a cura della redazione - 14 dicembre 2019

Alla guida della Audi S6 Avant

Audi S6 Avant Un motore diesel sotto il cofano di un’Audi ad alte prestazioni è un passo indietro? Non per la S6.

1/4

1 di 4

Il motore Diesel non è morto. I clienti delle auto più grandi, sanno perfettamente che al momento non esiste un sostituto quando si cercano prestazioni elevate associate a bassi consumi e autonomie di un certo livello, anche se i legislatori stanno facendo di tutto per distruggere il mercato delle auto a gasolio. Per quanto riguarda invece evo, la situazione è meno complessa: le auto diesel non sono in genere coinvolgenti da guidare quanto le corrispondenti versioni a benzina. La coppia quasi infinita è una cosa, ma il range di utilizzo limitato, il sound sgradevole e la zona rossa del contagiri che comincia quando i motori a benzina iniziano a diventare divertenti non sono mai stati gli ingredienti ideali del puro divertimento.

Quindi la decisione di Audi di sostituire il suo vecchio V8 biturbo a benzina con un 3 litri V6 a gasolio per le nuove S6 berlina e Avant, oltre che per la S7 Sportback, rappresenta chiaramente un motivo di preoccupazione.

La perdita di un centinaio di Cv rispetto al vecchio 4 litri TFSI non è una buona notizia, così come il fatto che il nuovo motore da 349 Cv raggiunga grossomodo i due terzi del regime di rotazione del precedente motore a benzina è un vero peccato. La coppia costituisce invece un punto a favore del diesel, con un dato di 700 Nm, quindi il 27 per cento in più di prima. Si tratta comunque di un motore meno flessibile. Mentre il V8 dava il suo meglio a partire da 1.400 giri e lo manteneva lungo l’intero arco di erogazione, la maggior coppia sviluppata dal diesel dura solo per 600 giri.

Audi ha adottato il compressore elettrico derivato dalla SQ7 per una migliore risposta ai bassi regimi. La nuova S, come del resto i modelli non S, sfrutta la rete di bordo a 48V per alimentare l’alternatore che serve anche come motorino di avviamento del sistema mild-hybrid per assicurare ripartenze immediate e recuperare energia in fase di rilascio. Altri cambiamenti? Le S6 e S7 diesel impiegano ora il cambio automatico Tiptronic a 8 marce al posto del precedente doppia frizione S-tronic a sette marce, mentre le prestazioni e i consumi vanno in direzione opposta l’uno rispetto all’altro.

Il tempo per scattare da 0 a 100 km/h è infatti cresciuto di circa mezzo secondo in funzione del modello preso in considerazione (la berlina impiega 5,0 secondi, mentre la Avant e la S7 sono più lente di un ulteriore decimo), mentre i consumi – secondo la più severa normativa WLTP – indicano percorrenze di 12,8 km/litro per la S6 berlina contro i 10,6 km/litro della precedente V8. Tutte considerazioni abbastanza scontate insomma: il benzina è più prestazionale del diesel, che però consuma meno. Ci sono stati anche alcuni cambiamenti estetici: sia la S6, sia la S7 si basano sulle A6 e A7 che hanno debuttato circa un anno fa, quindi si differenziano in modo abbastanza sostanziale dalle classiche versioni S, a partire dai nuovi cerchi in lega (da 20 pollici di serie, mentre quelli da 21” sono optional), passando per gli scudi paracolpi e le minigonne laterali ristilizzate, ma senza dimenticare i gusci degli specchietti retrovisori color argento.

Dal punto di vista meccanico, S6 eS7 beneficiano delle sospensioni dalla taratura specifica, del differenziale centrale a bloccaggio automatico, mentre tra gli optional figurano il differenziale posteriore sportivo, le ruote posteriori sterzanti e le sospensioni adattive ad aria. La S6 Avant del nostro test monta il differenziale posteriore sportivo, ma le sospensioni sono quelle adattive di serie. Tutto sommato non è un problema, sia perché le sospensioni ad aria Audi non sono il punto di riferimento in termini di comfort, sia perché già quelle di serie si comportano molto bene sulle strade più sconnesse della Germania. Ecco la parte più controversa: il motore diesel.

Le prestazioni sono notevoli, con il motore che spinge forte ai medi regimi, anche usando poco gas. Il sound in fin dei conti non è malvagio. Certo, ma solo dopo essere entrati nel menù dedicato alla generazione artificiale del suono e averlo disattivato, perché sembra il prodotto di un ingegnere che ha dovuto in qualche modo arrangiarsi non avendo trovato in archivio il file audio del vecchio V8. Comunque sia, si avverte la tipica sonorità del V6 solo in piena accelerazione, altrimenti la silenziosità è pari a quella di una A8. Potresti forse essere deluso scendendo da una vecchia V8 o se fossi un cliente abituale dei modelli S6, altrimenti il V6 TDI non è poi così male. Più che altro non bisogna mai far scendere il motore sotto i 2.000 giri quando si usa il cambio in manuale per evitare di dover attendere a lungo prima che il motore riprenda a spingere.

In quei frangenti ci si domanda a cosa serva il compressore elettrico dato che non aiuta il motore quando il turbo convenzionale non produce ancora i suoi effetti. La situazione non migliora tuttavia lasciando la leva del cambio in automatico, dato che la trasmissione impiega un po’ di tempo a scegliere la marcia giusta, con il risultato finale di una fastidiosa pausa in seguito all’affondo del gas. In compenso il telaio non delude, ma anche i freni rallentano a dovere le oltre 2 tonnellate di peso. Le ruote posteriori sterzanti disponibili a richiesta fanno poi sembrare la S6 più simile ad una S4, ma senza penalizzare lo sterzo. Certo, il feeling non è certo ideale, ma precisione, peso e consistenza non sembrano disturbati dal retrotreno sterzante. Per essere un’auto così grossa e pesante, agilità e controllo del corpo sono comunque notevoli. Il motore diesel potrà sempre essere un ostacolo per alcuni e i legislatori potrebbero annullare qualsiasi vantaggio economico rispetto al precedente V8. Comunque sia si adatta al ruolo della S6, anche perché ci saranno sempre le versioni RS per gli amanti dei motori a benzina. Antony Ingram

Motore V6, turbodiesel, 2.967 cc
Potenza 349 Cv @ 3.850 giri
Coppia 700 Nm @ 2.500-3.100 giri
Peso 2.020 kg (5,8 kg/Cv)
0-100 km/h 5,1 sec
Velocità massima 250 km/h (autolimitata)
Prezzo82.850 euro
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news

Toyota GR Yaris: hot hatch al peperoncino

Toyota GR Yaris: hot hatch al peperoncino

24 gennaio 2020

Supercar da più di 10 milioni? Queste 5 Ferrari ne valgono anche il doppio!

Supercar da più di 10 milioni? Queste 5 Ferrari ne valgono anche il doppio!

24 gennaio 2020

Toyota GR Supra: arriva in Europa il 2.0 litri da 258 CV

Toyota GR Supra: arriva in Europa il 2.0 litri da 258 CV

23 gennaio 2020

Bambino di 6 anni alla guida di una 488 GTB insieme a Charles Leclerc: performance sorprendente!

Bambino di 6 anni alla guida di una 488 GTB insieme a Charles Leclerc: performance sorprendente!

21 gennaio 2020

All'asta la rarissima Gemballa Mirage GT Gold Edition di Eto'o

All'asta la rarissima Gemballa Mirage GT Gold Edition di Eto'o

21 gennaio 2020

Audi RS7: prestazioni eccellenti, ma vale davvero il suo prezzo?

Audi RS7: prestazioni eccellenti, ma vale davvero il suo prezzo?

20 gennaio 2020

Mercedes Vision AVTR, l'auto ispirata ad Avatar che si muove anche in obliquo

Mercedes Vision AVTR, l'auto ispirata ad Avatar che si muove anche in obliquo

20 gennaio 2020

Ferrari F50: messo all’asta il primissimo esemplare prodotto

Ferrari F50: messo all’asta il primissimo esemplare prodotto

19 gennaio 2020

"Le Tesla parleranno con le persone", lo dice Elon Musk

19 gennaio 2020

Morgan Plus 4 70th Anniversary: serie limitatissima

Morgan Plus 4 70th Anniversary: serie limitatissima

18 gennaio 2020