a cura della redazione - 27 December 2020

Tesla ferma la Dyno Mode: troppo pericolosa per strada

La Casa di Palo Alto ha deciso di inibire questa modalità, che dovrebbe essere utilizzata solamente sul banco prova a rulli, perché in troppi la stanno utilizzando anche per strada.

Le vetture elettriche della Casa californiana sono davvero un concentrato di tecnologia ricco di continue sorprese e funzionalità nascoste. Come dei veri e propri smartphone o personal computer anche queste vetture a batteria possono essere aggiornate via OTA (Over The Air) e possono godere di continui miglioramenti o incrementi prestazionali, semplicemente aggiornando la versione del loro software di gestione.

Una delle ultime modalità nascoste che sta creando tanto clamore è quella denominata Dyno Mode. Si tratta della specifica modalità che consente di disabilitare il controllo di trazione, il controllo di stabilità e la frenata automatica di emergenza così da permettere al proprietario di poter “bancare”, cioè testare su un banco prova a rulli, la propria vettura per carpirne i reali valori di coppia e potenza erogati dal suo o dai suoi motori.

Il perché di tanto scandalo? Perché a quanto pare questa modalità, che dovrebbe essere utilizzata solamente sul banco prova a rulli e per questo è stata nascosta all’interno del sistema operativo, è stata utilizzata fin troppe volte nell’ultimo periodo in strade aperte al pubblico e al regolare traffico, invece, che su un banco prova.

Una pratica che non solo mette a rischio la salute e la sicurezza del conducente ma anche di tutti le altre persone presenti in strada. Per questo motivo la Casa di Elon Musk ha pensato bene, tramite l’aggiornamento 2020.8.1, di limitare la possibilità di poter utilizzare “liberamente” come prima questa modalità.

Una scelta dettata anche dal fatto che tutti coloro che non avrebbero potuto beneficiare del nuovo pacchetto di upgrade prestazionale Track Mode 2 si erano riversati sull’attivare tale modalità Dyno Mode per poter usufruire di una Tesla più performante e soprattutto sbarazzina e divertente anche nell’utilizzo su strada.

© RIPRODUZIONE RISERVATA