a cura della redazione - 10 December 2020

Le 5 repliche di supercar più assurde

Alcune repliche di supercar stupiscono per dedizione e cura dei particolari, altre decisamente no.

C'è chi imita per adulazione e chi per irriverenza o, ancor peggio, contraffazione. L'importante è saper distinguere le due facce della stessa medaglia. E quando si tratta di supercar, la linea può essere davvero sottile.

Abbiamo trovato sul web 5 repliche di auto da sogno davvero originali, in cui la creatività dei loro costruttori non ha fatto fatica a esplodere.

Mercury Cougatti

Questo Mercury Cougar del 2002 travestito da Bugatti Veyron del 2012 è stato recentemente inserito su Craigslist. Il prezzo? 125.000 $. Questa la cifra per ottenere un'auto dall'aspetto accattivante come quello della Veyron, ma, bisogna ammetterlo, senza il sound del motore Bugatti da 1.200 cavalli. Al suo posto, il motore Mercury da 170 cavalli.

Ferrari 250 GTO "fatta a mano"

Questa vettura, sebbene assomigli molto all'autentica Ferrari e sia alimentata da un V12 preso in prestito da una Ferrari 365, è in realtà una replica fatta a mano in quattro anni da un esperto di restauro della Nuova Zelanda. Il proprietario dell'auto l'ha commissionata per poco più di un milione di dollari.

Lamboyota MR2-Veneno

Una supercar che unisce la Lamborghini Veneno Roadster con una Toyota MR2 Spyder: questo è il risultato del lavoro di una carrozzeria thailandese. La licenza creativa utilizzata in questo caso è davvero parecchia, considerando l'unione fra due modelli di auto molto diversi fra loro. Il risultato forse è più confuso che convincente: la forma di certo non ricorda per niente quella di una Lamborghini, ma c'è d'apprezzare l'ingegno con cui è stata costruita.

Lamborghini Aventador stampata in 3D

L'idea di realizzare una Lamborghini Aventador con una stampante 3D e un motore Corvette è venuta al fisico Sterling Backus e suo figlio. L'auto è stata realizzata con una stampante 3D Creality CR-10 105 ed un budget di 20.000 dollari. Molte sono le difficoltà incontrate nel corso della realizzazione, a partire dal rinforzo della plastica con fibre di carbonio e dalla scelta e successivo alloggiamento della motorizzazione, un V8 recuperato da una Corvette.

Lamborghini homemade

Ken Imhoff ci ha messo 17 anni ma alla fine ce l'ha fatta: ha costruito da zero una Lamborghini Countach nel seminterrato di casa sua. Conclusa nel 2008, Imhoff, dopo tutti gli anni di lavoro, ha dovuto noleggiare un escavatore per estrarre la vettura e poterla mostrare al mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA