di Tommy Maino - 25 febbraio 2020

Lamborghini Aventador SVJ: finale a sorpresa!

A tavolino credevamo che l’ultima evoluzione della Aventador potesse solo avvicinarsi al record fatto registrare sulla “nostra” pista Tazio Nuvolari di Cervesina dalla più leggera e compatta Huracán Performante. Invece le cose sono andate diversamente….

SVJ, una sigla che genera grandi aspettative

Ieri come oggi, l’aggiunta di una particolare lettera nel nome di alcuni sogni su quattro ruote, fa una grande differenza. Il segno a cui mi riferisco è la storica J (Jota), che negli Anni Sessanta indicava l’allegato del regolamento FIA nel quale si citavano tutte le regole per trasformare un’auto stradale in modello da competizione. Ora sono cambiate molte cose, le GT da corsa classe GT2 e GT3 spartiscono ben poco con i modelli omologati da cui dovrebbero derivare, men che meno la Aventador, che non gareggia affatto nel motorsport.

Ma rivedere la J insieme alla sigla SV (Super-Veloce) sul prodotto più performante della Casa, genera comunque grandi aspettative. Già da ferma, le forme rapiscono, e si meritano alla grande le tre nobili lettere.

Rispetto alla Aventador S l’aerodinamica è ben diversa, e non serve per fare scena davanti al bar… Lo splitter, il cofano anteriore e l’estrattore presentano un disegno diverso, così come buona parte della carrozzeria. L’imponente alettone posteriore include il sistema ALA (Aerodinamica Lamborghini Attiva) che ho già sperimentato più volte sulla Huracán Performante. Con piacere lo riassumo nuovamente con poche parole: una serie di condotti aspirano l’aria dalle fiancate e la convogliano dentro i piloni dell’alettone, il resto lo fa una valvola a comando elettronico che, a seconda delle situazioni, permette o meno il transito dell’aria. In rettilineo il flusso viene “sparato” nella parte inferiore del profilo per far stallare l’alettone. Mentre, per venire in aiuto della SVJ quando affronta la parte più “nervosa” della pista, il sistema può far stallare solo una parte del profilo alare, aiutandola così a curvare. Chapeau!

Impressioni (1)

Impressioni (2)

Finale a sorpresa

© RIPRODUZIONE RISERVATA