile e temuta Pikes Peak.

Ecco perché dai quei primi test in pista sono proseguiti i test e i collaudi di sviluppo per elaborare ulteriormente questa speciale Model 3 e renderla ancor più adatta all’uso in pista rispetto alla circolazione su strada. A tentare la scalata e il taglio del traguardo della difficilissima gara ci sarà Randy Pobst, detto "The Rocket": pilota che in quasi 30 anni di carriera ha vinto una serie infinita di titoli nelle serie americane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA